prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 3°

venerdì, 24 marzo 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

prenota

gesam2016


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Gionata chi?

lunedì, 20 marzo 2017, 22:27

di aldo grandi

A ognuno, nella vita, dovrebbe spettare, almeno, un quarto d'ora di celebrità. Anche a chi, non avendo la pazienza di informarsi, finisce per scrivere inesattezze e, soprattutto, dimostrare una ignoranza elevata all'ennesima potenza. A noi dispiace che qualcuno, tra i politici e i politicanti da strapazzo che albergano in Versilia, se la sia presa per un articolo apparso qualche giorno fa e che ha totalizzato, mai accaduto prima, alcune migliaia di visualizzazioni soltanto perché denunciava un ipotetico accordo sia pure tacito tra un esponente del centrosinistra candidato a sindaco, Michele Molino e il vice-coordinatore regionale di Forza Italia Massimo Mallegni. L'articolo non era firmato e la cosa ha suscitato qualche polemica al punto che tale Gionata Paolicchi, del quale non conoscevamo ne conosciamo il profilo professionale apprendendo, proprio ora, che si occupa di pesca - beato lui - proprio dialogando su facebook con il signor Bruno Murzi, candidato a sindaco di una lista civica, ha avuto a che dire sia sull'articolo, sia sul fatto che non fosse firmato, sia sul giornale, la Gazzetta, che pubblicherebbe 'stronzate', un giornale, come scrive 'amatoriale' con un direttore - il sottoscritto - non iscritto all'albo mentre lui, il Gionata Paolicchi, all'albo - quale?, quello delle figurine Panini? - è iscritto da decenni. Noi non sappiamo quale sia il grado di cultura e di conoscenza storica, oltreché religiosa del Nostro, ma se non rammentiamo male, Gionata era il nome di un personaggio biblico passato alla Storia per il coraggio indomito...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Sindaco Del Dotto se avesse un minimo di coraggio dovrebbe dimettersi

lunedì, 13 marzo 2017, 17:58

di aldo grandi

Noi abbiamo avuto la fortuna, a questo punto, di non aver mai conosciuto personalmente il sindaco Alessandro Del Dotto. Sapevamo che è pappa e ciccia con l'ex commissario del Pd viareggino e avvocato Dati e che tutti e due non sopportano Giorgio Del Ghingaro sindaco di Viareggio. Effettivamente, tra i tre c'è una grossa differenza che non specifichiamo per non prenderci rischi di querele od esposti. Ciò che è accaduto alla Misericordia di Lido di Camaiore dove sono ospitati alcuni clandestini come li chiamiamo noi o migranti e profughi come li definisce il nuovo dizionario del Pensiero Unico, è la dimostrazione di ciò che accade anche a Lucca nei supermercati che si trovano a un tiro di schioppo dalla tendopoli che ospita più di 200 immigrati voluta dalla pre-fetta, fortunatamente trasferita, Giovanna Cagliostro e dal sindaco Pd Alessandro Tambellini. Ossia ai clandestini-migranti-profughi fotte nulla di seguire le indicazioni merceologiche e alimentari della Croce Rossa o della Misericordia, interessa spendere i soldi delle carte prepagate nell'acquisto, come sembra, di alcolici, altre bevande non proprio adatte a chi cerca di integrarsi o articoli di svago tutt'altro che necessari. Se andate a leggere il comunicato diffuso dal comune di Camaiore e, quindi, dal sindaco in carica che sta preparandosi la campagna elettorale, c'è da restare sbalorditi per tanta dimostrazione di inettitudine, ipocrisia, falso buonismo, disponibilità a mercanteggiare su tutto anche su questioni fondamentali. Se la Miserircodia di Lido di Camaiore ha deciso di ritirare le card, vuol dire che ha un motivo più che valido...


Ce n'è anche per Cecco a cena

8 Marzo, dov'è la festa?

mercoledì, 8 marzo 2017, 09:09

di aldo grandi

Negli anni Ottanta, quando chi scrive era poco più di uno studente universitario e poco meno di un aspirante giornalista, nel corso di una inchiesta tra i giovani e le giovani che avevano vissuto la loro gioventù durante il fascismo, capitò di incontrare, per intervistarla, la senatrice Tullia Romagnoli figlia di Ettore, uno dei più conosciuti grecisti italiani, all'epoca presidente dell'istituto Italo-Africano con sede ai Parioli. Durante la lunga chiacchierata, il sottoscritto ebbe a domandarle, visto il racconto autobiografico, se non aspirasse a diventare ambasciatrice. Lei, punta sul vivo, rispose, ricorda ancora l'autore di queste poche righe: "Mi scusi, vorrei fare, casomai, l'ambasciatore, non l'ambasciatrice" che, se male non ricorda questo umile guitto di provincia, era considerata la moglie dell'ambasciatore. In questo Evo in cui le parole, all'insegna del Pensiero Unico dominante e grazie alla Laura Bodrini e alle sue scolarette, viene sistematicamente massacrato in nome di una presunta emancipazione non solo femminile, ma, pare, di tutte le minoranze qualunque esse siano, le parole di Tullia Romagnoli suonano come una presa di posizione realmente competitiva e autocosciente. Sembra, infatti, che l'uguaglianza tra uomo e donna debba maturare nelle persone non in base ad un concreto agire quotidiano frutto del buonsenso, ma...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Pena di morte senza se e senza ma

mercoledì, 1 marzo 2017, 00:22

di aldo grandi

Ci hanno intimato di non aprire più la... penna per scrivere quello che la gente comune, quella che ragiona con la pancia per intenderci, che odia e disprezza i politicanti, che vive la vita ogni giorno con il coltello tra i denti e non i conti correnti ben pasciuti e riforniti 12 mila euro al mese come accade a chi tiene il culo sulle poltrone di Montecitorio e di Palazzo Madama, pensa, ma non può, per paura, per viltà, per prudenza, per amor del quieto vivere, per semplice disinanto, scrivere. Ci hanno, metaforicamente, minacciato facendoci apertamente capire che, la prossima volta, ci daranno anche gli interessi. Noi, che non siamo abituati a prenderlo sotto la coda né, la coda, la teniamo, abitualmente, tra le gambe, abbiamo accettato e ascoltato, ma è duro, durissimo, praticamente impossibile reggere al sentimento di rabbia, di disgusto, di disprezzo, di inenarrabile schifo che proviamo verso questa classe politica di imbelli, inetti, incapaci, inutili rappresentanti solo e soltanto di se stessi e della parte peggiore di un popolo, quello italiano, levantino per natura e definizione e, come sosteneva Giaime Pintor nel suo bellissimo Sangue d'Europa, riscattatpo soltanto da minoranze rivoluzionarie che si affacciano sulla scena solo nei momenti più bui e critici della storia di questo disgraziato Stivale...



prenota spazio centrale 520px-120px

prenota_spazio


Avvocato Francesconi


prenota_spazio


Terigi auto 2014-15


Franco Mare


Ultime notizie brevi


giovedì, 23 marzo 2017, 15:51

Sanità, proclamato sciopero per giovedì 30 marzo

L'associazione sindacale Usb Pubblico Impiego ha proclamato uno sciopero da inizio a fine turno per l'intera giornata di giovedì 30 marzo.


giovedì, 23 marzo 2017, 15:07

Victor Egger e Henri Bergson alla Fondazione Silvestro Marcucci

Sabato alle ore 17, presso la sede della Fondazione, il prof. Riccardo Roni (Università di Urbino) presenterà il suo ultimo volume Victor Egger e Henri Bergson. Alle origini del flusso di coscienza (Pisa, Edizioni ETS, 2016). Introdurrà la prof.ssa Giovanna Miglio (Società Filosofica Italiana).


giovedì, 23 marzo 2017, 14:56

Confesercenti, cordiglio per la morte del socio Vittorio Francesconi

Confesercenti Versilia esprime il proprio cordoglio per la morte dello storico imprenditore, Vittorio Francesconi. “Vittorio, uno degli storici titolari del Camping Europa, è stato un nostro storico associato – interviene la presidente Confesercenti, Esmeralda Giampaoli-, un imprenditore di grande rilievo per tutto il settore turistico della nostra città.


alfrun


giovedì, 23 marzo 2017, 14:55

Massarosa, Marzia Lucchesi (comitato passi carrabili): “Citata in consiglio da sindaco e consigliere, chiediamo un confronto democratico”

Marzia Lucchesi, del ‘comitato passi carrabili’, durante consiglio comunale a Massarosa, ha dichiarato di essere stata citata dal sindaco Mungai e dal consigliere Castelli, senza aver diritto di replica, in merito all’accordo, voluto dal comune, sulla concessione e la regolarizzazione dei passi carrabili.


giovedì, 23 marzo 2017, 14:46

Viareggio e la Versilia nel libro “Il mare capovolto"

Ci sono la Versilia e Viareggio nell'ultimo libro dello scrittore spezzino Marco Ursano, Il mare capovolto, che sarà presentato venerdì 31 marzo alle 17,30 alla libreria "La vela" di Viareggio, intervistato per l'occasione dalla giornalista Cristina Bulgheri. "Il mare capovolto" Mds Editore, è un "romanzo di racconti".


giovedì, 23 marzo 2017, 14:45

Camaiore: “liberi dalle barriere", ecco i risultati del progetto per l'accessibilità ai trasporti pubblici

Si terrà sabato 25 marzo, alle ore 10, presso la Misericordia di Lido di Camaiore l’iniziativa "Liberi dalle barriere"  in cui saranno presentati i risultati del progetto realizzato nel 2016 e nei precedenti anni di mandato, per l’accessibilità ai trasporti pubblici del territorio e alla riduzione delle barriere architettoniche che...


Prenota questo spazio!