prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

giovedì, 24 agosto 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Gli anni Settanta sono un ricordo, le Brigate Rosse una vergogna, l'antifascismo una strumentalizzazione

mercoledì, 23 agosto 2017, 19:31

di aldo grandi

Per chi, come il sottoscritto, gli anni di piombo li ha vissuti non a Viareggio o a Massarosa o anche a Lucca, ma nel quartiere Prati a Roma, le parole di Repubblica Viareggina - che già una volta ha perso con chi scrive il tentativo di annientare la verità storica e il diritto a chiamare le cose con il proprio nome - fanno ridere. Scrivere sui propri striscioni appesi in giro per la città Niente resterà impunito equivale a voler incutere terrore senza avere il coraggio, ma la furbizia di aggiungere il resto, quello che le Brigate Rosse, al contrario, senza dubbio più audaci, gridavano: Colpirne uno per educarne cento. E tutto ciò per una manifestazione di alcune centinaia di abitanti di Massarosa che protestavano contro uno stupro, ma, soprattutto, contro quella che, a tutti gli effetti, è diventata, in Italia complici la Sinistra e papa Bergoglio, una sostituzione etnica a discapito degli italiani che razzisti non sono mai stati - fascisti, indubbiamente, sì - ma che adesso non ne possono più di vedersi piombare in casa centinaia di migliaia di disgraziati spesso senza arte né parte i quali meriteranno pure tutto il bene di questo mondo, ma non si capisce perché solo e soltanto a queste latitudini. Intendiamoci: le frasi scritte all'indirizzo di Mungai e della propria consorte sono, purtroppo, incivili e idiote, ma da qui a voler fare come il solito dumbo Rossi, antifascista ogniqualvolta qualcuno la pensa diversamente da lui, che strumentalizza tutto pur di organizzare marce a cui non va nessuno se non i residuati bellici della Sinistra antagonista e istituzionale, ce ne corre...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Mallegni-Renzi, conoscersi meglio per poi appattumarsi

domenica, 20 agosto 2017, 10:57

di aldo grandi

Il 12 agosto il partito democratico di Pietrasanta, una sorta di dito in culo con la sabbia per il sindaco di Forza Italia Massimo Mallegni, ha attaccato il primo cittadino accusandolo di rappresentare quotidianamente un teatrino penoso: “Se il nostro sindaco facesse l’artista di strada, troveremmo estremamente difficile dargli due soldi alla fine del suo spettacolo". La sera successiva, però, Mallegni è andato a cena nientepopodimeno che con Matteo Renzi, segretario del Pd e sempre in bilico dal tessere una tela con l'uomo che per venti anni ha governato e rovinato l'Italia, Silvio Berlusconi. Da quel giorno non si sono registrati nuovi comunicati contro Massimo Mallegni e si dice che il rendez-vous andato in scena al ristorante abbia scompaginato i piano di attacco del Pd locale al punto da creare una sorta di autocensura preventiva. Vero?, falsio?, fatto sta che Massimo Mallegni non è nuovo a queste divagazioni politiche se si pensa che effettua regolari giunte congiunte con il parigrado viareggino Giorgio Del Ghingaro, anche lui di sinistra e aspirante Pd, che è pappa e ciccia al punto da aver costituito un'associazione, con Andrea Tagliasacchi e lo stesso re Giorgio ed essere andato in visita pastorale all'interno del Vaticano. Come possa andare d'accordo un sindaco che non vuole clandestini con un ex capo del governo che inneggia allo Ius soli, è cosa incomprensibile...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Se ne va o no se ne va sì o no: Mallegni se vuole candidarsi alle politiche, deve dimettersi entro il 24 agosto da sindaco di Pietrasanta

venerdì, 18 agosto 2017, 12:29

di aldo grandi

Lo hanno accusato, da sinistra e, in particolare, il Pd, di essere attaccato alla carriera politica più di un'ostrica allo scoglio o di un'attinia ad un paguro bernardo. Gli hanno rimproverato, sempre gli avversari cornuti e mazziati alle ultime amministrative che lo hanno visto trionfare a Pietrasanta, di pensare, studiare e agire più da aspirante parlamentare che da primo cittadino della sua città, ma nessuno, almeno fino ad oggi, sa con certezza se Massimo Mallegni intende realmente candidarsi alle prossime consultazioni politiche previste, salvo l'ennesimo colpo di stato della sinistra - il quarto o quinto negli ultimi cinque anni - a primavera 2018. Bene, a scanso di equivoci, ci pensa la legge che prevede, per il sindaco che vuole candidarsi alle politiche, l'obbligo di rassegnare le proprie dimissioni entro il 180° giorno dalla scadenza della legislatura che, in questo caso, avverrebbe il 15 marzo 2018. Quindi, il Mallegni dagli occhi azzurri, dovrebbe lasciare la poltrona per il momento attaccata con tanto di mastice o Vinavil, al massimo entro il 24 agosto. Mancano, ci par di capire e salvo smentite, appena sei giorni alla data fatidica e non ci sono, nell'aria, sentori in tal senso. Che cosa accadrà da qui a giovedì prossimo? Mallegni lascerà oppure abbandonerà pressoché definitivamente i suoi presunti sogni di gloria?...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Sinistra, male inguaribile

lunedì, 14 agosto 2017, 16:27

di aldo grandi

Si dicono marxisti, comunisti o anche di sinistra, internazionalisti e antagonisti, progressisti o radical choc mentre, in realtà, a malapena riescono distinguere una trota da una carpa, di Marx hanno letto nulla e di Engels ancora meno. Saprebbero, altrimenti, queste capre con le corna aguzze e il mantello verniciato di rosso o, anche, di nero che va tanto di moda di questi tempi e a queste latitudini, che fu proprio uno come Karl Marx, né più né meno di un altro ebreo come Sigmund Freud, a lottare tutta la vita per cercare di togliere le fette di prosciutto dagli occhi di chi, al loro posto, aveva le salsicce dell'ignoranza. La necessità di abbandonare le illusioni sulla propria condizione è la necessità di abbandonare una condizione che ha bisogno di illusioni. Eccolo l'aforisma perfetto, valido per tutti, da destra a sinistra, dal diritto al rovescio e financo di sguincio. Oggi a sinistra si vive di rendita e si prova e si cerca, sfruttando le conseguenze del secondo conflitto mondiale, di installare e instillare in chi la pensa diversamente, i sensi di colpa tipici di chi, poi, fatica a andare avanti e a controbattere. La sinistra, in quest'era di mediocrità e livellamento verso il basso, perduti i miti dell'operaio massa e della classe operaia che non solo non è andata in paradiso, ma, realmente, nemmeno all'inferno essendosi dissolta come neve al sole della tecnologia, ha scelto l'immigrato massa per tentare di risalire la china e scardinare il sistema...


Ce n'è anche per Cecco a cena

I bermuda del sindaco fanno più discutere della scarcerazione immediata del pakistano che ha abbassato il costume al bimbo

giovedì, 10 agosto 2017, 17:14

di aldo grandi

Che Giorgio Del Ghingaro sindaco di Viareggio abbia fatto una cazzata, è cosa evidente, ma non altrettanto, direbbe il buon Bergoglio, buona e giusta. Aver voluto raccontare la propria esperienza enogastronomica su facebook parlando, genericamente, di un ristorante viareggino dove lo avrebbero invitato ad andarsene perché in bermuda, si è rivelato un clamoroso autogol dal momento che si è dimenticato di specificare che non di ristorante si trattava, bensì di un circolo, il circolo nautico dove, a quanto pare, sono richiesti i pantaloni lunghi. Può piacere o no, ma se il gestore del circolo segue uno statuto dove sta scritta questa regola, o la accetti, o te ne stai a casa o vai da un'altra parte. Avere, poi, aggiunto il costo, secondo quanto raccontano i commenti sempre su fb, del proprio abbigliamento di quella sera, quasi a voler giustificare il diritto a stare egualmente al circolo anche se con i pantaloncini corti, rappresenta una dimostrazione di caduta di stile. Se Giorgione ex nostro fosse stato intelligente, invece di starnazzare ad ogni piè sospinto sul proprio profilo facebook alla moda di quel maestro politicamente e miseramente fallito di Matteo Renzi, avrebbe lasciato perdere, ma... Appunto, c'è un ma. Poteva quest'uomo che, a onor del vero, è sempre impeccabile e rispettoso del protocollo, rinunciare a mettersi in vetrina raccontando la propria disavventura senza prima verificare? No, non poteva...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Faccia da... Parrini

martedì, 8 agosto 2017, 23:40

di aldo grandi

Difficile, nonostante i clandestini che sbarcano a migliaia sulle nostre povere coste massacrate dall'ignavia e dalla demenza nemmeno troppo senile dei politicanti da strapazzo di questa seconda - ma la terza sarebbe la stessa cosa e la quarta pure peggio - repubblica, a dispetto delle Boldrini o degli Alfano, dei Gentiloni e dei Renzi o delle Mogherini disposte a pi greco mezzi con tanto di velo di fronte all'islam, trovare, con questo caldo un motivo non tanto per arrabbiarsi quanto, casomai, per domandarsi se l'essere umano, al di sopra della bocca e del naso oltreché degli occhi, abbia anche un cervello pensante o se, clamorosamente, ci troviamo di fronte a una cacata di cavallo senza inizio né, tantomeno, fine. Poi, quando tutto sembra disperare e anche i Cecco a cena delle nostre amate Gazzette restano miseramente in bianco come gli spazi degli articoli censurati durante la prima e la seconda guerra mondiale, ecco che da Firenze, dall'interno di quell'ammasso di ferraglia denominato Pd, fuoriesce la notizia che non ti aspettavi, a cui è difficile credere, che ti fa capire, però, che razza di partito è diventato il partito democratico (sic!) del pesce che puzza dalla testa al secolo Matteo Renzi, il fallito tra i falliti, colui che ha dalla propria parte tutti i mezzi di informazione che, da leccaculo quali sono, consumano lingua e polpastrelli per provare a far risalire le quotazioni del puffo pardon putto fiorentino...


Ce n'è anche per Cecco a cena

L'editore e l'ex questore: quattr'occhi in vetrina

domenica, 30 luglio 2017, 22:35

di aldo grandi

A noi non verrebbe mai in mente di fare il sindaco. Né di Lucca né di Viareggio. Facciamo i giornalisti e amiamo scrivere e non saremmo mai e poi mai disposti a barattare la nostra libertà e la nostra indipendenza oltre alla nostra capacità, con una poltrona, qualunque essa sia. Giorgio Del Ghingaro, al contrario, non solo ha voluto fare il sindaco e, a onor del vero, aveva preso a farlo bene, ma, adesso, si è messo in testa anche di fare l'editore e di prendere parte sia alla costituzione di un quotidiano on line nella sua terra d'origine, Lucca, sia, a quanto sembra, anche all'imminente apertura di una costola viareggina dello stesso giornale. Del resto, se andiamo a vedere, non c'è più un solo quotidiano disposto ad appoggiare Del Ghingaro e la sua giunta, soli come cani e lontani anni luce dalle esigenze della gente che produce e che pretende di avere una città vivibile che non vuol dire, come pensa Giorgione, una città Lgbtq friendly, dove si sposano uomini con uomini e donne con donne; che non significa una città dove contano solo le inaugurazioni, le sfilate, le fontane, la Passeggiata, ma anche la sostanza. Una città dove, udite udite, il comune di Viareggio ha sentito il bisogno di redigere un comunicato stampa in cui l'assessore ed ex questore Maurizio Manzo - meglio da questore - fa sapere che i solerti vigili urbani hanno sequestrato, durante il loro difficile e oneroso lavoro, la bellezza di... 60 articoli contraffatti...


prenota_spazio


Avvocato Francesconi



Terigi auto 2014-15


Ultime notizie brevi


alfrun


mercoledì, 23 agosto 2017, 18:00

Un'assemblea pubblica sul diritto all'abitare

Brigata Sociale Antisfratto e Unione Inquilini invitano le forze sociali e politiche e tutta la cittadinanza ad un'assemblea aperta sull'emergenza abitativa, che si terrà nella piazzetta tra Via del pastore e il quartiere Fontanini domani giovedì 24 alle ore 21, "per prepararsi - si legge nella nota - ad affrontare...


mercoledì, 23 agosto 2017, 17:59

Lido di Camaiore: sabato Claudio Sottili intervista Tiziana Morrone, autrice di "Ero dunque sono"

Sabato 26 agosto alle ore 18.45 al bagno Moby Dick di Lido di Camaiore Claudio Sottili intervista Tiziana Morrone, autrice di "Ero dunque sono", evento organizzato da BPW fidapa sezione versilia.


Prenota questo spazio!


mercoledì, 23 agosto 2017, 16:15

Seravezza, Versilia Underground: incontro divulgativo sui siti geominerari della Versilia

Sabato 26 agosto alle 21.30 in piazza Carducci a Seravezza si tiene "Versilia Underground: un patrimonio inesplorato", incontro divulgativo dedicato alla storia e allo stato attuale dei siti minerari versiliesi.


mercoledì, 23 agosto 2017, 16:13

Coordinamento contro la repressione : "Solidali alle 28 persone sotto processo per avere contestato Salvini"

Coordinamento contro la repressione di Lucca, Massa, Versilia e Viareggio rinnova la propria netta solidarietà alle 28 persone sotto processo per avere contestato Matteo Salvini


mercoledì, 23 agosto 2017, 16:12

Massarosa: ritorna il ciclo di incontri e conversazioni sul tema della bellezza

Ultimo appuntamento venerdì 25  agosto  alle 21,15 con  la decima edizione  della  rassegna  di incontri Ritrovare la Bellezza.


mercoledì, 23 agosto 2017, 16:12

Penultimo appuntamento con Corsanico festival 2017

Venerdì 25 agosto, nella suggestiva chiesa di San Michele Arcangelo a Corsanico,  penultimo appuntamento  del Corsanico Festival 2017” – 36^ Rassegna Internazionale di Musica Classica, organizzato dall'Associazione Culturale “Amici della Musica d'Organo Vincenzo Colonna” di Corsanico, inserito  nella rassegna di eventi DiVernerdì, organizzata dall’Amministrazione comunale di Massarosa.


mercoledì, 23 agosto 2017, 15:58

Forte dei Marmi: iscrizioni on-line ai servizi scolastici. Il nuovo portale attivo da giovedì 24 agosto

Partono  giovedì 24 agosto alle ore 9.00 fino alle 24.00 del 22 settembre prossimo,  le iscrizioni online ai servizi scolastici. Il Portale Iscrizioni sarà accessibile dalla home page del Comune www.comune.fortedeimarmi.lu.it, da cui sarà possibile scaricare anche il vademecum e le istruzioni per la compilazione.


mercoledì, 23 agosto 2017, 15:57

Forte dei Marmi: biblioteca chiusa nei pomeriggi del 24 e 25 agosto a Villa Bertelli

La Biblioteca comunale Quartieri a Villa Bertelli  rimarrà chiusa nel pomeriggio di giovedì 24 e venerdì 25 agosto per gestire al meglio e in sicurezza l’afflusso delle persone agli spettacoli serali al teatro all’aperto di Vittoria Apuana.


mercoledì, 23 agosto 2017, 15:56

Forte dei Marmi: estratti a sorte gli equipaggi per la sfida di Save a life

Sarà il Bagno Bonaccia contro i Bagni Firenze -La Perla insieme, ad aprire la sfida domani mattina alle 9.20, nel tratto di mare a ponente del pontile,  al Palio dei Bagni-Save a Life, la nuova manifestazione che da quest’anno ha affiancato la più tradizionale corsa dei patini, disputata lo scorso...


mercoledì, 23 agosto 2017, 14:23

Pietrasanta: annullato lo spettacolo "Oggi è già domani" con Paola Quattrini a La Versiliana

La Fondazione Versiliana comunica che la rappresentazione dello spettacolo Oggi è già domani con Paola Quattrini  prevista giovedì 24 agosto al teatro della Versiliana è stata annullata a causa di una indisposizione della Signora.