prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

lunedì, 20 novembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Scrivere di cronaca nera... ed essere vittima di stalking

domenica, 9 dicembre 2012, 18:00

di aldo grandi

Scrivere di cronaca nera... ed essere vittima di stalking. Può capitare, anche se non accade poi così di sovente. Ma tant'è, e questo è quanto sta succedendo ormai da mesi, alla nostra Tassy, al secolo Letizia Tassinari. Tutto ha inizio il 20 agosto, quando la nostra giornalista scrive una notizia in breve, di quelle senza infamia e senza lode, per un episodio "stravagante": nel suo palazzo arrivano i pompieri, per una segnalazione, poi risultata priva di fondamento, di una fuga di gas. I vigili del fuoco, sulle scale del condominio, incrociano però un sedicente medico che, tigrotto di peluche sotto al braccio, si aggira cercando, a suo dire, un paziente che non trova da giorni, e temendo per la sua incolumità chiede loro di sfondare la porta. Poi arrivano i carabinieri, allertati dagli stessi pompieri, ma quando i militari dell'Arma giungono sul posto il tipo col peluche è sparito nel nulla. Quanto accaduto nel condominio dove la Tassy abita con la figlia e l'anziano padre, avvocato in pensione, viene scritto senza nessun riferimento a persone e luoghi, senza cioè citare nè i protagonisti della vicenda e meno che mai l'indirizzo del palazzo. Il giorno successivo, 21 agosto, inizia però il suo incubo: prima una mail zeppa di insulti da un profilo facebook risultato poi essere falso, una telefonata anonima, e muta, nel cuore della notte, e due atti vandalici alla sua auto, con sfregi al cofano e a una fiancata.

Episodi, questi, tutti messi neri su bianco in una denuncia presentata a fine agosto nelle mani del dirigente della Digos di Lucca e già sul tavolo della Procura di Lucca, che ha aperto un fascicolo di inchiesta.

Settembre e ottobre passano in tranquillità, poi, a novembre, gli "attacchi" ricominciano. Bacco, il gattone rosso della giornalista, 12 chili di peso, sparisce nel nulla e non viene più ritrovato, nonostante gli articoli di stampa e la foto "segnaletica" del felino, missing, finita anche alla sala operativa del 113 per eventuali segnalazioni. Il 18 novembre mani al momento ignote scaraventano di sotto dal primo piano la bici della cronista, e il giorno successivo uno sconosciuto/a lascia in terra, davanti alla porta dell'appartamento di Letizia Tassinari, un paio di mutande da donna sporche. Avvertimenti? Segnali di intimidazione? O, "più semplicemente", stalking? E' di sabato l'ennesimo doppio episodio, il contatore Enel spento abbassando la levetta e, ben più grave, questa volta ad essere stata presa di mira è stata la figlia della giornalista, anche la sua auto è stata rigata su tutta la fiancata sinistra, lato conducente mentre era in sosta nel parcheggio condominiale.

Il questore di Lucca, la dirigente del Commissariato di Viareggio, la Digos, l'Anticrimine, e chi più ne ha più ne metta,  sono già stati informati degli episodi criminali, e le indagini per risalire allo stalker proseguono. 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Avvocato Francesconi



Terigi auto 2014-15


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


alfrun


domenica, 19 novembre 2017, 17:30

Io sto con gli sbirri

In senso spregiativo la parola sbirro viene, da sempre, utilizzata all'indirizzo, indistinto, di un poliziotto o di un carabiniere. Una volta esso apparteneva, strettamente, alla cultura mafiosa mentre, poi, con l'arrivo della contestazione e del Sessantotto, Settantasette e via di questo passo, è diventato patrimonio della sinistra extraparlamentare prima, parlamentare...


mercoledì, 15 novembre 2017, 00:39

Siamo in guerra

Non è una esagerazione né, tantomeno, una boutade. Siamo in guerra, una guerra non dichiarata, subdola, strisciante, un conflitto dove non si sparano, fortunatamente, colpi di cannone, di fucile o di pistola, ma qualcosa che, sia pure senza ferire a morte, fa molto male, ma, soprattutto, distrugge forse anche di più...


Prenota questo spazio!


sabato, 11 novembre 2017, 23:01

Il dittatore del parco libero di Bananas

E' arrivata nemmeno un'ora fa, una di quelle mail che, soprattutto il sabato sera, ti viene voglia di accantonare e rimandare al giorno successivo. Poi dai un'occhiata all'oggetto e ti accorgi che si tratta di una lettera al sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro.


martedì, 7 novembre 2017, 23:59

Tre Daspo per i baffetti di Hitler, ma allora perché non vietare anche la vendita del Mein Kampf?

A chi scrive, che di fascismo e nazismo si è sciroppato testi su testi, testimonianze su testimonianze, così come sul comunismo degli anni della contestazione e di piombo, affrontare il discorso su Hitler non comporta particolari problemi.


domenica, 22 ottobre 2017, 15:07

Libero sì, ma di scrivere cazzate

Chi legge ciò che questo scribacchino di provincia scrive sulle sue Gazzette sa bene come la pensa in tema di accoglienza e di rifugiati. Il sottoscritto non le manda mai a dire, fa prima a scriverle e, soprattutto, ci mette sempre la faccia: destra o sinistra, rovescio o diritto, di...


mercoledì, 18 ottobre 2017, 23:55

La grande ammucchiata

Era nell'aria. Addirittura, mesi fa, ne avevamo già avuto il sentore e, sia pure senza alcuna ammissione, dal diretto interessato. Rodolfo Salemi ha rotto gli indugi e ha accettato di entrare, a tutti gli effetti sia pure senza assumere alcun tipo di tessera o rinnegare alcun tipo di appartenenza politica,...