Anno 3°

sabato, 27 maggio 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

prenota

Cronaca

Addio Didala, la città in lutto piange la “partigiana per amore”

giovedì, 26 aprile 2012, 21:30

di Letizia Tassinari

Si è spenta da poche ore, Didala Ghilarducci. Lei, la partigiana per amore, che per le celebrazioni del 25 aprile, festa della Liberazione, nonostante i suoi 91 anni, compiuti il 26 febbraio, era presente a Sant'Anna di Stazzema, accanto al sindaco Michele Silicani, è morta. Sembrava dormisse, quando i familiari l'hanno trovata sul divano della sua casa al Varignano. E invece ci ha lasciato. Per sempre.

Figlia di una famiglia di sinistra dove il padre, un marinaio viareggino, non hai mai avuto la tessera del fascio, era la storia vivente. Ex staffetta partigiana delle Brigate Garibaldi ha sempre ricordato bene gli anni della seconda guerra mondiale, quelli che l’hanno portata a lasciare la propria casa in via Mazzini, dove viveva con il giovane marito Chittò, per andare al freddo, lassù sulle Alpi Apuane. Giorni lontani, ma vicini, dei quali, fino a ieri, ha parlato nelle scuole, come una nonna farebbe con i propri nipoti, o meglio una bisnonna, quale era, di quattro bei ragazzi, tutti maschi e figli del suo unico figlio Riccardo. Anni addietro, chi scrive, ebbe modo di intervistarla. Era una donna speciale, e di una dolcezza infinita. La sua storia, che è la storia di tutti i partigiani di Italia, “di un quotidiano eroismo e di semplice profondità”, l'ha immortalata in un libro, parlando degli uomini e delle donne che nel secolo scorso, come lei, affrontarono le dure prove della vita di quegli anni. “Conobbi mio marito che ero ancora studentessa a Le Mantellate”, mi raccontò durante il nostro incontro: lui, coetaneo. frequentava il liceo classico Carducci. E il loro fu un grande amore, legato anche dalla comune opposizione al fascismo, che li portò a sposarsi nel pieno della guerra e ad avere un figlio, nato il 2 settembre del 1943, nei giorni più terribili. Insieme, con il bimbo di soli sette giorni, partirono per i monti, con i partigiani, dormendo sotto i castagni, finchè era caldo, e mangiando quello che riuscivano a trovare da qualche contadino. Ricordo come fosse ieri i suoi occhi quando mi parlava dell’acqua gelida dei ruscelli di montagna che le serviva per dissetarsi e di quella intiepidita dal sole per lavarsi. “D’inverno, per dormire, il giaciglio più riparato era nei rifugi, sulle vette più alte”, mi disse. Una scelta, quella dei monti, durata fino a quando, dopo un anno, il sogno di vita di Didala si infranse nella morte dell’amato compagno di vita e di ideali. Era l’ estate del ’44, quando lo scempio nazista raggiunse l’apice e nel corso di una perlustrazione il marito Chittò fu trucidato e Didala Ghilarducci, appena 20enne, rimase vedova nello stesso mese segnato dalla strage di Sant’Anna.

Ed è da allora che la partigiana per amore divenne la custode della memoria di quegli eventi. Sui quei monti aveva sentito le raffiche degli spari dei nazisti, e visto i tedeschi dare fuoco a tutto. Aveva visto il sangue, quello degli innocenti e di chi lottava per la libertà”. Fino a ieri, il suo impegno antifascista, l'ha portata non solo a dirigere l’Anpi di Viareggio ma a raccontare, finchè ha avuto fiato, cosa abbia significato essere partigiani. Le ultime parole pubbliche, toccanti, sono quelle del suo intervento di ieri a Sant'Anna di Stazzema, dopo l'ascolto della canzone di Concato: “Il 25 aprile è la festa dei partigiani, purtroppo però di partigiani siamo rimasti in pochi. Ma finché il tempo mi sarà dato, io sarò con i giovani e racconterò le mie esperienze”. Il tempo, però, si è spezzato oggi. Lasciando tutti in una tristezza infinita.

Di Didala Ghilarducci rimarrà però sempre il ricordo. Cos'era per lei la libertà, le chiesi anni addietro, e la sua risposta è ancora nitida nella mia mente: “Io so cosa non è la libertà. Non poter leggere libri stranieri, non poter ascoltare musica jazz e non poter parlare di antifascismo”. La libertà, per Didala, è stata una dura conquista. Ora, da parte nostra, va difesa, e la storia va ricordata: “per non dimenticare”.

La camera ardente, per l'ultimo saluto, sarà allestita domattina alle 10, alla sede dell'Anpi. E Viareggio ci sarà tutta.


Questo articolo è stato letto 1271 volte.




prenota spazio centrale 520px-120px

prenota_spazio


sgro


alfrun


Carismi


il Panda


Altri articoli in Cronaca


sabato, 27 maggio 2017, 13:19

Un arresto in pineta per droga e fermo di polizia per due 30enni per furto

Continuano senza sosta le attività di contrasto allo spaccio degli stupefacenti da parte del commissariato di polizia di stato Viareggio. Nel pomeriggio di ieri i poliziotti hanno concentrato l’attenzione nelle zone maggiormente interessate dal mercato della droga


sabato, 27 maggio 2017, 10:55

A «gonfie vele» il Nautico Artiglio

A «gonfie vele» il Nautico Artiglio. Come ogni anno gli studenti più meritevoli del biennio dell’Istituto Tecnico viareggino hanno avuto l’opportunità di partecipare alla “Settimana Azzurra”


alfrun


venerdì, 26 maggio 2017, 16:32

Porta i bimbi in gita, ma il bus ha le gomme lisce: fermato dalla polstrada

La polizia stradale di Lucca ha fermato, nei giorni scorsi, un bus diretto a Firenze con a bordo 22 bambini di una scuola elementare in gita d’istruzione. Il pullman stava imboccando il casello di Pisa, ma lì era presente una pattuglia della Sottosezione di Viareggio, che stava attuando il dispositivo


mercoledì, 24 maggio 2017, 23:59

Laghetto dei cigni in pineta, i pavoni stanno bene

«Tutti gli animali si presentavano al momento del sopralluogo in buone condizioni dal punto di vista clinico e non mostravano segni di patologie in atto ne disturbi comportamentali» questo quanto riportato nel verbale redatto dai veterinari della Asl che hanno effettuato un sopralluogo al laghetto dei cigni nella Pineta di...


Prenota questo spazio!