Anno 6°

sabato, 21 ottobre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cronaca

Sorpreso nuovamente a rubare in chiesa: arrestato 50enne albanese

giovedì, 16 febbraio 2017, 14:09

È stato arrestato dai poliziotti di quartiere della polizia di Viareggio un cittadino albanese, già resosi responsabile del medesimo tipo furto in una chiesa del centro cittadino la mattina di Natale.

Si tratta di Hysni Dedja, 50 anni, albanese,residente a Pisa, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio.

Già la mattina di Natale, infatti, in un’altra chiesa cittadina, era stato sorpreso a sottrarreil denaro contenuto negli offertori, venendo quella volta denunciato in stato di libertà all’autorità giudiziaria.

Nella mattina di ieri, grazie ad un sistema di allarme installato negli offertori proprio per contrastare i furti che avvengono sovente nella chiesa, il parroco è riuscito a scorgere dalle telecamere di sorveglianza, un uomo che, con fare circospetto, si avvicinava agli offertori, estraendo un attrezzo lungo e sottile con cui trafugava la cassetta delle offerte.

Il sacerdote non ha perso tempo e ha allertato i poliziotti di quartiere, che sono giunti immediatamente in chiesa, riuscendo a cogliere sul fatto il ladro, il quale, convinto di agire indisturbato, stava continuando a trafugare le offerte dei fedeli.

L’uomo è stato trovato in possesso di un metro telescopico con nastro biadesivo e,durante il controllo degli operatori di polizia, ha cercato di disfarsi di banconote di diverso taglio per un valore di circa 50 euro. Dati i numerosi precedenti specifici, l’ultimo dei quali risalente, appunto,alla mattina di Natale e realizzato con lo stesso modus operandi, è stato dichiarato in arresto dagli agenti del Commissariato, mentre le offerte sono state riconsegnate al parroco.

Nella mattina odierna è stato convalidato l’arresto da parte del tribunale di Lucca, che ha disposto al reo il divieto di dimora nel comune di Viareggio in attesa del giudizio.

 


Questo articolo è stato letto volte.



sgro


alfrun


Carismi


il Panda


Terigi auto 2014-15


Altri articoli in Cronaca


alfrun


sabato, 21 ottobre 2017, 14:19

Il tribunale dei minori di Bari accusa la madre di Nicolina Pacini

Il tribunale dei minori di Bari accusa la madre di Nicolina di aver lasciato i figli ed essere tornata a Viareggio, quando è stato commesso l'omicidio, senza avvertire le autorità e questo comporterebbe una violazione del provvedimento di affidamento del tribunale di Firenze


sabato, 21 ottobre 2017, 14:15

Bonus bebè rifiutato: per l'Inps la madre è troppo giovane

Una vicenda paradossale tipica della schizofrenica burocrazia italiana. Una donna residente a Viareggio si è vista rifiutata il rimborso dell'assegno di natalità, meglio conosciuto come bonus bebè. Il motivo: la madre del bambino è troppo giovane, e non risulta censita dall'INPS in quanto studentessa


Prenota questo spazio!


venerdì, 20 ottobre 2017, 15:52

Incontro operativo per il Versilia Yachting Rendez – Vous

Prosegue l’organizzazione del Versilia Yachting Rendez – Vous, il grande evento di primavera riservato alla nautica di eccellenza, che si svolgerà dal 10 al 13 maggio 2018 nel Porto di Viareggio


venerdì, 20 ottobre 2017, 12:37

Fiom-Uilm: "Dobbiamo garantire tutti insieme la permanenza di Azimut e Benedetti a Viareggio"

Dopo l'annuncio del trasferimento degli impiegati a Livorno, intorno alla divisione societaria e alle ipotesi di cessione di Benetti si snoda il futuro del sito di Viareggio. Sulla questione intervengono Fiom e Uilm Lucca


giovedì, 19 ottobre 2017, 15:31

Sudano a un controllo della polstrada: arrestati per spaccio di droga

La polizia stradale di Lucca ha arrestato due stranieri con circa mezzo chilo di hashish. Gli spacciatori, nemmeno 30enni, residenti a Capannori, ma di origine marocchina, venivano dalla Versilia e, alla vista sull'A/11 della pattuglia della Sottosezione di Viareggio, hanno inchiodato


mercoledì, 18 ottobre 2017, 17:43

La guardia costiera recupera due boe ondometriche ed un patino alla deriva

Nei giorni scorsi una telefonata alla sala operativa della capitaneria di porto di Viareggio segnalava la presenza in mare di due boe alla deriva utilizzate per la misurazione delle correnti marine superficiali tramite antenna GPS