Anno 6°

venerdì, 23 giugno 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cronaca

Due arresti: uno per furto aggravato e uno per violenza a pubblico ufficiale

venerdì, 21 aprile 2017, 13:36

Continua senza sosta l’attività di contrasto del commissariato Viareggio alla criminalità diffusa.

Due gli arresti conclusi nelle ultime ore.

Ieri pomeriggio un poliziotto del commissariato, libero dal servizio, mentre passeggiava sul lungomare nei pressi della “Terrazza della Repubblica”, ha notato un individuo che in maniera sospetta si avvicinava alla portiera anteriore di un camper in sosta, tentando di forzarla con un coltello e una tenaglia.

Il poliziotto, intuendo chiaramente le intenzioni dell’uomo prontamente è intervenuto avventandosi sul ladro alle spalle e disarmandolo del coltello.

Il ladro Mokdad Harizi, 50enne tunisino, nullafacente, con precedenti per reati contro il patrimonio, è stato tratto in arresto per tentato furto aggravato e in mattinata sarà processato con rito direttissimo presso il tribunale di Lucca.

Sempre nella serata di ieri, un altro arresto è stato portato a termine nei confronti di Abdelslam Jarmouni, 32enne marocchino, clandestino sul territorio nazionale, per resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

Nella serata di ieri in centro a Viareggio, infatti, una volante del commissariato, durante il servizio di controllo del territorio, ha fermato un’auto per procedere al controllo del conducente.

L’uomo, però, per sfuggire all’identificazione è sceso dalla vettura ed ha iniziato a correre nel vano tentativo di dileguarsi e farla franca.

Dopo un lungo inseguimento a piedi per le vie cittadine è stato raggiunto.

Il cittadino marocchino, nel tentativo di darsi alla fuga, ha aggredito i poliziotti che, con non poca difficoltà, sono riusciti ad immobilizzato e assicurarlo all’interno dell’auto di servizio.

A seguito della colluttazione il capo equipaggio, rimasto contuso, è stato medicato presso il locale pronto soccorso con prognosi di 5 giorni.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza, in attesa del processo che sarà celebrato in mattinata al tribunale di Lucca con rito direttissimo.


Questo articolo è stato letto volte.



sgro


alfrun


Carismi


il Panda


Altri articoli in Cronaca


alfrun


giovedì, 22 giugno 2017, 19:43

'Mare sicuro' a Viareggio, rilasciati i primi bollini blu

Procede a vele spiegate per la Guardia Costiera di Viareggio l’operazione estiva “Mare sicuro 2017”, con tanti diportisti  che riprendono il mare approfittando anche del gran caldo e delle belle giornate di sole


giovedì, 22 giugno 2017, 19:38

“Danza in villa” dal 24 giugno a Villa Borbone

Secondo anno per Danza in Villa, la rassegna che coinvolge le maggiori scuole di danza della provincia che si terrà a Villa Borbone nei mesi di giugno e luglio. Quattro le serate in programma


Prenota questo spazio!


giovedì, 22 giugno 2017, 16:06

La vanità ci ha sopraffatto

Il 19 giugno nel laghetto dei cigni, così soprannominato per la presenza praticamente da sempre di alcuni cigni, è stato ritrovato il corpo senza vita di un pavone femmina


mercoledì, 21 giugno 2017, 14:15

Proseguono i controlli della polizia: denunce e fogli di via

Continua senza sosta l’attività di prevenzione e repressione da parte degli agenti del commissariato di Viareggio, anche in vista dell’arrivo della stagione estiva che porta nel territorio viareggino un notevole incremento della popolazione


martedì, 20 giugno 2017, 22:31

Va in scena il “Banner Tour”: una manifestazione per il diritto alla casa e l’edilizia popolare

La Brigata Sociale Antisfratto e l'Unione Inquilini il 19 giugno hanno dato vita al Banner Tour appendendo striscioni in vari punti sensibili della città per protestare contro le promesse non mantenute dalle istituzioni


martedì, 20 giugno 2017, 22:08

La morte della pavona nel laghetto dei cigni a Viareggio: turisti in silenzio per ricordarla

Cittadini e turisti si sono ritrovati ieri sera fino a tardi al Laghetto dei cigni di Viareggio per ricordare in silenzio la femmina di pavone morta affogata e protestare contro l’inerzia del Comune