Anno 6°

sabato, 21 ottobre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cronaca

Il comitato via Sauro legge il testamento sul lascito del numero 73 alla croce rossa

mercoledì, 11 ottobre 2017, 16:14

di giacomo mozzi

Ci sono molti elementi nuovi sulla vicenda dell'accoglienza ai migranti ipotizzata nell'immobile in via Sauro 73. Da questa notizia sono stati fatti incontri e richieste specifiche da parte degli abitanti delle case adiacenti che da parte delle istituzioni non hanno avuto le risposte aspettate o sono rimasti solamente dei punti di domanda su dei fogli e delle mail. 

" Abbiamo richiesto l'accesso ad atti ed a poter organizzare degli incontri come cittadini abitanti in via Nazario Sauro - spiega Eva Nuti rappresentante del comitato via Sauro - ma non abbiamo avuto risposte o quelle che abbiamo avuto sono state vaghe. Ci hanno dato l'appellativo di razzisti ,alcune persone, ma non lo siamo ed il nostro intento non era neanche apparire come tali, volevamo solo delle risposte da parte delle istituzioni locali, dalla prefettura e dalla croce rossa, ma non sono arrivate. Eravamo fiduciosi nei riguardi dell'amministrazione comunale anche per l'impatto sociale che potrebbe avere una notizia del genere sulla popolazione, ma abbiamo avuto solo dichiarazioni del sindaco che si diceva favorevole all'accoglienza e ne siamo rimasti delusi. Sulla reale accoglienza i cittadini volevano sapere quale sarà il numero degli accolti, dove e se esiste un bando; se la casa in via Sauro di proprietà della croce rossa è coinvolta oppure no, ma su questo sia la prefettura che la stessa croce rossa non ci hanno risposto. I cittadini vicino a quella casa non possono basarsi su voci della strada per riuscire a ricavare la verità e quindi siamo andati avanti nelle ricerche sulla donazione dell'immobile alla croce rossa richiedendo il testamento di lascito, che è pubblico e che la signora Barbara Soldi ci va ad illustrare."
" La casa in via Nazario Sauro 73 è stata donata dalla signora Chiaramonti Annamaria alla croce rossa di Viareggio con destinazione d'uso per servizi fruttuosi ed iniziative per bambini non vedenti possiamo leggere nel testamento - illustra Barbara Soldi - invece al catasto risulta che l'abitazione è intestata all'associazione della croce rossa nazionale grazie ad un trasferimento fatto nel 2005 dell'immobile che prima era della croce rossa di Viareggio. Abbiamo inviato una lettera dove diamo notizia sia all'esecutore testamentario, che alla croce rossa sia di Viareggio, sia nazionale che abbiamo rilevato questa irregolarità rispetto al testamento e che il beneficiario deve rispettare la destinazione d'uso specifica espressa nel testamento, dove non figura l'uso per accoglienza degli immigrati."

Il consigliere comunale Massimiliano Baldini che ha seguito personalmente lo sviluppo delle vicende in via Sauro si esprime con queste parole: " Ci troviamo di fronte ad un elemento importante giuridicamente. Gli eventuali proventi di un immobile sono differenti dai frutti e l'esecutore testamentario deve fare in modo che le volontà espresse nel testamento vengano rispettate. A questo punto l'interesse diventa etico nei riguardi anche di persone con disabilità ai quali la croce rossa dovrebbe garantire il massimo possibile da quello stabile e se non viene usato per loro o non viene affittato per ricavare delle risorse in questo senso la croce rossa non sta adempiendo alla volontà testamentaria. Spero che la croce rossa fermi tutto ciò che è stato messo in moto per l'accoglienza per non incorrere in problematiche legali"Maria Domenica Pacchini in rappresentanza della Lega Nord si esprime sulla vicenda: " Su tutta questa vicenda manca informazione, mi sono messa a disposizione dei cittadini per quello che potevo fare e ho scoperto che non esiste informazione da parte delle istituzioni nei confronti dei cittadini. Nel testamento del 2003 è specificato " Lascito alla croce rossa di Viareggio" e nel 2005 viene effettuata una voltura all'associazione della croce rossa di Roma. C'è una palese mancanza di trasparenza in questa vicenda. I cittadini si sono adoperati per richiedere informazioni alle istituzioni coinvolte usando i diritti a loro disposizione e nutrendo molta speranza che è stata puntualmente disattesa."

Fabrizio Santucci, vicino di casa dell'immobile al numero 73 di via Sauro interviene insieme a suo cugino Roberto Brocchini: " Dalla morte della signora sono passati circa 14 anni e nell'immobile sono andate in affitto per brevi periodo o tre o quattro famiglie, non mi sembra di più di questo numero per il resto del periodo lo stabile è rimasto sfitto ed inutilizzato. Il sindaco di questa città ha il dovere istituzionale di ricevere i cittadini non può inventare scuse per non riceverli solo perchè non sa cosa dirgli; questa è una vera e propria mancanza istituzionale. Come comitato sono state mandate mail ed è stato fatto un consiglio comunale sulla questione, non può venire a dirci solamente che su 62mila abitanti di Viareggio dobbiamo ospitare 140 immigrati ed essere favorevole a questa cosa dimenticandosi che è una città densamente abitata. Non dimentichiamoci che la pineta di Viareggio è in mano agli spacciatori e che spesso sono extracomunitari, noi cittadini ci preoccupiamo di dove abitiamo e del nostro territorio."


 


Questo articolo è stato letto volte.



sgro


alfrun


Carismi


il Panda


Terigi auto 2014-15


Altri articoli in Cronaca


alfrun


sabato, 21 ottobre 2017, 14:19

Il tribunale dei minori di Bari accusa la madre di Nicolina Pacini

Il tribunale dei minori di Bari accusa la madre di Nicolina di aver lasciato i figli ed essere tornata a Viareggio, quando è stato commesso l'omicidio, senza avvertire le autorità e questo comporterebbe una violazione del provvedimento di affidamento del tribunale di Firenze


sabato, 21 ottobre 2017, 14:15

Bonus bebè rifiutato: per l'Inps la madre è troppo giovane

Una vicenda paradossale tipica della schizofrenica burocrazia italiana. Una donna residente a Viareggio si è vista rifiutata il rimborso dell'assegno di natalità, meglio conosciuto come bonus bebè. Il motivo: la madre del bambino è troppo giovane, e non risulta censita dall'INPS in quanto studentessa


Prenota questo spazio!


venerdì, 20 ottobre 2017, 15:52

Incontro operativo per il Versilia Yachting Rendez – Vous

Prosegue l’organizzazione del Versilia Yachting Rendez – Vous, il grande evento di primavera riservato alla nautica di eccellenza, che si svolgerà dal 10 al 13 maggio 2018 nel Porto di Viareggio


venerdì, 20 ottobre 2017, 12:37

Fiom-Uilm: "Dobbiamo garantire tutti insieme la permanenza di Azimut e Benedetti a Viareggio"

Dopo l'annuncio del trasferimento degli impiegati a Livorno, intorno alla divisione societaria e alle ipotesi di cessione di Benetti si snoda il futuro del sito di Viareggio. Sulla questione intervengono Fiom e Uilm Lucca


giovedì, 19 ottobre 2017, 15:31

Sudano a un controllo della polstrada: arrestati per spaccio di droga

La polizia stradale di Lucca ha arrestato due stranieri con circa mezzo chilo di hashish. Gli spacciatori, nemmeno 30enni, residenti a Capannori, ma di origine marocchina, venivano dalla Versilia e, alla vista sull'A/11 della pattuglia della Sottosezione di Viareggio, hanno inchiodato


mercoledì, 18 ottobre 2017, 17:43

La guardia costiera recupera due boe ondometriche ed un patino alla deriva

Nei giorni scorsi una telefonata alla sala operativa della capitaneria di porto di Viareggio segnalava la presenza in mare di due boe alla deriva utilizzate per la misurazione delle correnti marine superficiali tramite antenna GPS