prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

martedì, 27 giugno 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

Viareggio mette in mostra gli artisti del secolo breve

giovedì, 8 giugno 2017, 10:54

E’ una mostra stimolante quella che la Fondazione Matteucci per l’Arte Moderna propone, nella sua sede accanto al Lungomare di Viareggio, dal 7 luglio al 5 novembre. Stimolante per la qualità delle opere, innanzitutto, ma anche per il filo conduttore individuato per presentarle da Susanna Ragionieri, che della mostra è la curatrice. 
Da sottolineare che un buon numero delle 50 opere riunite per la mostra, “emerge” da collezioni private e viene esposto al pubblico per la prima volta.
Il titolo della rassegna, “Il secolo breve” si richiama naturalmente al celebre saggio pubblicato nel 1994 da Eric Hobsbawm. 
Il sottotitolo “Tessere di ‘900” vuole invece dar conto di una esposizione che propone una serie di testimonianze di rilievo assoluto del Secolo trascorso, tessere di un mosaico che letto nella sua complessità evidenzia un periodo artistico tra i più fecondi e creativamente tumultuosi dell’arte italiana.

Nel percorso espositivo estremamente emozionale concepito da Susanna Ragionieri le nature morte di Thayat, Balla, Severini e De Pisis emergono per il sentimento di classicità di cui sono pervase, mentre le figure di Spadini e Campigli si contrappongono, pur nella comune impronta parigina, per l’evocazione di un passato colto e dal cuore antico. Il paesaggio, infine, si offre nei volti più variegati attraverso le suggestive visioni di Rosai, Lloyd, Guidi e Paresce.
Ecco che, in questo caleidoscopico panorama, ogni artista - ai già citati si aggiungono Morandi, Guttuso, Viani e De Chirico - diviene così una tessera dell’affascinante ed eclettico mosaico che prelude alla modernità.

“Il Secolo breve. Tessere di ‘900 offre - afferma Giuliano Matteucci che della Fondazione Matteucci è il fondatore e direttore - un focus a suo modo originale da cui emergono una serie di situazioni che potremmo definire “trasversali” alle fratture formali oramai canoniche. Nell’apparente autonomia e disomogeneità espressiva, queste dissonanti connotazioni confermano lo spirito inquieto che da sempre caratterizza l’arte italiana, delineando un inaspettato spaccato, quanto mai unitario nel comunicare il pensiero creativo del tempo.
Non si tratta di avventurarsi in uno spazio temporale alla ricerca di un tema, di un genere o di consonanze estetiche, ma di scoprirne l’infinita varietà di forme concepite e articolate ora sul colore, ora sulla ragione, ora sul sentimento, nelle quali l’immagine, nonostante tutto, continua a vivere prima della frantumazione”.
Eric Hobsbawm, in “Il secolo breve”, condensa il Novecento in tre periodi, non esitando ad indicare il primo, compreso tra il 1914 e il ’45, come quello della “catastrofe” per le ferite sociali e le crisi economiche sofferte dall’Europa durante i due conflitti mondiali.
Se, però, si sposta l’analisi all’ambito artistico, la visione non è di un tramonto bensì di un’aurora. Nessun altro momento è stato, infatti, altrettanto fecondo e ricco di fermenti, al punto di rivoluzionare la ricerca con un impulso analogo a quello determinato ai nostri giorni dalla rete.
Portando la lancetta del tempo al 1909, all’alba di quello che qualcuno ha definito anche “il secolo delle speranze deluse”, quando Marinetti pubblica su “Le Figaro” il Manifesto del Futurismo, ci si avvede che la pittura italiana, lasciatasi alle spalle la lezione degli Impressionisti e di Cézanne, si apre ad uno dei momenti più dirompenti e felici, cambiando radicalmente volto. A voler essere coincisi e pragmatici, verrebbe da dire che proprio nel ventennio seguente, a partire dalle ultime frange divisioniste, le tendenze e le avanguardie audacemente impostesi sul realismo ottocentesco imprimeranno tracce tanto profonde e marcate da orientare gli sviluppi del dopoguerra: dall’Informale di Vedova e Capogrossi, allo Spazialismo di Fontana. Alludiamo alla trasformazione visiva scaturita dallo stesso Futurismo e dalla Metafisica, nonché al recupero della forma operato da Novecento, movimento che, riallacciandosi alla tradizione, ha elaborato una nuova idea figurativa in grado di dialogare con il presente.

Centro Matteucci per l’Arte Moderna 
7 luglio – 5 novembre 2017
Orari: 7 luglio - 10 settembre martedì/venerdì 16.00 – 20.00
sabato/domenica 10.00 – 13.00 / 16.00 – 20.00
12 settembre – 5 novembre giovedì/venerdì 15.30 – 19.30
sabato/domenica 10.00 – 13.00 / 15.30 – 19.30
Lunedì chiuso
Martedì/mercoledì: visite per gruppi
biglietto intero 8 euro
biglietto ridotto 5 euro
via G. d’Annunzio, 28 – Viareggio
0584-430614 www.cemamo.it - info@cemamo.it 


Questo articolo è stato letto volte.




prenota_spazio


prenota_spazio


Terigi auto 2014-15


Altri articoli in Cultura


alfrun


domenica, 25 giugno 2017, 18:37

Ecco il romanzo "Il vendicatore"

Martedì 27 giugno alle 18,30 presso il Fanatiko di Viareggio (Viale Guglielmo Marconi 102, Passeggiata a Mare) viene presentato il romanzo "Il vendicatore" di Guglielmo Longhi che interviene per l'occasione insieme a Giovanni Lorenzini. Ingresso libero


sabato, 24 giugno 2017, 21:45

Il Festival Puccini testimonial della proposta culturale toscana in Kazakistan

Numerosi gli eventi promossi dal 24 giugno al 5 luglio dalla Regione Toscana in collaborazione con le Regioni Umbria e Marchenel Padiglione Italia


Prenota questo spazio!


sabato, 24 giugno 2017, 21:38

Il gruppo teatrale "I giocolieri delle stelle" presenta il musical Una spada per tre indimenticabili rose

Lo spettacolo è incentrato sulla vita di Lady Oscar, della Maria Antonietta e della stella della Senna e sarà accompagnato da tutte le canzoni, eseguite rigorosamente dal vivo


sabato, 24 giugno 2017, 20:35

"Ricordi di un bamboretto viareggino" al teatro estivo di Ponente

Il prossimo incontro letterario dell'Associazione "Tempo Libero" in programma lunedì 26 giugno alle ore 18 presso il teatro estivo della pineta di ponente, sarà dedicato al professor Franco Anichini


venerdì, 23 giugno 2017, 22:55

Alla Gamc inaugurazione mostra e presentazione di BAU 14

Sabato 1 luglio presso la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lorenzo Viani” di Viareggio verrà presentato in anteprima il numero 14 della rivista d’autore BAU Contenitore di Cultura Contemporanea


giovedì, 22 giugno 2017, 19:02

Dal Festival Pucciniano un omaggio alla Francia e alle vittime dell'attentato 'sur la Promenade des Anglais'

Il cartellone del 63° Festival Puccini in programma dal 14 luglio propone la messa in scena di cinque titoli pucciniani: Turandot, La Bohème, Tosca, Madama Butterfly e La Rondine, con due nuove produzioni Turandot e la Rondine


Ricerca nel sito


outlet-sport


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!