prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

lunedì, 20 novembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Economia

Famiglie italiane indebitate in media per 20 mila 341 euro, ma non è allarme

venerdì, 19 maggio 2017, 09:55

Le famiglie italiane sono sommerse dai debiti, questa l’amara sentenza emessa dall’Ufficio studi della Cgia. Secondo tale studio, infatti, i debiti accumulati con banche e con altri istituti di credito da parte delle famiglie italiane ammonta a 525,9 miliardi di euro, almeno questo era fino al 31 dicembre dello scorso anno. Eppure il sentimento comune delle istituzioni è quello di non allarmarsi, i dati sono preoccupanti, ma non si parla ancora di criticità, grazie anche al fatto che in questi ultimi giorni si è registrata una piccola ripresa, ma come sono distribuite le famiglie indebitate in Italia? Vediamolo. 

Le più indebitate sono le famiglie lombarde 

Secondo i dati pervenuti, le famiglie più indebitate sarebbero situate nella regione Lombardia, soprattutto quelle residenti nella provincia di Milano. Il debito per queste famiglie si attesta sui 29.304 euro. Il perché di questo fenomeno lo si può spiegare solo in un modo, dato che si sta parlando delle famiglie che, in quella zona, hanno una fascia di reddito elevata. E la spiegazione, appunto, sta nella forbice che si è creata tra famiglie con un ottimo reddito e famiglie sulla soglia di povertà, il rovescio di un’unica medaglia. E allora le cose stanno così, le famiglie più indebitate sono, ovviamente, quelle più deboli e dove si trovano? Proprio accanto a quelle con un reddito maggiore, come appunto accade nella provincia di Milano. 

Cos’è l’indebitamento medio delle famiglie 

Quello che va chiarito è che per indebitamento delle famiglie si intende quello che deriva dall’accensione di un mutuo, prestiti richiesti per l’acquisto di beni immobili (per approfondimenti vedi http://www.calcoloprestito.org/ ), veicoli, credito al consumo: insomma tutte le forme di accesso al credito che consentono a moltissime famiglie italiane di poter tirare avanti e far fronte alle diverse spese quotidiane come le bollette di luce, gas, telefono e spese in generi alimentari.

E le famiglie toscane quanto sono indebitate? 

Non bene purtroppo, il peso dei debiti si ravvisa in diverse città della regione anche se quella che, purtroppo, si distingue, è quella di Prato che sono indebitate per 26.988 euro, quindi si piazza al sesto posto tra le città più indebitate del Paese, record di certo poco piacevole. Tra le città meno indebitate, di contro, si piazza Enna con un debito medio delle famiglie pari a 9.072 euro, come a significare che qui, il gap tra famiglie ricche e famiglie povere sia meno marcato 

Prospettive per Viareggio 

Nello specifico, per la città di Viareggio, la speranza di ripresa viene incentrata soprattutto sugli afflussi turistici, quindi su eventi e manifestazioni legate al Carnevale dove, con un maggiore movimento dell’economia della città, si possono creare nuove opportunità. Certo, non è una soluzione definitiva, bisognerebbe incrementare il flusso economico tutto l’anno, ma la piccola ripresa a livello nazionale fa ben sperare.


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda


Terigi auto 2014-15


Avvocato Francesconi



essegi


Altri articoli in Economia


alfrun


venerdì, 17 novembre 2017, 18:40

I vertici di Crédit Agricole oggi in visita da Carismi

Cassa di Risparmio di San Miniato invita i vertici del Gruppo bancario Crédit Agricole Italia: oggi il primo incontro con i dipendenti della banca toscana. Per la chiusura dell’operazione si attendono le autorizzazioni previste entro il 2017


venerdì, 10 novembre 2017, 09:41

Stefano Francesconi alla guida dei Giovani Imprenditori di Confindustria Toscana Nord

Alessio Ranaldo, che ha guidato i Giovani Imprenditori di Confindustria Toscana Nord fin dall’unificazione dei tre Gruppi di Lucca Pistoia e Prato ha rassegnato le proprie dimissioni. Gli subentra, nella sua qualità di Vice Presidente più anziano il lucchese Stefano Francesconi


Prenota questo spazio!


giovedì, 9 novembre 2017, 17:12

Bonifica, diffidato il Consorzio 1 Toscana Nord per ritardi sul piano delle opere

Una richiesta ufficiale di chiarimenti da parte della Regione al Consorzio 1 Toscana Nord insieme a il Consorzio 4 Basso Valdarno e al Consorzio 2 Alto Valdarno atto che equivale all'avvio del procedimento di commissariamento


mercoledì, 8 novembre 2017, 15:57

Posta a giorni alterni in Versilia, Uil poste non ci sta: "Questo modello di servizio non funziona"

E' decisa e ferma sulla posizione Gabriella Paganelli, segretaria territoriale di Uilposte per la provincia di Lucca, pronta a scontrarsi con la dirigenza di Poste che, a breve, vuole riorganizzare i servizi sul modello già attuato in diverse regioni italiane e, in Toscana, a Prato e ad Arezzo


giovedì, 2 novembre 2017, 16:26

Progetto dell'asse di penetrazione, Confindustria Toscana Nord: "Un'opportunità per la nostra nautica!"

Confindustria Toscana Nord interveniamo in merito al dibatto in corso in questi giorni sulla stampa locale in merito alla presentazione da parte del Comune di Viareggio del progetto dell'asse di penetrazione al Porto


martedì, 31 ottobre 2017, 17:03

Un nuovo incontro il 16 novembre tra Rsu, Fiom Uilm Azimut Benetti Viareggio e direzione del personale

Il 16 novembre è previsto un nuovo incontro per definire pdr/esposizione piani di produzione triennali/ferie collettive. Sarà poi oggetto di confronto la problematica annunciata dei trasferimenti collettivi a Livorno, che risultano essere circoscritti alle sole aree del commerciale e marketing Benetti


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio