prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

lunedì, 25 settembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Economia

Famiglie italiane indebitate in media per 20 mila 341 euro, ma non è allarme

venerdì, 19 maggio 2017, 09:55

Le famiglie italiane sono sommerse dai debiti, questa l’amara sentenza emessa dall’Ufficio studi della Cgia. Secondo tale studio, infatti, i debiti accumulati con banche e con altri istituti di credito da parte delle famiglie italiane ammonta a 525,9 miliardi di euro, almeno questo era fino al 31 dicembre dello scorso anno. Eppure il sentimento comune delle istituzioni è quello di non allarmarsi, i dati sono preoccupanti, ma non si parla ancora di criticità, grazie anche al fatto che in questi ultimi giorni si è registrata una piccola ripresa, ma come sono distribuite le famiglie indebitate in Italia? Vediamolo. 

Le più indebitate sono le famiglie lombarde 

Secondo i dati pervenuti, le famiglie più indebitate sarebbero situate nella regione Lombardia, soprattutto quelle residenti nella provincia di Milano. Il debito per queste famiglie si attesta sui 29.304 euro. Il perché di questo fenomeno lo si può spiegare solo in un modo, dato che si sta parlando delle famiglie che, in quella zona, hanno una fascia di reddito elevata. E la spiegazione, appunto, sta nella forbice che si è creata tra famiglie con un ottimo reddito e famiglie sulla soglia di povertà, il rovescio di un’unica medaglia. E allora le cose stanno così, le famiglie più indebitate sono, ovviamente, quelle più deboli e dove si trovano? Proprio accanto a quelle con un reddito maggiore, come appunto accade nella provincia di Milano. 

Cos’è l’indebitamento medio delle famiglie 

Quello che va chiarito è che per indebitamento delle famiglie si intende quello che deriva dall’accensione di un mutuo, prestiti richiesti per l’acquisto di beni immobili (per approfondimenti vedi http://www.calcoloprestito.org/ ), veicoli, credito al consumo: insomma tutte le forme di accesso al credito che consentono a moltissime famiglie italiane di poter tirare avanti e far fronte alle diverse spese quotidiane come le bollette di luce, gas, telefono e spese in generi alimentari.

E le famiglie toscane quanto sono indebitate? 

Non bene purtroppo, il peso dei debiti si ravvisa in diverse città della regione anche se quella che, purtroppo, si distingue, è quella di Prato che sono indebitate per 26.988 euro, quindi si piazza al sesto posto tra le città più indebitate del Paese, record di certo poco piacevole. Tra le città meno indebitate, di contro, si piazza Enna con un debito medio delle famiglie pari a 9.072 euro, come a significare che qui, il gap tra famiglie ricche e famiglie povere sia meno marcato 

Prospettive per Viareggio 

Nello specifico, per la città di Viareggio, la speranza di ripresa viene incentrata soprattutto sugli afflussi turistici, quindi su eventi e manifestazioni legate al Carnevale dove, con un maggiore movimento dell’economia della città, si possono creare nuove opportunità. Certo, non è una soluzione definitiva, bisognerebbe incrementare il flusso economico tutto l’anno, ma la piccola ripresa a livello nazionale fa ben sperare.


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda


Terigi auto 2014-15


Avvocato Francesconi



essegi


Altri articoli in Economia


alfrun


lunedì, 25 settembre 2017, 16:52

Lavori Enel per il restyling della rete elettrica a bassa tensione

E-distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete di distribuzione elettrica, comunica che nei prossimi giorni effettuerà alcuni lavori di manutenzione e potenziamento su porzioni molto circoscritte di rete elettrica di bassa tensione nel territorio comunale di Viareggio


lunedì, 25 settembre 2017, 14:35

Livorno chiama, il Consorzio risponde: uomini e mezzi consortili in azione nella città labronica

Aveva annunciato la piena disponibilità durante le ore della tragedia meteo che ha creato morte e distruzione nella città labronica, ed è stato di parola: il presidente del Consorzio ha infatti raccolto la richiesta d’aiuto avanzata dal presidente del Consorzio Toscana Costa, e ha inviato uomini e mezzi di intervento...


Prenota questo spazio!


venerdì, 22 settembre 2017, 01:33

Giacomo Saisi (Uilm): ”Cantieri Azimut-Benetti, attesa per il nuovo piano riorganizzativo”

Giacomo Saisi, segretario UILM Area Nord Toscana, interviene sul piano riorganizzativo dell’azienda Cantieri Azimut-Benetti attraverso un comunicato


mercoledì, 20 settembre 2017, 13:45

Occupazione, un settembre ricco di corsi professionali grazie a Formetica

Dalla nautica all'industria meccanica, passando per il settore agricolo fino a quello industriale e dell'Ict. È un'ampia offerta di corsi ed opportunità lavorative quella che Formetica ha messo in campo, nel mese di settembre, per i giovani del territorio toscano che vogliono avere l'opportunità di intraprendere un percorso di formazione...


martedì, 19 settembre 2017, 15:09

Appartamento per l'autonomia: 13 già attivi nell'ASL Toscana nord ovest

"Appartamento per l'autonomia" è un percorso sperimentale che  riguarda strutture residenziali per l'accoglienza di ragazzi vicini alla maggiore età o neo-maggiorenni, in età compresa tra i 16 e 21 anni, sia italiani che stranieri, in difficoltà o in condizione di disagio, già in carico dai servizi pubblici territoriali


martedì, 19 settembre 2017, 15:07

Attivati i lavori volontari di utilità sociale per gli stranieri richiedenti asilo

La giunta ha approvato un disciplinare nel quale vengono definiti i contenuti e le procedure per l’attivazione dei ‘Lavori volontari di utilità sociale’. Lo scopo è quello di promuovere l’inclusione sociale nonché l’acquisizione da parte dei richiedenti asilo, di competenze linguistiche e professionali di base


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio