Anno 6°

venerdì, 30 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Alta Versilia

GrIG: "Il Parco Apuane blocchi sul serio le cave"

lunedì, 16 luglio 2018, 10:47

Stefano Deliperi del Gruppo d'Intervento Giuridico onlus giudica un atto dovuto la decisione di non autorizzare alcuna nuova cava sul Pizzo d'Uccello e lancia un invito ad escludere l'intera area del Monte Tambura dalla zona estrattiva.

"Il consiglio direttivo del Parco naturale regionale delle Alpi Apuane - esordisce - ha deciso (deliberazione n. 28 del 10 luglio 2018) di impartire la direttiva ai propri uffici tecnici e amministrativi relativa alla "'non concessione' di ulteriori autorizzazioni alle attività estrattive in esercizio o esercitabili nei bacini del Cantonaccio e del Solco d'Equi" (circa 40 ettari di territorio)".

"E' l'effetto della compresenza nell'area delle discipline di salvaguardia ambientale del piano del parco e del piano d'indirizzo territoriale (P.I.T.) con valenza di piano paesaggistico - spiega -.  Nessuna nuova cava sul Pizzo d'Uccello, ma pressochè un atto dovuto, qualsiasi trionfalismo appare fuori luogo".

"Curiosamente - incalza - la nuova cava al Pizzo d'Uccello "altera profondamente l'identità dei luoghi e presenta un rilevante impatto paesaggistico, naturalistico e geomorfologico", ma non lo altera, per esempio, l'altrettanto devastante Cava Cattani Lisciata, in comune di Fivizzano, recentemente autorizzata (pronuncia di compatibilità ambientale – P.C.A. n. 12 del 4 giugno 2018), pur essendo nel "Bacino marmifero di Equi". Così come perdurano i tanti inquinamenti e gli altrettanti abusi nelle attività estrattive".

"Gli organi direttivi del Parco e la Regione Toscana - conclude - vogliono davvero fare qualcosa di rilevante e incisivo per l'ambiente delle Alpi Apuane? Visti gli abusi riscontrati nella Cava Padulello (ordinanza sospensione lavori e ripristino ambientale n. 2 del 17 febbraio 2017), situata sul Monte Tambura a oltre 1.400 mt, visto l'introito ridotto del comune (Minucciano), considerando la sostanziale inattività della cava di cresta Piastramarina (P.C.A. n. 2 del 10 aprile 2017), - conclude - chiediamo al Parco, ai comuni interessati, alla Regione Toscana, al Ministero dei Beni e Attività Culturali di attivarsi nell'applicazione del P.I.T. con valenza di piano paesaggistico ed escludere l'intera area del Monte Tambura dalla zona estrattiva, cioè dall'area contigua di cava del parco naturale delle Alpi Apuane e inserirle nell'area del Parco vera e propria, dove l'attività estrattiva è preclusa".


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

auditerigi

toyota


Altri articoli in Alta Versilia


mercoledì, 28 ottobre 2020, 17:44

Tragedia in cava, domani sciopero dei sindacati

Dopo l'incidente mortale sul lavoro oggi in una cava a Levigliani (Stazzema), dove un operaio è rimasto schiacciato da un mezzo durante una operazione in una galleria, Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil di Lucca e Massa Carrara, per dire "basta alle morti sul lavoro", hanno proclamato uno sciopero...


mercoledì, 28 ottobre 2020, 15:39

Tragedia in cava, operaio perde la vita

Si trasforma in tragedia il giorno di lavoro all'interno della cava Borra Larga nel bacino del Monte Corchia. Un operaio di 59 anni, Andrea Figaia, residente ad Avenza, è rimasto intrappolato tra un macchinario e la parete rocciosa riportando uno schiacciamento addominale fatale


Prenota questo spazio!


mercoledì, 28 ottobre 2020, 11:43

Cava dietro Palazzo Mediceo: il Parco dice "no"

Il Parco delle Alpi Apuane esprime il suo diniego al rilascio della pronuncia di compatibilità ambientale e delle altre autorizzazioni connesse, per il progetto di coltivazione della cava "Francia Est" nel comune di Stazzema e in parte nel comune di Seravezza


mercoledì, 28 ottobre 2020, 09:32

Soccorsi due giovani escursionisti sul Monte Corchia

La stazione di Querceta del Soccorso Alpino Toscano è stata allertata nel tardo pomeriggio di ieri dai carabinieri per intervenire in aiuto di due escursionisti dispersi nel gruppo del Monte Corchia


martedì, 27 ottobre 2020, 14:34

La richiesta di Verona: “Telefonia mobile e connettività di qualità per i borghi montani”

Il sindaco di Stazzema Maurizio Verona scrive alle maggiori compagnie telefoniche per chiedere un potenziamento del segnale della rete mobile e maggiore connettività veloce per i borghi montani, spesso alle prese con un segnale poco efficiente e una connettività lenta che aumenta il gap tra le zone di montagne con...


mercoledì, 21 ottobre 2020, 10:50

Partecipazione per il Piano per il Parco: incontro con le associazioni economiche

Si svolgerà il 23 ottobre, alle ore 16, il prossimo incontro partecipativo previsto dal percorso di informazione e partecipazione in vista dell'adozione del Piano per il Parco


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!