Anno 6°

giovedì, 13 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Alta Versilia

Torna "Stazzema è cultura" con il racconto dei 18 paesi del territorio

martedì, 14 luglio 2020, 16:13

Torna domani dalle 18.00 sulla pagina Facebook del Comune di Stazzema la rubrica Stazzema è cultura che ha accompagnato i lettori nel periodo del lockdown, con il viaggio che  racconterà i 18 paesi, includendo Col di Favilla, che compongono il territorio che è tutto da scoprire e racchiude, senza il timore di essere smentiti,  le vestigia di comunità millenarie che hanno lasciato una eredità straordinaria in termini di bellezze e di ambiente da vivere. Bellezze spesso nascoste nei boschi o addirittura all’interno di cavità carsiche fatte di cunicoli invisibili all’occhio o capaci di togliere il fiato come la Pania della Croce, regina delle Apuane o il Monte Forato. Un territorio felice, rigoglioso, legato alle proprie tradizioni, in cui l’arte, la cultura, i mestieri tradizionali, vanno a braccetto con la modernità, in cui le strade si mescolano alle antiche mulattiere che da sempre collegano i Paesi e consentivano i rapporti tra i diversi borghi e gli scambi culturali e commerciali tra le diverse comunità e gruppi di case. Il territorio stazzemese fu abitato fin dall'età del ferro e poi dagli etruschi, dai Liguri Apuani e strenuamente difeso con i lunghi pennati, che costituiva l’arma tipica delle popolazioni autoctone. Ogni borgo mantiene una propria caratteristica e una propria tipicità, oltre che un proprio Santo Patrono ed una propria festività.

Protagonista dell’appuntamento di domani il paese più “alto” , ARNI, che ci racconta la storia di una comunità orgogliosa cresciuta con l’arrivo della ferrovia marmifera e dello scavamento del traforo del Cipollaio a fine ‘800. Apprezzata meta di relax fino a pochi anni fa, si trova nel cuore delle Apuane tra paesaggi da brivido e l’acqua del Turrite Secca ad accompagnare la storia di questo paese sulla cui origine fioccano le leggende.

“Cercheremo di proporre immagini vecchie e nuove di questi borghi che compongono il territorio di Stazzema”, commenta l’Assessore alla Cultura Serena Vincenti, “per creare un racconto del nostro territorio che è bellissimo: a Stazzema si vive bene, si mangia bene, si può fare sport, passeggiate, arrampicate, escursioni sotterranee e si può riposare circondati da bellezza che sta nel paesaggio e nei luoghi. Il futuro è nelle nostre radici”.


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

auditerigi

toyota


Altri articoli in Alta Versilia


giovedì, 13 agosto 2020, 17:35

In montagna nella fase 3 del Coronavirus con Mangia Trekking

Il coronavirus sembra tornare a crescere e diffondersi. Diversi comportamenti delle persone pare che contribuiscano a tale ripresa


giovedì, 13 agosto 2020, 16:53

Estate a Palazzo: al Mediceo prosegue con successo la retrospettiva dedicata ad Eugenio Pieraccini

Prosegue con successo a Palazzo Mediceo la mostra "Il diavolo e l'acqua santa", omaggio all'artista versiliese Eugenio Pieraccini nel quarantesimo anniversario della scomparsa. Una corposa selezione di opere – circa 250 – che ai dipinti affianca un'approfondita, e in parte inedita, panoramica sulla produzione grafica dell'artista


Prenota questo spazio!


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:00

Sant'Anna di Stazzema, il sindaco Verona torna indietro di 80 anni e annuncia: “Promuoveremo una legge popolare contro la diffusione del fascismo”

Pubblichiamo il resoconto della commemorazione ufficiale della tragedia di Sant'Anna di Stazzema comprese le parole del sindaco Maurizio Verona il quale pretende di insegnare l'antifascismo e, al contrario, farebbe meglio a tenere la bocca chiusa che il fascismo, ormai, lo vede solo lui


mercoledì, 12 agosto 2020, 21:55

"Ancora erba alta e degrado nel cimitero di Arni"

Il consigliere comunale di Stazzema Enrico Landi interviene sui problemi del cimitero di Arni lasciato all'incuria


martedì, 11 agosto 2020, 15:08

Narrativa e giornalismo nel sito Unesco di Palazzo Mediceo, in Versilia, per l'ottava edizione del festival Trame d'estate

Narrativa e giornalismo, due lenti di uno stesso binocolo puntato sulla realtà. È ancora la giustapposizione di fiction e cronaca, vite immaginarie e vite vissute, forme diverse di scrittura e lettura della contemporaneità il tema portante del festival Trame d'estate


martedì, 11 agosto 2020, 14:46

Cerimonia in ricordo di Don Innocenzo Lazzeri a Pontestazzemese

Cerimonia in ricordo di Don Fiore Menguzzo e i Martiri di Mulina. Il sindaco: “A Mulina realizzeremo uno spazio dedicato al clero martire”


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!