Anno 6°

domenica, 24 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Alta Versilia

Tutti i superstiti in vita della strage di Sant’Anna di Stazzema cittadini benemeriti del Comune di Stazzema

venerdì, 1 gennaio 2020, 12:45

Il consiglio comunale di Stazzema nella seduta di fine anno ha votato all’unanimità la delibera di conferimento della cittadinanza benemerita a tutti i superstiti in vita della strage di Sant’Anna di Stazzema.

I superstiti in vita della strage di cui si è trovato il nome sono quarantadue, alcuni erano residenti a Sant’Anna, altri sfollati, perché Sant’Anna di Stazzema fu anche un luogo di accoglienza per molti che dalla piana della Versilia, ma non solo cercavano rifugio dalla guerra.

Il conferimento della più alta onorificenza del Comune di Stazzema avviene nel ventesimo anniversario dell’istituzione del Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema con la legge 381 dell’11 dicembre 2000, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 20 dicembre di quell’anno a seguito dell’iniziativa parlamentare dell’on. Carlo Carli e arrivata con il voto quasi unanime del Parlamento.

L’unico Parco Nazionale della Pace che ha elevato un luogo a lungo sommerso sotto la nebbia dell’oblio voluto da quelle istituzioni che avevano occultato per decenni la verità. Dopo il 2000 arrivò il processo a dieci SS.

Oggi Sant’Anna di Stazzema è un luogo di riferimento per le politiche di pace a livello nazionale, ma non solo. Il presidente della Repubblica nel messaggio inviato in occasione del 76° anniversario della strage ha scritto: “Grazie ai sopravvissuti e ai cittadini di Sant’Anna, quel luogo profanato dalla violenza più crudele è diventato una pietra angolare dell’Europa e dei suoi ideali di civiltà”. Il Consiglio Comunale di Stazzema con il voto unanime dei tre gruppi consiliari e di tutti i consiglieri che hanno partecipato al voto ha deliberato la cittadinanza benemerita con questa motivazione. “Negli anni che seguirono la strage nazifascista del 12 agosto 1944 i superstiti hanno costituito le base della sopravvivenza della memoria contro l’oblio voluto dalle autorità. Il Comune di Stazzema accoglie con orgoglio nella propria comunità questi cittadini dell’Europa ricostruita su basi democratiche che fonda sulle tragedie come quella di Sant’Anna la speranza di un futuro di prosperità senza più guerre”.

“Da alcuni mesi avevamo progettato una cerimonia per il conferimento della cittadinanza benemerita a tutti i superstiti”, commenta il sindaco Maurizio Verona, “che non abbiamo potuto svolgere come avremmo voluto a causa della contingente emergenza sanitaria, ma che svolgeremo presto quando si potrà e allora consegneremo la medaglia per il XX anniversario del Parco Nazionale della Pace e la pergamena che spetta a ciascun superstite che ha portato per tutti questi anni il dolore ed il peso di quell’evento. Dobbiamo ai superstiti la sopravvivenza della memoria in questo lungo periodo di tempo e siamo orgogliosi di accogliere tutti loro nella comunità di Stazzema. I superstiti sono i giganti sulle cui spalle possiamo vedere il futuro avendo saldi i piedi nella nostra storia che è sì fatta di dolore, ma anche di capacità soprattutto negli ultimi anni di essere luogo di impegno nel presente. Ringrazio i consiglieri comunali per le parole di adesione a questa iniziativa e ringrazio l’associazione Martiri di Sant’Anna per il lavoro di questi anni per la memoria della strage e del paese. Ringrazio tutti coloro che hanno contributo alla redazione di un elenco dei superstiti ancora in vita”. 

 

ELENCO DEI SUPERSTITI IN VITA INSIGNITI DELLA CITTADINANZA BENEMERITA :

 

Antonucci Lina; Battistini Ada; Bazzichi Enni; Bernabò Milena; Berretti Giovanni detto Giancarlo; Berretti Graziella; Berretti Lidia; Berretti Osvaldo; Berretti Romano; Bonuccelli Renato; Ceragioli Gino; Della Menna Adriana; Della Menna Giuliana ; Gamba Carla; Gamba Claudio; Gamba Liliana; Lencioni Paolo; Mancini Enio; Mancini Liliana; Marsili Mario; Moriconi Genoveff ; Pardini Adele; Pardini Cesira; Pardini Licia; Pardini Lilia ; Pardini Siria; Pardini Vittorio ; Pellegrini Annamaria; Pellegrini Miria ; Pieri Avio; Pieri Enrico; Pieri Mauro ; Ulivi Mario; Berretti Velia; Lazzeri Valentina; Lazzeri Nella; Tenerani Gemma; Bocchi Luciano; Consoloni Enrico; Consoloni Maria Adele; Scattolin Franca; Navari Loris;

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

auditerigi

toyota


Altri articoli in Alta Versilia


venerdì, 22 gennaio 2021, 15:53

Seravezza, servizi comunali a portata di smartphone

Gabrielli annuncia la volontà del Comune di promuovere anche la diffusione dello SPID, sistema di autenticazione per accedere alle pratiche dell'ente o ad altri servizi locali e nazionali


giovedì, 21 gennaio 2021, 09:54

Collaborazione nell’anno di Dante dalla pianura alla montagna e fino al mare

Anche nelle varie fasi del Coronavirus l’impegno dell’Associazione Mangia Trekking ha continuato a valorizzare la vita sportiva negli ambienti naturali


Prenota questo spazio!


mercoledì, 20 gennaio 2021, 19:02

Ambiente: Parco Alpi Apuane, via libera a bilancio esercizio 2019

Nella commissione del consiglio regionale presieduta da Lucia De Robertis (Pd), parere favorevole a maggioranza. Astenuto il gruppo di Fratelli d’Italia, contro la Lega


mercoledì, 20 gennaio 2021, 18:34

Misure di sostegno alla popolazione in difficoltà

Misure di sostegno alla popolazione in difficoltà: comunicata l’entità della cifra messa a disposizione dal governo. Ecco le modalità di accesso


martedì, 19 gennaio 2021, 15:30

Completate le opere di riqualificazione di quattro parchi pubblici a Seravezza, Ripa e Pozzi

I quattro giardini pubblici di Seravezza, Ripa e Pozzi oggetto dell'intervento sono stati sottoposti a manutenzione straordinaria (rifacimento delle recinzioni e piccole riparazioni) e alla sostituzione delle attrezzature ludiche esistenti o alla loro installazione ex novo come nel caso del parco di via Martiri di Sant'Anna a Pozzi


lunedì, 18 gennaio 2021, 14:14

Gruppo d'Intervento giuridico: "Il demanio civico di Vagli Sotto e Stazzema deve essere reintegrato senza dilazioni"

È chiara l'istanza portata avanti dall'associazione ecologista Gruppo d'Intervento Giuridico odv alla Regione Toscana: "Occupati illegittimamente ettari di terreno e in caso di mancata restituzione al demanio civico non sarebbero da escludere provvedimenti di sequestro preventivo"


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!