prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

giovedì, 21 novembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Camaiore

Camaiore piange la scomparsa dell'ex vicesindaco Marcello Giannacchini

giovedì, 10 ottobre 2019, 16:58

Camaiore si veste di nero per l'ex vicesindaco Marcello Giannacchini, morto ieri, a 86 anni a causa di un'emorragia celebrale. Conosciuto in tutto il litorale versiliese per l'importante carriera politica locale e nazionale, per il forte impegno e il grande cuore che ha sempre dimostrato di avere.

Dal 1958 al 2003 è stato funzionario, dirigente e segretario del Partito repubblicano italiano a Camaiore. Fino al 2004 quando - dato il suo grande sostegno nella lista regionale e nazionale di centro sinistra "Uniti nell'Ulivo - s'iscrive al Movimento repubblicani europei rimanendone attivista e dirigente fino al 2006. Legatissimo alla sua città, nel 1982 - sotto l'amministrazione Fabio Pezzini - inizia il suo incarico da vicesindaco e assessore allo sport, fino al 1986. Un uomo che ha contribuito a fare la storia del suo Paese, mettendosi sempre al pari dei suoi concittadini.

Tra le persone è riuscito a lasciar di lui esclusivamente pensieri positivi: "Per i suoi paesani - ricorda il suo amico e collega Elio Bianchi, consulente del lavoro e d'Innovazione organizzativa aziendale - Marcello è sempre stato un uomo formidabile, disponibile e generoso. Sempre pronto ad ascoltare e risolvere i problemi: quelli personali, di tutti i giorni e della comunità". Nel corso degli anni è stato inoltre segretario di categoria per i settori edilizia-marmo Cartai, Calzaturieri e consulente previdenziale al patronato Ital dal 1970 al 1996, Itaco Conferscenti dal 1996 al 2008 e Acai fino al 2017. Lascia la moglie Sonia Petrucci, la sorella Maria Pia, i figli Claudio e Riccardo, le nuore Clara e Maria e i nipoti Alessio e Nicole. Tanti anche gli altri parenti acquisiti: le cognate Alba e Donatella e il cognato Piero, i cugini e i numerosissimi amici. Saranno tutti presenti domani, al funerale che si terrà nella chiesa del Secco alle 15.30. È sempre andato al di là dei simboli e dei colori, mantenendo comunque ben salde le sue idee.

Lo dimostrano le toccanti parole del consigliere comunale della Lega Alessandro Santini: "Un saluto sabaudo a te, amico e compaesano Marcello. Si allontana da noi, per poco in verità, un vero personaggio del Secco, del Lido diranno tanti, di Camaiore suggeriscono tutti. Ma Marcello era del Secco, punto. Della sua esperienza politica parleranno in molti e a loro lascio i ricordi migliori di ciò che di bello ha fatto - con passione, dedizione e amore. Repubblicano fino nelle viscere, oggi viene pianto anche da me: monarchico fin anche nelle budella, eppure sì amici, con grande rispetto reciproco, non potete immaginare quanto. Lo piango anch'io perché era un uomo buono, gentile, di cultura, che non aveva confini per quello che rappresenta il bello della dialettica e il parlare di politica sana. Cosa ci unisce? O meglio, chi.  Giuseppe Mazzini. Come Mazzini, mi chiederete? A te che sei monarchico? Sì, avete capito benissimo: Giuseppe Mazzini, o meglio, il suo busto bronzeo. Ero ancora vicesindaco, avevo già fatto ripristinare il monumento a Re Umberto I alla Badia, quando una mattina il nostro buon Marcello, mi trova all'edicola del Secco. Mi chiede se voglio andare a vedere un pezzo d'arte, d'epoca, nascosto e mai reso pubblico, senza dirmi di cosa si trattasse. Io, amante della storia e dell'arte, l'ho subito seguito con un'affamata curiosità. Mi porta al Molino di via Aurelia, allora ancora aperto e funzionante, accanto al Ristorante Clara. Entriamo nella stanza al piano terra, tra macchinari e sacchi di farina e nel mezzo intravedo una enorme "chiocca" stempiata di bronzo con un ciuffetto di capelli che sembrano i miei oggi. Era davvero enorme, non scherzo. Lo riconosco immediatamente: è uno splendido busto di Giuseppe Mazzini. Bello. Ma aiutatemi a dire bello e fatto bene - subito gli chiedo dove metterlo. Lui si fa largo tra i sacchi e lo libera: è perfetto, è lui! Ci guardiamo negli occhi, l'intesa si trova subito. Forse non se lo aspettava, ma io gli ho subito proposto di collocarlo in un parco pubblico. Nella pinetina del Viale Kennedy accanto al Bar Liù. Affare fatto! Porto la pratica in giunta e approvano all'unanimità. Passa qualche mese e arriva l'inaugurazione del busto di Mazzini. Marcello e la sua Associazione Mazziniana chi volle ad inaugurare il monumento? Quel monarchico del Santini. Con infinito orgoglio, commozione e soddisfazione mi trovai accanto a Marcello, al quale nel mio piccolo, avevo dato la possibilità di realizzare un piccolo sogno. Marcello era questo: semplicità e generosità, un Uomo di altri tempi, con occhi piccoli che sapevano sorridere da soli. Oggi porterò un fiore per te a quel monumento, oggi piangerò il mio amico repubblicano". 

Chiara Bernardini

 


Questo articolo è stato letto volte.


maxibazar


il Panda


auditerigi


Altri articoli in Camaiore


mercoledì, 20 novembre 2019, 15:47

Campagna di rilievi dell’Università di Firenze nell’ambito del progetto “E sem a Gombetea”

Una delegazione di studenti del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze, guidata dalla Professoressa Paola Puma, è impegnata in questi giorni in una campagna di rilievo a Gombitelli nell’ambito del progetto “E sem a Gombetea”


mercoledì, 20 novembre 2019, 15:36

Il Piccolo Teatro Sperimentale allo "Sheakspeare Festival"

Giovedì 21 novembre alle ore 21.00 al teatro dell’Olivo a Camaiore in scena lo spettacolo “ H2O S.W”


Prenota questo spazio!


martedì, 19 novembre 2019, 18:21

Debutta allo Shakespeare Festival 'Molto rumore per nulla' di Miriam Baldassari

Ancora la danza protagonista allo Shakespeare Festival. Sul palco la compagnia di danza contemporanea “Emotions Dance company” con “Molto rumore per nulla”. Miriam Baldassari ha infatti scelto la rassegna dedicata al Bardo diretta dalla Prof.ssa Antonella Padolecchia per portare in scena in anteprima assoluta il suo ultimo lavoro


martedì, 19 novembre 2019, 13:00

Una giornata in ricordo di Stefania Campetti al Civico Museo Archeologico

Sabato 23 novembre il comune di Camaiore e il Civico Museo Archeologico di Camaiore, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, organizzano una giornata per ricordare Stefania Campetti, direttrice del Museo dal 1994 fino al 2015 e archeologa della Preistoria italiana e del bacino del Mediterraneo


lunedì, 18 novembre 2019, 15:01

La danza e il canto per liberarci dalle nostre paure con 'F' allo Shakespeare Festival

“F” è una storia di libertà, di paura e coraggio, prigionia e fughe. Lo spettacolo in scena al Teatro dell'Olivo di Camaiore martedì 19 novembre all'interno dello Shakespeare Festival è liberamente tratto da As you like it, commedia del Bardo in cui si contrappongono la corruzione della corte alla purezza...


lunedì, 18 novembre 2019, 14:36

Intitolazione rotonda ai caduti della Divisione Acqui

Sabato 23 novembre si terrà la cerimonia di intitolazione della rotonda tra via Italica e la SR439 Sarzanese, a Capezzano Pianore, ai Caduti della Divisione Acqui. La rotatoria sarà dedicata al sacrificio dei soldati italiani a Cefalonia e Corfù nel settembre del 1943


Ricerca nel sito


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!