prenota

Anno 6°

martedì, 26 maggio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

gesamgaseluce


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Polli da allevamento

lunedì, 18 maggio 2020, 21:20

di aldo grandi

Se un risultato, oltre ai tanti che hanno tentato, riuscendoci, di inculcarci, questo virus ha ottenuto, è stato quello di produrre milioni di polli da allevamento e carne da macello. Tradotto in parole povere, ha permesso alle élites dominanti che non sono, certamente, i poveri debosciati pentapallati o i piddini senza arte né parte, di comprendere che di fronte alla paura gli esseri umani perdono ogni lucidità e diventano un gregge di pecore senza più autonomia di pensiero e indipendenza di giudizio. Sono, ormai, tre settimane che il Coronavirus sta, nemmeno tanto lentamente, abbandonando le nostre latitudini, ma i politicanti da strapazzo che ci guidano come gattini ciechi continuano a tenere alta la guardia e gran parte degli italiani va loro dietro senza nemmeno domandarsi perché. Calano i contagi, diminuiscono i decessi, aumentano i guariti, ma non c'è verso: a Roma, nei palazzi del potere senza dignità né spina dorsale, un po' se la fanno sotto per la paura e un altro po' godono per quella sorta di onnipotenza che un popolo di coglioni ha attribuito ad una minoranza di imbecilli. Nelle nostre città, questa mattina, in giro, non c'era, poi, tutto questo grande entusiasmo. Certo, in molti si sono fatti coraggio, altri lo hanno sempre avuto, altri ancora non hanno alternativa, ma nell'aria serpeggia un alone di malinconia e la sensazione che manchi qualcosa o, peggio ancora, qualcuno è chiaramente percepibile anche ad occhio - e orecchio - nudo...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Silvia Romano? Regaliamole anche il... biglietto di ritorno

domenica, 10 maggio 2020, 21:10

di aldo grandi

La prima cosa che ci è balzata agli occhi e alla testa tutt'altro che devastata dal clima di terrore inculcato in questi mesi dai teorici del lockdown spinto all'estremo - questa razza di bastardi senza gloria - è stata che, a nostro modesto avviso e, se non altro, per una forma di rispetto verso la cultura, la religione e il paese da cui proveniva, dove era nata e, in fondo, che aveva, probabilmente, sborsato alcuni milioni di euro per liberarla, Silvia Romano, la cooperante milanese partita un paio di anni fa in cerca di avventura e realizzazione spirituale personale, avrebbe dovuto indossare vestiti occidentali. Punto e basta. Invece, schiaffo senza vergogna, è comparsa alle telecamere italiane e davanti ad un ministro degli Esteri che, se fosse stato tale, se ne sarebbe dovuto andare, con una tipica veste somala che testimoniava inequivocabilmente, la sua fede islamica e, quindi, la conversione avvenuta durante la prigionia in mezzo ai terroristi dell'organizzazione affiliata ad Al-Qaeda. Forse a qualche leccaculo di giornalista o di politicante senza palle dell'Opposizione Inesistente, è sfuggito il fatto che si tratta di terroristi gente, cioè, che uccide e rapisce regolarmente gli imbecilli come noi che si prodigano, da un  lato, per aiutare le popolazioni locali oppure che visitano turisticamente l'Africa per via di quel famoso 'mal' o nostalgia che prende, soprattutto, chi possiede una personalità facilmente influenzabile e, sostanzialmente, insoddisfatta della propria quotidiana esistenza...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Il Coronavirus ha spazzato via la Chiesa e la scuola

mercoledì, 29 aprile 2020, 18:49

di aldo grandi

Tra i tanti interventi apparsi un po' ovunque in questi quasi due mesi di lockdown e attinenti l'emergenza sanitaria, nessuno o quasi ha affrontato quello che, dopo l'emergenza economica e psicologica delle masse, è stato ed è, a nostro avviso, il risultato più evidente e devastante della cosiddetta deresponsabilizzazione della nostra classe digerente a tutti livelli: politico, amministrativo, culturale. Diciamo e scriviamo classe digerente poiché, inutile nasconderselo, essa è impegnata h24 e 365 giorni l'anno a pensare solo ed esclusivamente o quasi, ai propri istinti fagici o similari ossia primari. Il Covid-19, questo virus part-time che colpisce e, soprattutto, uccide soltanto a determinate condizioni, ma che risparmia i più giovani dai neonati agli studenti universitari compresi uomini e donne fino, almeno, alle soglie dei 50 anni, ha, letteralmente, cancellato due istituzioni fondamentali della nostra società: la scuola e la Chiesa. Soltanto in Italia il Ministero della Verità ha ritenuto di dover abbassare le saracinesche e rimandare tutto a settembre annullando esami, votazioni, meriti e demeriti. Uno straccio ancor più che una spugna, passato sopra la lavagna più importante per una civiltà che voglia restare tale. Noi non sappiamo che cosa sarebbe accaduto qualora fossimo stati, anche noi, personale docente, ma, sicuramente, ci saremmo battuti con tutte le nostre forze affinché le scuole riaprissero, Covid o non Covid, nel mese di maggio. Questo, se non altro, per lanciare un segnale...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Giù la testa, coglioni

domenica, 26 aprile 2020, 23:18

di aldo grandi

Ma allora avevamo ragione noi! Ci hanno preso per il culo da due mesi e ci prenderanno per il culo anche per tre. Dopo aver letto, non sentito perché soltanto ascoltarlo ci fa venire nausea e vomito, il discorso di Giuseppe Conte, ci siamo messi le mani non nei capelli, nonostante ne abbiamo molti e cresciuti visto il black-out dei barbieri, ma da un'altra parte, per fare gli scongiuri. Ragazzi questi sono fuori di testa, ma lo abbiamo già scritto. Questi sono dei criminali, ma lo abbiamo già detto. Questi sono degli incapaci, ma non avevamo bisogno di dirlo. E allora che cosa ci resta da dire o da scrivere? Nulla. Le parole sono pietre, ma a questi bastardi fanno il solletico. Capiscono solo il linguaggio delle seconde. Stiamo ricevendo, sul nostro cellulare, i messaggi di commercianti e amici i quali sono basiti: speravano di ripartire il 4 maggio e, invece, ripartiranno, se va bene, il 1 giugno a estate già compromessa. E sono quelli che avevano in corpo ettolitri di ottimismo, che sbandieravano il proprio convinto 'andrà tutto bene', che vedevano in questa emergenza sanitaria la possibilità di eliminare la malattia e ripartire di slancio. E sono gli stessi che, adesso, si domandano come sia possibile che, con dieci regioni praticamente guarite, si debba applicare a tutta Italia la stessa quarantena continuando nell'errore di trattare situazioni diverse allo stesso modo...


tuscania

Avvocato Francesconi

toyota

auditerigi


Ultime notizie brevi


lunedì, 25 maggio 2020, 16:50

Tagli all'organico dei docenti di lettere in Toscana

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della Disciplina dei Diritti Umani, nella persona del presidente, il professor Romano Pesavento, ha voluto esprimere la propria preoccupazione per alcune segnalazioni ricevute, inerenti ai tagli all'organico dei docenti di lettere in Toscana.


lunedì, 25 maggio 2020, 16:49

Fratelli d'Italia Viareggio presente al flash mob in Piazza Mazzini a sostegno delle categorie

Una delegazione di Fratelli d'Italia di Viareggio era presente ieri sera Piazza Mazzini al flash mob a sostegno delle categorie economiche alle prese con la difficile ripartenza post coronavirus. Presente, oltre a molti iscritti, anche il Presidente del Circolo FDI Viareggio Marco Dondolini: Fratelli d'Italia era l'unica forza politica presente...


Prenota questo spazio!


lunedì, 25 maggio 2020, 16:40

Emergenza sanitaria: stop a Cosap anche per suolopubblico temporaneo (stagionale), imprese pubblico esercizio esonerate pagamento dal 1 maggio al 31 ottobre 2020

Stop anche alla Cosap "temporanea". L'amministrazione comunale di Alberto Stefano Giovannetti, con una delibera di giunta, ha prorogato a settembre i termini di pagamento del canone di occupazione di spazi ed aree pubbliche temporanee collegate, per lo più, ad attività stagionali.


lunedì, 25 maggio 2020, 16:40

Ente: consiglio comunale in diretta Facebook, all'ordine del giorno il bilancio della Farmacia

Il Comune di Pietrasanta torna a riunirsi in video conferenza. Sindaco, membri della giunta e consiglieri comunali si siederanno sui banchi virtuali del consiglio comunale grazie alla modernissima piattaforma Cisco Webex connettendosi dalle proprie abitazioni. I cittadini potranno seguirlo da casa, in diretta, sulla pagina Facebook ufficiale del Comune di...


lunedì, 25 maggio 2020, 16:35

Subordinate Mps: risarcimento da 90 mila euro a Viareggio

Grazie a Confconsumatori sarà rimborsato un piccolo risparmiatore che aveva acquistato obbligazioni ad alto rischio destinate agli investitori istituzionali


lunedì, 25 maggio 2020, 16:33

Nidi, mense, scuolabus: dichiarazioni Isee entro il 15 giugno

L'amministrazione comunale, per venire incontro ai cittadini e considerate le difficoltà emerse a seguito dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e verificatesi successivamente alla pubblicazione della deliberazione di Giunta comunale n. 22 del 29 gennaio 2020 con la quale sono state determinate nuove fasce ISEE e nuove tariffe per la fruizione dei...


lunedì, 25 maggio 2020, 16:32

Bando di selezione per 12 giovani nel progetto per l'ambiente in Toscana

L'ufficio Informagiovani  e l'Urp del Comune di Massarosa ricordano che ci sono ancora pochi giorni (la scadenza è il 31 maggio) per partecipare al bando dedicato a ragazzi tra i 18 e i 27 anni per un progetto di stampo ambientale.


lunedì, 25 maggio 2020, 16:29

Buoni alimentari, come ottenere i rimborsi

Ecco i rimborsi dei buoni spesa per i commercianti che hanno accettato i buoni alimentari del Comune di Massarosa. L'ufficio sociale del Comune di Massarosa avvisa gli operatori economici che hanno sottoscritto l'accordo con l'amministrazione comunale per la vendita di generi di prima necessità, accettando i buoni alimentari emessi dal...


lunedì, 25 maggio 2020, 11:17

31 maggio 2020: termine ultimo per invio protocollo di sicurezza anticontagio alla Regione Toscana

Tutte le aziende, con o senza dipendenti, ditte individuali con o senza collaboratori, snc, srl, sas ecc., debbono inviare alla Regione Toscana, entro il 31 maggio. il Format del protocollo di sicurezza anticontagio che altro non è che una sintesi di ciò che le aziende hanno messo in atto per...


lunedì, 25 maggio 2020, 10:24

Giovedì 28 maggio saranno effettuati lavori sulla rete dell'acquedotto servente il Comune di Camaiore

Giovedì 28 maggio saranno effettuati lavori sulla rete dell'acquedotto servente il Comune di Camaiore. Pertanto, nel suddetto giorno, dalle ore 09:00 alle ore 13:00 e comunque sino al termine dei lavori, verrà sospesa l'erogazione dell'acqua potabile in Via Fiaschetto, località Capezzano Pianore, in Comune di Camaiore. Utenti interessati previsti: n.


Ricerca nel sito


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!