prenota

Anno 6°

lunedì, 13 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Il nemico alle porte

mercoledì, 24 aprile 2019, 17:00

di aldo grandi

359 morti in Sri Lanka, ma, a quanto pare, la Chiesa di papa Francesco ha altre cose a cui pensare piuttosto che dedicare la propria attenzione e anche qualcosa di più a queste stragi. La verità è che questo pontefice ha gli occhi foderati di prosciutto, ma essendo un gesuita e, quindi, secolarizzato e ben inserito nel mondo, si tratta di un prosciutto particolarmente costoso e, soprattutto, in grado di far vedere e, allo stesso tempo, di nascondere. Stragi come quella avvenute in questi giorni rendono l'idea di che cosa ci attende qualora dovessimo permettere l'accesso indiscriminato a coloro che, con la scusa di guerre, carestie o miseria, entrassero liberamente nel nostro Paese. E non perché tutti potrebbero essere terroristi potenziali, ma perché ne basterebbe anche soltanto uno. Mai come in questo momento, al contrario, porti e frontiere devono restare ermeticamente chiusi e, casomai, va aumentato il numero delle espulsioni di tutti coloro che, venuti a queste latitudini per non fare alcunché e delinquere, rappresentano un pericolo ulteriore per la sicurezza di coloro che, da mane a sera, lavorano per sbarcare il lunario. Questi attentati chiamano direttamente in causa la Chiesa e la figura di papa Francesco il quale, non solo se ne lava le mani come Ponzio Pilato, ma fa anche peggio: nessun accenno se non parole di circostanza, nessuna difesa della cristianità, nessuna voce alzata per far capire che siamo studi di assistere impotenti al massacro di gente che ha soltanto avuto la colpa di essersi fidata dei missionari evangelizzatori spediti a destra e a manca proprio dalla Chiesa stessa.

Ormai è evidente a molti che questo pontefice è un nemico e purtroppo non soltanto alle porte, ma, addirittura, in casa. Egli conosce solo il linguaggio dell'accoglienza dei migranti e, per il resto, fatica a fare scelte nette, drastiche, decise, risolute restando, invece, sempre in mezzo al guado al punto che non si capisce bene più dove sta il concetto del limite invalicabile varcato il quale la Chiesa non è più la casa di Dio, bensì una qualsiasi associazione di volontariato.

Ancora una volta i giornalisti prezzolati e di regime si sono ben guardati dal mandare in onda, sulle televisioni, le immagini delle stragi, quelle crude e reali, però, non quelle addomesticate o addolcite dall'assenza di cadaveri e membra sparse qua e là. Di 359 cadaveri, noi, in Occidente, non ne abbiamo visto nemmeno uno per cui quale può essere il nostro grado di percezione di quanto è avvenuto se esso viene liquidato in pochi minuti di telegiornale infilati tra una notizia e l'altra o in pochi secondi di raccoglimento manifestati da chi, il papa, dovrebbe ergersi a difensore della croce di Cristo invece di prostrarsi a tutto e a tutti pur di aprire le porte a chi viene da altri mondi e, purtroppo, anche da altri evi.

Dispiace che figure come Oriana Fallaci o Ida Magli, due principesse del pensiero libero e coraggioso, siano state quasi dimenticate e più nessuno, oggi, abbia il coraggio, la cultura e l'onestà intellettuale di mostrarle come vere e proprie precorritrici di quanto sta accadendo.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

Avvocato Francesconi

toyota

auditerigi


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


domenica, 12 luglio 2020, 20:15

Massarosa, il paese delle porcate

Quello che sta accadendo a Massarosa, piccolo comune della provincia di Lucca nemmeno tanto importante e, in fondo, nemmeno tanto noto, è qualcosa di nauseante. Lo scontro politico ha assunto livelli di mediocrità e di astio impensabili e tra la maggioranza di centrodestra al governo e la minoranza di centrosinistra...


mercoledì, 8 luglio 2020, 09:39

Gioventù bruciata? No, maturità senza spina dorsale

Innanzitutto chiediamo scusa per questa prolungata assenza, ma anche Cecco a cena, a volte, sente il bisogno di mettersi a... dieta (si fa per dire) e riflettere. Torniamo, quindi, dopo aver guazzabugliato un po' in riva al mare ed aver fatto scorta di pazienza per non incazzarci ad ogni piè sospinto...


Prenota questo spazio!


venerdì, 12 giugno 2020, 16:20

Summer Festival, la Lucca dei lunghi coltelli: stop al linciaggio

Noi non abbiamo, per fortuna, l'abitudine di frequentare facebook se non, ogni tanto, per postare un nostro articolo o una nostra immagine. I social sono, a tutti gli effetti, un boomerang devastante e nel momento in cui diventano una schiavitù, assumono la forma di una dipendenza ossessiva.


martedì, 9 giugno 2020, 15:15

Gli arredi dell'ex profumeria Ristori devono tornare dov'erano: parola di Aldo Grandi

Chi conosce la Gazzetta di Lucca e, per sua sfortuna o fortuna, il sottoscritto che ne è il direttore (ir)responsabile, sa che quando prende una posizione non si cura di guardarsi le spalle. Se sono - e se siamo - convinti della giustezza di una battaglia, andiamo avanti a dispetto...


sabato, 30 maggio 2020, 11:00

Mascherine sul viso? No, mutande di latta

Non gli basta averci terrorizzato, ridotti alla fame, allontanati gli uni dagli altri, insinuato negli animi e nei cuori oltreché, purtroppo, nei cervelli la paura di un virus che agisce a mezzo servizio e uccide soltanto in determinate circostanze.


martedì, 26 maggio 2020, 21:20

Pd commissariato, Simona ci fai specie

E' passata, stranamente, sotto silenzio la vicenda che ha visto protagonisti il segretario regionale toscano del partito democratico Simona Bonafè - fino a qualche tempo fa e forse, chissà, ancora oggi, renziana di ferro - e la sezione viareggina del partito stesso, commissariata perché non si è voluta piegare agli...


Ricerca nel sito


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!