prenota

prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

giovedì, 22 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

A Massarosa il Pd si lecca le ferite

lunedì, 3 giugno 2019, 16:48

di aldo grandi

Pare che questa sera, a Massarosa, ci sia un'assemblea del Pd per affrontare ed individuare le ragioni di una sconfitta elettorale che ha condotto ad essere sindaco Alberto Coluccini da Pian di Mommio. Che cosa, in realtà, ci sia e ci sarà da dire in questo incontro non è dato saperlo, ma quello che più ci sconvolge anziché preoccuparci, è che per capire le ragioni di una sconfitta ci sia anche bisogno di indire un'assemblea tra l'altro, a quanto pare, senza nemmeno aver fissato in precedenza, un ordine del giorno. Una mano, in proposito, proveremo a darla anche noi, che con il Pd, per fortuna, non abbiamo mai avuto niente a che spartire e che anche con gli avversari, è risaputo, non siamo mai stati pappa e ciccia. Abbiamo visto che in altre località, in provincia di Lucca e di Pistoia ad esempio, a fronte di elevate percentuali per la Lega alle Europee, alle amministrative la sinistra è riuscita a mantenere il potere. A Massarosa, invece, è successo diversamente e la giunta guidata da Franco Mungai per dieci anni, ha preso un sonoro schiaffo. Vero che Mungai non poteva ricandidarsi, vero anche che il candidato del Pd, Francesco Mauro, non era particolarmente quotato, ma riuscire a perdere il municipio è stato, davvero, un atto di autolesionismo. Non si capisce, infatti, per quale ragione non ci sia stata continuità nel formulare il candidato Pd anche se Mungai aveva finito i mandati. Altrove, proprio la ricandidatura del sindaco uscente ha permesso al Pd di mantenere numerosi comuni. A Massarosa sarebbe stato sufficiente affidare le sorti del centrosinistra nelle mani di Damasco Rosi, già vicensindaco con Mungai nell'ultimo mandato e presente in giunta da ben dieci anni. Per di più, uomo non di rigida osservanza politica, ma, dicono, anche apprezzato fuori dall'orbita della sinistra. 

Una volta scrutinate le schede elettorali, ecco, inoltre, la conferma: Rosi ha conquistato 487 preferenze mentre cinque anni fa, nel 2014, quando vinse il centrosinistra, ne ricevette 581. Il Pd, al contrario, una settimana fa si è visto dimezzare i voti, da oltre quattromila a poco più di 2 mila. Una catastrofe annunciata che sarebbe, forse, stata evitabile se all'interno del partito democratico avesse soffiato vento di rinnovamento piuttosto che di conservazione. E' andata come è andata, con il centrosinistra a leccarsi le ferite nella convinzione, nostra, che non riusciranno, le ferite, a rimarginarsi per lungo tempo. Quanto a noi, speravamo in un'alternanza e così è stato. Vedremo adesso cosa saranno capaci di fare i Nuovi Venuti e se riusciranno a preservare l'identità collettiva di Massarosa senza farla diventare luogo di invasione incontrollata e incontrollabile. Auguriamoci anche un aumento di sicurezza pubblica, giacché in quanto a microcriminalità, ben poco è stato fatto in passato.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Avvocato Francesconi


prenota_spazio


auditerigi


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


giovedì, 8 agosto 2019, 21:17

Giornali stampati su carta da cesso: ultima trovata per frenare la perdita di copie

Pare che giri sul web o da qualche altra parte la notizia, clamorosa se vera, che alcuni Maestri della libertà di stampa e dell'ambientalismo estremo avrebbero trovato la soluzione al male che affligge, da anni, gli editori ossia l'emorragia inarrestabile di copie perdute.


martedì, 6 agosto 2019, 18:31

Peppone è Tambellini, ma monsignor Giulietti non è più don Camillo

Quando non ci sarà più posto all'inferno i morti torneranno sulla terra. Recitava, così, a metà anni Settanta, il lancio promozionale del film diretto da Cesar Romero, Zombie. Alcuni giorni fa, in occasione delle celebrazioni in onore di don Aldo Mei trucidato dai fascisti 75 anni fa - non l'altro...


Prenota questo spazio!


venerdì, 2 agosto 2019, 23:46

Corse, blitz sur la plage: une provocation francaise. Anche i corsi a volte, nel loro piccolo, si incazzano

Dopo alcuni giorni trascorsi su l'Ile de beauté a prenderci un po' di sole, eccoci di ritorno per tenervi compagnia fino alla fine del mese di agosto. Ebbene sì, cari amici miei, staremo insieme, più incazzati che mai, anche durante questo mese nel corso del quale, generalmente, la gente preferisce...


sabato, 27 luglio 2019, 20:14

Carabiniere ammazzato, ma quali lavori forzati?, pena di morte e via...

Nemmeno il tempo di prenderci due giorni di riposo per celebrare il compleanno ed ecco che il colonnino del Cecco a cena rivendica i propri diritti. E la realtà, va detto, non ci pensa granché a fornire spunti per i nostri commenti. A Roma un carabiniere è stato ammazzato.


martedì, 23 luglio 2019, 13:31

Matteo Renzi al Ciocco per formare la nuova classe digerente

Incredibile, ma vero. Al Ciocco, regno più o meno incontrastato del feudatario targato Pd Andrea Marcucci, dal 21 al 24 agosto sarà di scena, nelle vesti di insegnante di politica e democrazia, nientepopodimeno che Matteo Renzi.


martedì, 16 luglio 2019, 21:48

Dimissioni in fondazione, ma che meravigliosa figura di merda

Noi non sappiamo se nel linguaggio del Pensiero Unico Dominante la parola merda è bandita alla pari di tante altre per cui, alla fine, rischieremo anche questa volta l'esposto o la denuncia. Nel linguaggio della gente comune, quella generalmente accusata di essere sovranista, populista, razzista e, inevitabilmente, fascista, la parola...


Ricerca nel sito


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!