prenota

prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

sabato, 20 luglio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Barista aggredito in Passeggiata da tre immigrati. Ma Giorgino dov'era? Al mare?

venerdì, 5 luglio 2019, 20:09

di aldo grandi

Dicono che il problema dell'Italia non sia l'immigrazione indiscriminata e selvaggia e hanno ragione. Il problema anzi, il cancro sono gli immigrati che sono stati fatti sbarcare e che stanno ancora sbarcando illecitamente nel nostro Paese grazie al buonismo dei compagni radical chic e degli idioti verniciati di rosso che, purtroppo, abbondano a queste latitudini. Già Viareggio è una città che definire in decadenza è un eufemismo. La gente si sposta verso Lido di Camaiore nella peggiore delle ipotesi, nella migliore, sbarca nel paradiso della Versilia dal quale Viareggio è stato cacciato nemmeno fosse il peggior peccatore. Che questa città faccia più o meno schifo non lo diciamo noi, lo dice la gente comune che tutti i giorni, passeggiando in giro per le strade, assiste a episodi a dir poco imbarazzanti. A parte le scene di accattonaggio molesto, le liti tra disgraziati abbandonati per terra, la prostituzione maschile che sembra svolgersi anche in pieno giorno, ci si mettono, spesso, anche i fatti come quello avvenuto oggi pomeriggio intorno alle 16 in un bar sulla Passeggiata. Attenzione, non stiamo dicendo a Torre del Lago, al Varignano o, come dicono a Roma, in culo alla marana. No, stiamo proprio dicendo sulla Passeggiata, quello che dovrebbe essere il fiore all'occhiello di questa ex perla della Versilia e che, invece e ormai, non solo non è più un fiore, ma nemmeno un occhiello. Al Bar Italia della Lisa Paglieri, il barista è andato al tavolino dove stavano seduti tre extracomunitari e ha chiesto loro, gentilmente, di pagare il sovrapprezzo dovuto alla consumazione al tavolo. Questi, però, e a differenza delle persone normali, quelli che pagano se c'è da pagare e che dei naufraghi nel Mediterraneo fotte una bella sega visto che naufraghi non sono, non hanno voluto sentire ragioni e di fronte all'insistenza del dipendente, non hanno saputo fare di meglio che prenderlo a bottigliate sulla testa. Per carità, diranno i buonisti e i servi sciocchi - anche perché non risulta ce ne siano di intelligenti - del Pd e della Sinistra antagonista, in fondo una bottigliata non è poi così grave. Lo andassero a dire, però, questi comunisti di accatto, alla proprietaria del locale, la Lisa Paglieri che, a quanto pare, non l'ha presa proprio bene.

Ora, in una comunità coesa e con un alto tasso di senso di identità e appartenenza, la prima cosa che dovrebbe fare un sindaco non appena messo al corrente, in un modo o nell'altro, dell'accaduto, sarebbe quella di recarsi in Passeggiata a parlare con i commercianti e i ristoratori e far sentire loro la vicinanza e la solidarietà dell'amministrazione comunale. Voi ce lo vedete il Giorgino Del Ghingaro che scende dall'auto o dalla bici e dialoga con quei rompicoglioni dei commercianti cui non gliene va mai bene una? E che dire del suo ex - ma lo è ancora? - assessore addetto alla sicurezza ed ex questore Maurizio Manzo il quale, per via di quel cognome, ci pare tutto fuorché un fulmine di velocità e intraprendenza? Mah. A noi pare che Viareggio sia veramente una città con le pezze al culo e che quanto è avvenuto oggi pomeriggio non sia che la ripetizione di quanto è già accaduto nei giorni scorsi dove liti tra debosciati, cani e porci si sono svolte sotto gli occhi della gente comune che non solo vorrebbe, a nostro avviso, un Salvini anche a queste latitudini, ma che, se fosse possibile, ne vorrebbe quattro o cinque tutti insieme.

Noi, che a Viareggio ci andiamo un giorno sì e l'altro no, prendiamo atto che la sicurezza e la presenza di una immigrazione ad alto tasso delinquenziale non rappresentano una priorità per Giorgino e il suo team i quali, come i cugini lucchesi, avranno altro cui pensare come, magari, il Gay Pride che si terrà domani a Pisa. Ad ogni modo, a noi - oddio, non è che adesso ci denunceranno per apologia di fascismo? - ci piaceva molto di più il battagliero e combattivo Giorgione del primo mandato, quello di adesso ci pare molto, ma molto sdraiato sulle linee del gauleiter della Toscana Enrico Rossi.

P.S. Vogliamo vedere se i mass media - nel senso che sono grossi, grassi e infartuati - avranno il coraggio di scrivere la notizia dell'aggressione oppure preferiranno non diffondere notizie che potrebbero turbare il (dis)ordine pubblico. A proposito, ma è vero che a Viareggio, nei sopracitati mass media, è vietato criticare il padrone del vapore per ordini superiori di partito ed editoriali?


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Avvocato Francesconi


prenota_spazio


auditerigi


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


martedì, 16 luglio 2019, 21:48

Dimissioni in fondazione, ma che meravigliosa figura di merda

Noi non sappiamo se nel linguaggio del Pensiero Unico Dominante la parola merda è bandita alla pari di tante altre per cui, alla fine, rischieremo anche questa volta l'esposto o la denuncia. Nel linguaggio della gente comune, quella generalmente accusata di essere sovranista, populista, razzista e, inevitabilmente, fascista, la parola...


domenica, 14 luglio 2019, 13:13

Dimissioni di Veronesi, un 'giallo': chi ha bloccato la notizia?

Era già tutto previsto. Addirittura, in tarda mattinata, sarebbe stato diffuso un comunicato dalla Fondazione Festival Pucciniano, emanazione dell'amministrazione comunale di Viareggio, per confermare le voci sulle dimissioni rassegnate ieri durante la seduta del consiglio di amministrazione della Fondazione dal maestro e presidente della medesima Alberto Veronesi.


Prenota questo spazio!


martedì, 2 luglio 2019, 12:57

(S)Carola, altrimenti detta indivia

Ci scuseranno i lettori se per alcuni giorni ci siamo disinteressati-disintossicati dal piacere di scrivere la solita, ormai, consueta rubrica che tanti guai, ma anche tante soddisfazioni ci ha portato in questi nove anni di attività.


lunedì, 17 giugno 2019, 13:36

Vescovo anguilla, ma dubbi, perplessità e amarezze su papa Bergoglio restano e sono destinati ad aumentare

Se monsignor Italo Castellani era seguace di papa Bergoglio, il suo successore, monsignor Paolo Giulietti da Perugia, nuovo vescovo della diocesi di Lucca, ne è il segugio. Le sue risposte alle nostre domande, in una interSvista vis à vis senza limiti né obblighi o censure, ne sono la testimonianza più fedele e...


giovedì, 13 giugno 2019, 10:35

Va, se ci riesci, dove ti porta il cuore

Era la fine degli anni Novanta. Oreste del Buono, un mito dell'editoria e non solo, propose a questo scribacchino di provincia con aspirazioni nazionali, di pubblicare con Baldini&Castoldi la biografia di Ruggero Zangrandi. Chi scrive, allora, si recò a Milano dove ebbe anche modo di conoscere personalmente Alessandro Dalai, l'editore,...


lunedì, 3 giugno 2019, 16:48

A Massarosa il Pd si lecca le ferite

Pare che questa sera, a Massarosa, ci sia un'assemblea del Pd per affrontare ed individuare le ragioni di una sconfitta elettorale che ha condotto ad essere sindaco Alberto Coluccini da Pian di Mommio. Che cosa, in realtà, ci sia e ci sarà da dire in questo incontro non è dato...


Ricerca nel sito


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!