prenota

prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

giovedì, 23 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

(S)forza Italia

domenica, 1 settembre 2019, 09:48

di aldo grandi

No signori, non ci troviamo sulla tazza del cesso, bensì nell'agone politico italiano dove ognuno, e se ne percepiscono i risultati, apre bocca e dà fiato. Fino a qualche giorno fa, quando mister Salvini, travolto da un insolito destino nell'azzurro mare di agosto, ha pensato bene di mandare a puttane potere e Governo, i sopravvissuti di (S)forza Italia avevano la consapevolezza di trovarsi, inevitabilmente, sul viale del tramonto. La gente, quella che vota di pancia e ragiona col buonsenso, di Silvio Berlusconi ne ha pieni i coglioni. Ha avuto l'Italia in mano per venti anni e a parte qualche trombata di troppo non lo si ricorda per aver fatto qualcosa di buono per il paese. Viene da ridere a pensare che in questo stivale sfasciato ci sia ancora chi parteggia per un partito che appartiene ad uno dei periodi più esaltanti e, allo stesso tempo, deludenti della recente storia politica. Leggiamo alcune dichiarazioni di Massimo Mallegni, senatore della mummia, colui che, a chi gli diceva di essere già pronto per salpare sul treno per Roma rispondeva che non era vero e che, adesso, dalla capitale elogia il Silvio per la sua ipotetica lungimiranza e saggezza quando, a noi, sembra che non abbia, ormai, né l'una né l'altra. Quanto a Mallegni, se tenesse la bocca chiusa farebbe meglio, ma si sa che a certe latitudini si fa fatica a non essere colti da deliri di presunta onnipotenza. Quando Mallegni ci stava simpatico, ossia qualche evo fa, riusciva a tenere lontani i clandestini da Pietrasanta, poi, però, ha ritenuto che si potesse governare Pietrasanta anche stando a 400 chilometri di distanza ed allora ecco la fine.

Mallegni è uno abituato a comandare e a non sopportare chi ne mette in dubbio le proprie opinioni. Sdraiato a prendere il sole sulla linea europeista di Berlusconi che altro non è se non la linea di chi con la vita ha fatto quel che gli pare e che dalla vita ha ricevuto, sicuramente, molto più di quello che ha dato, in termini finanziari, pensa di interpretare i bisogni degli italiani annunciando di nuovo il Verbo del Berlusca. Lasci perdere che è meglio, la gente che si spacca il fondoschiena dalla mattina alla sera, quella che campa con poco più di mille euro al mese, non sa cosa farsene di chi pontifica dall'alto dei propri conti correnti o delle proprietà immobiliari sparse ovunque nel mondo. Le persone normali vogliono essere rappresentate da persone normali, non da chi ha contribuito a rovinare ancora di più l'Italia. 

Per votare S(forza) Italia bisogna avere molta fantasia e immaginare di trovarsi sulla tazza del Wc. Gli italiani sono stanchi di parole, di annunci, di europeismo, di immigrazione e ha bisogno di ritrovare se stessa, come in una sorta di seduta psicoanalitica che tende a restituirle fiducia, quella fiducia che qualcuno ha minato scendendola a cani e porci. Berlusconi farebbe bene a ritirarsi in uno di quegli ospizi per vecchi dorati dove tutto si fa fuorché arrecare danni al prossimo. E invece ce lo troviamo ancora a sparare le sue considerazioni che in venti anni di Governo non produssero alcunché. patetico, quindi, leggere il tentativo di esaltazione del Mallegni che, forse, si dimentica di essere stato pappa e ciccia con Del Ghingaro e Tagliasacchi, anime tutt'altro che pie, almeno fino a quando la Chiesa era tale, e iscritti ambedue al partito democratico con cui (S)forza Italia andrebbe volentieri a braccetto.

Berlusconi e Mallegni si schierano contro il sovranismo per il semplice motivo che un miliardario non può che essere legato a filo doppio con il mondialismo e gli organismi sovranazionali economici ancor prima che politici. Ma come si fa a votare il cervello all'ammasso solo per senso di appartenenza? Fa bene la Lega a respingere ogni alleanza con Berlusconi pena perdere consensi a iosa. Gli italiani non sanno cosa farsene di Berlusconi. 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Avvocato Francesconi


prenota_spazio


auditerigi


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


sabato, 18 gennaio 2020, 14:25

Giorgio Del Ghingaro, un grande architetto messicano tra Italie morte e Italie Vive, Pd morti e Pd a malapena ancora vivi

Ancora lui l'ago della bilancia o, nelle sue intenzioni e nei suoi auguri, la bilancia vera e propria. Una bilancia, quella del sindaco di Viareggio, è bene dirlo, che di un ago non ha mai avuto ne avrà mai bisogno visto che basta tutto il resto ossia la bilancia stessa...


domenica, 29 dicembre 2019, 13:24

L'arte di Turcato per combattere Del Ghingaro: le Oceaniche? Simili a tavole da surf

Noi siamo ignoranti. Questa premessa è necessaria quando si scende sul terreno dell'arte o di quella che, gli specialisti e gli esperti a un tanto al chilo definiscono tale. Siamo sempre stati grandi sostenitori, appassionati seguaci di Alberto Sordi e dei suoi film, all'interno dei quali scorre il vero buonsenso...


Prenota questo spazio!


martedì, 24 dicembre 2019, 12:43

Buon Natale anche al porco

Dissacranti lo siamo sempre stati. In un mondo di ipocriti e falsi buonisti, qualcuno che voglia provocare e scuotere il velo di convenienza, piattume e superficialità che, sempre più spesso, alimenta le nostre esistenze non solo è necessario, ma, diremmo, quasi obbligatorio. Dicono che a Natale siamo tutti più buoni.


domenica, 15 dicembre 2019, 17:43

Inarrestabile emorragia in Forza Italia

Forza Italia è alla frutta. C'è poco da fare. Ormai il fascino di Silvio Berlusconi è arrugginito e appassito e non è più il tempo delle mele non siamo più, cioè, nel dopo Tangentopoli degli anni Novanta e alle favole, salvo quelle che hanno come protagoniste le sardine, nessuno crede più.


venerdì, 6 dicembre 2019, 13:18

Dissesto a Massarosa, in Versilia un rischio epidemia per una Sinistra che non sa amministrare?

Non facciamo in tempo a pubblicare un comunicato inviatoci dall'opposizione di Sinistra a Massarosa che ne arriva subito dopo un altro. E così via. Ogni giorno, da un po' di tempo a questa parte da quando, cioè, è stato dichiarato il dissesto dell'ente.


lunedì, 11 novembre 2019, 15:10

Giorgio Del Ghingaro, eppur si muove

E' vero, con Giorgio Del Ghingaro ci uniscono solamente l'orologio da polso e un'amicizia o, forse, più una forte conoscenza, ultradecennale, ma è indubbio che questo professionista della politica -non perché viva di quello e faccia soltanto quello, ma perché la fa con professionalità - non sta col culo sulla...


Ricerca nel sito


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!