prenota

Anno 6°

giovedì, 13 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Mascherine sul viso? No, mutande di latta

sabato, 30 maggio 2020, 11:00

di aldo grandi

Non gli basta averci terrorizzato, ridotti alla fame, allontanati gli uni dagli altri, insinuato negli animi e nei cuori oltreché, purtroppo, nei cervelli la paura di un virus che agisce a mezzo servizio e uccide soltanto in determinate circostanze. No, adesso che l'epidemia sta progressivamente abbandonando le nostre latitudini, non sapendo o non volendo abbandonare, loro, il potere e la leva del comando, hanno già trovato il modo di farci stare in allarme con una ipotetica seconda, terza e anche, perché no?, quarta ondata in autunno e in inverno. Inoltre, casomai dovessimo dimenticarcelo, ci hanno imposto questa storia delle mascherine obbligatorie, da loro stessi, per settimane, considerata una inutile precauzione se non adottata da chi sta quotidianamente a contatto con i contagiati. Ma tant'è, gli esseri umani sembrano desiderare, soltanto, di essere guidati e gestiti da qualcuno che faccia credere di saperne più di loro. Peccato che, nel frattempo, vengono meno molte certezze, a cominciare da quelle psicologiche per non parlare di quelle economiche altrettanto devastanti. Per incutere timore e sospetti, gridano alla movida persino nei paesi di poche centinaia di anime. Idioti parassiti di uno stato che, grazie ai Pentapallati e ai loro complici ex comunisti, alleva con redditi garantiti generazioni di nullatenenti e incapaci. Mascherine, quindi e in attesa di qualcosa di peggio - il vaccino - a go-go e obbligatorie ovunque, anche sulla tazza del cesso casomai si dovesse pensare che, almeno sulla tazza, ci sia un minimo di libertà e indipendenza.

Noi, lo diciamo senza ombra di paura e con massima convinzione, pensiamo che le mascherine se le debbano mettere in quel posto e non le usiamo perché siamo convinti che non servono assolutamente a nulla, anzi. Provate a tenerle con temperature superiori ai 27-28 gradi e poi ve ne accorgerete. Suda il viso, si respira anidride carbonica, quindi, significa che nei polmoni non entra ossigeno allo stato puro, bensì ciò che noi espelliamo dopo aver respirato, appunto CO2 o giù di lì. E pensate che il sangue, per fare bene la sua funzione di circolazione, ha bisogno di essere ossigenato bene e con costanza. Se mascherine indossiamo, solo per pochi minuti e all'interno di luoghi chiusi, non per noi, ma per gli sconosciuti che rispettiamo pur non condividendone il comportamento.

Abbiamo visto gente che è andata fuori di testa, che viaggia in macchina con finestrini chiusi e mascherine indosso, che gira in mezzo alla campagna con il viso coperto, anticamera del burka di prossimo impiego quando ci avranno fatti tutti musulmani. E ci fa tanta tristezza perché abbiamo e hanno compreso come si può tenere in  scacco un popolo senza muovere un dito.

Le mascherine, quindi, se le possono cacciare nel sedere, lo stesso identico posto in cui, però, a nostro avviso è necessario, per proteggerlo, indossare un altro indumento molto, ma molto più utile in questo frangente e indispensabile: le mutande di latta.

Questo articolo intimo se così possiamo definirlo ha, indubbiamente, dei disagi facilmente intuibili, ma in cambio fornisce una protezione pressoché totalizzante nel senso che impedisce quello che, saltati tutti gli altri per i debosciati del Covid-19 a oltranza, è rimasto l'ultimo e unico sport praticabile: l'inchiappettamento sociale ed economico.

In sostanza, gente, lasciate perdere la protezione del viso e pensate, invece, a quella del culo poiché, a dispetto degli appelli alla solidarietà, alla riscoperta vicinanza - ma come?, con il distanziamento sociale che vicinanza è? - la realtà dimostra che, al contrario, la giungla è ancora più fitta e ognuno pensa, giustamente, a sopravvivere come da sempre è avvenuto e come accade ora, soprattutto, quando siamo stati abbandonati da uno stato i cui politicanti da strapazzo non hanno avuto nemmeno la dignità di ridursi - salvo, forse,  poche eccezioni - lo stipendio, loro che campano a sbafo da veri parassiti a una media che viaggia tra gli 8 e i 12 mila euro l'anno a seconda degli incarichi ricoperti.

Quindi, gente, avanti con le mutande di latta e, in particolare, occhio al sano detto di una volta: Né per scherzo né per burla 'ntorno ar culo 'un ci voglio nulla 


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

Avvocato Francesconi

toyota

auditerigi


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


mercoledì, 12 agosto 2020, 02:10

Covid-19, il paese degli eunuchi: stop al massacro contro il Seven Apples

E' uno schifo. Una vergogna. Un insulto alla ragione e al buonsenso. L'ennesima dimostrazione che la burocrazia dei mediocri e la deresponsabilizzazione delle coscienze stanno uccidendo il sistema socio-economico di questa povera Italia divenuta, ormai, un Paese di castrati senza attributi né orgoglio o dignità.


lunedì, 20 luglio 2020, 22:38

Barbara Paci, una Barbie che parla e che può far paura

Un esponente della maggioranza, per di più una donna, avrebbe definito la candidato a sindaco del centrodestra Barbara Paci, una Barbie bionda e stupida. E poi saremmo noi i sessisti e maschilisti. Se questo esponente della maggioranza avesse le palle - non fisicamente è ovvio - dovrebbe venire alla luce...


Prenota questo spazio!


domenica, 12 luglio 2020, 20:15

Massarosa, il paese delle porcate

Quello che sta accadendo a Massarosa, piccolo comune della provincia di Lucca nemmeno tanto importante e, in fondo, nemmeno tanto noto, è qualcosa di nauseante. Lo scontro politico ha assunto livelli di mediocrità e di astio impensabili e tra la maggioranza di centrodestra al governo e la minoranza di centrosinistra...


mercoledì, 8 luglio 2020, 09:39

Gioventù bruciata? No, maturità senza spina dorsale

Innanzitutto chiediamo scusa per questa prolungata assenza, ma anche Cecco a cena, a volte, sente il bisogno di mettersi a... dieta (si fa per dire) e riflettere. Torniamo, quindi, dopo aver guazzabugliato un po' in riva al mare ed aver fatto scorta di pazienza per non incazzarci ad ogni piè sospinto...


venerdì, 12 giugno 2020, 16:20

Summer Festival, la Lucca dei lunghi coltelli: stop al linciaggio

Noi non abbiamo, per fortuna, l'abitudine di frequentare facebook se non, ogni tanto, per postare un nostro articolo o una nostra immagine. I social sono, a tutti gli effetti, un boomerang devastante e nel momento in cui diventano una schiavitù, assumono la forma di una dipendenza ossessiva.


martedì, 9 giugno 2020, 15:15

Gli arredi dell'ex profumeria Ristori devono tornare dov'erano: parola di Aldo Grandi

Chi conosce la Gazzetta di Lucca e, per sua sfortuna o fortuna, il sottoscritto che ne è il direttore (ir)responsabile, sa che quando prende una posizione non si cura di guardarsi le spalle. Se sono - e se siamo - convinti della giustezza di una battaglia, andiamo avanti a dispetto...


Ricerca nel sito


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!