prenota

Anno X

venerdì, 5 marzo 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Finché c'è la Gazzetta c'è speranza: appello a quei giovani e non solo che vogliono collaborare con noi

giovedì, 4 febbraio 2021, 01:33

di aldo grandi

Con l'amico e collega Luca Tronchetti non sempre siamo stati d'accordo, a cominciare dalle sorti della Lucchese dove lui, a dire il vero, ha visto molto, ma molto più lungo di me. Tuttavia su molti aspetti della nostra professione e non soltanto, la pensiamo, a grandi linee, allo stesso modo e, in particolare, sulla devastazione e decadenza nelle quali versa la nostra scuola, in mano, spesso, a burocrati incompetenti e a persone incapaci di saper trasmettere non tanto e non solo il sapere, quanto la curiosità e il desiderio di apprendere, l'entusiasmo e la passione, la voglia di misurarsi con il mondo. Ad esempio, tutti e due, ne abbiamo parlato spesso, metteremmo come obbligatorie le materie attinenti la filmografia di due straordinari personaggi, a nostro avviso tra i più rappresentativi, del nostro Paese: per Tronchetti Totò, per chi scrive Alberto Sordi. Le loro pellicole, la loro bravura sono qualcosa di impagabile e una vera e propria lezione di vita. Ma figuriamoci se i ministri e le minestre pardon le ministre, se gli insegnanti o le insegnanti, accetterebbero una cosa del genere. Comunque sia il nostro secondo film che pubblichiamo integralmente in alto a destra della homepage della Gazzetta è Finché c'è guerra c'è speranza. E' una pellicola del 1974, diretta e interpretata da Alberto Sordi. Guardatelo con attenzione, in particolare godetevi la scena in cui Sordi, rientrando a casa dopo una disavventura professionale, criticato e fatto bersaglio dai suoi familiari, risponde da par suo: https://www.youtube.com/watch?v=rontxfEDu6A ...

E adesso veniamo a noi - oddio, non ci denunceranno mica per apologia di fascismo? - Finché c'è la Gazzetta c'è speranza verrebbe da dire. Come si potrebbe, infatti, alzarsi la mattina o anche andare a dormire la sera senza prima aver letto ciò che riporta il quotidiano on line dell'(ir)responsabile suo direttore? A parte le battute, concedeteci ciò che anche i consiglieri comunali di maggioranza - da otto anni, a Lucca, Tambellini e le sue truppe cammellate non hanno rapporti con noi - riconoscono: siamo dei grandissimi rompicoglioni e anche, a volte, provocatori, ma onesti, sinceri e non spariamo mai alle spalle di nessuno. Quel che abbiamo da dire lo pensiamo, ma, soprattutto, lo scriviamo. 

Bene, in questa lunga storia d'amore con questa professione di giornalista innamorato della scrittura, abbiamo partorito una giornalista professionista e decine di giornalisti pubblicisti e a tutti è rimasto qualcosa del periodo che hanno vissuto su questa barca immersa, sovente, nel mare burrascoso delle nostre esistenze quotidiane. Oggi, anno di (dis)grazia 2021 del Nuovo Millennio, ci accorgiamo che a Lucca c'è bisogno di nuova linfa vitale, c'è necessità di formare nuovi giornalisti che abbiano la voglia di scendere in  campo e di tuffarsi pronti a nuotare e a crescere. Ecco perché chi scrive rivolge un appello a tutti quei ragazza, ma non solo, giovani non soltanto anagraficamente, ma, in particolare, di spirito, contagiati e contagiosi da e di quella passione per la scrittura e per questo lavoro che, sia pure, ormai, completamente morto per come è stato concepito e vissuto fino a qualche lustro fa, è sempre una meravigliosa esperienza. 

Chiunque, quindi, abbia voglia di cimentarsi con la Gazzetta può scrivere a info@aldograndi.it


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

Avvocato Francesconi

toyota

auditerigi


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


mercoledì, 24 febbraio 2021, 23:09

Aprire tutto, aprite tutti

Se qualcuno sperava che mister Mario Draghi avrebbe cambiato qualcosa beh, c'è soltanto da restare delusi. Il nuovo primo ministro avrebbe potuto e dovuto fare, se veramente voleva rappresentare una rottura rispetto al precedente sodalizio, l'opposto di ciò che era stato fatto fino al suo avvento: aprire tutto senza se...


domenica, 14 febbraio 2021, 00:03

Riusciranno i nostri (sic!) eroi a ritrovare... quel che, ormai, è sparito per sempre

E' nato il Governo Draghi e, a leggerne i componenti, viene non soltanto l'itterizia, ma anche un profondo senso di rabbia misto a frustrazione e amarezza. Ci sono persone che, a dirla tutta, starebbero bene a pulire i cessi degli autogrill sulle autostrade di questo sfasciato Stivale: niente di nuovo...


Prenota questo spazio!


sabato, 30 gennaio 2021, 13:47

Sulla Gazzetta uno spazio dedicato ai film: si comincia con Vento di primavera, la storia della più grande retata di ebrei in Francia

I nostri lettori, ormai, conoscono a menadito la prima pagine o homepage del nostro giornale. In alto, a destra, accanto alla notizia principale, esiste da sempre uno spazio riservato ai filmati che il sottoscritto, onestamente, non si è mai curato di gestire in maniera omogenea e organizzata.


mercoledì, 27 gennaio 2021, 09:38

Centenario del Pci, il Governo concede 600 mila euro in tre anni per i festeggiamenti: uno schifo

Conosciamo da anni Massimo Mallegni, a volte ne condividiamo le posizioni altre, invece, non siamo d'accordo, ma è indubbio che quanto a grinta e carattere ne ha da vendere. Rancoroso e permaloso, con lui è difficile vincere per cui, alla fine, diventa imprescindibile non dover perdere, un po' come con...


mercoledì, 13 gennaio 2021, 00:21

Ristoratori d'Italia (e non solo): disobbedienza o morte

Venerdì prossimo, 15 gennaio, decine di migliaia di ristoratori di ogni parte d'Italia - ad eccezione, a quanto pare, di Lucca (e Versilia, Garfagnana e Massa Carrara?) dove non ce n'è nemmeno uno o così pare, apriranno i battenti per non chiudere più in spregio, giustificato, ai ridicoli e inconcludenti...


sabato, 9 gennaio 2021, 23:17

Covid-19, la paura ci ha annebbiato il cervello: siamo diventati tutti pecore e piccioni

Prima di redigere un altro Cecco a cena, visto lo stato d'animo da cui siamo pervasi e la pioggia di querele ed esposti disciplinari che ci vengono mossi contro soltanto perché abbiamo il coraggio di dire ciò che pensiamo, ma, soprattutto, di scriverlo, ci siamo presi una pausa.


Ricerca nel sito


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!