prenota_spazio

Anno 6°

mercoledì, 20 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cronaca

Guardia Costiera, accertamenti sugli autolavaggi: riscontrate irregolarità

venerdì, 18 gennaio 2019, 15:32

Nell’ambito dell’espletamento dei compiti di tutela ambientale che la legge affida al corpo, gli uomini della capitaneria di porto hanno effettuato nei giorni scorsi alcuni accertamenti su attività commerciali ed insediamenti produttivi di Viareggio, per verificare illeciti nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti, con particolare attenzione alla tutela delle acque ed allo smaltimento dei reflui di natura industriale nel rispetto del Testo Unico Ambientale 152/2016. 

Nel dettaglio, l’attenzione dei militari si è rivolta agli autolavaggi, sia manuali con operatore che self-service a gettoni. Per tali tipologie di attività, le norme prevedono che le acque provenienti dal lavaggio degli autoveicoli devono essere considerate quali “acque reflue industriali” e, pertanto, obbligatoriamente da convogliare in appositi impianti di trattamento e depurazione per la separazione della parte contenente i residui ed i fanghi di lavaggio, raccolta temporaneamente in apposite vasche a tenuta stagna, dalla parte così depurata che può così confluire direttamente nella rete fognaria. Gli scarichi degli impianti, devono pertanto essere preventivamente autorizzati dagli Enti competenti e periodicamente controllati.  

Quanto sopra in relazione alla qualità potenzialmente inquinante delle acque reflue di lavaggio degli autoveicoli, sensibilmente maggiore rispetto a quella delle acque reflue urbane o domestiche per la presenza di oli minerali esausti e sostanze chimiche contenute nei detersivi.

Delle sei attività finora ispezionate, solo una è risultata completamente in regola e un’altra ha ricevuto alcune prescrizioni che dovranno essere ottemperate entro breve termine.

In tre diversi impianti sono stati, invece, rilevate irregolarità tali da portare all’elevazione di tre verbali amministrativi di importo da 1.000 a 6.000 euro e contestualmente imposte alcune prescrizioni in materia di gestione dei reflui stoccati, che i gestori degli impianti dovranno soddisfare per evitare l’instaurarsi di un procedimento penale a loro carico da parte dell’autorità giudiziaria.

Le irregolarità amministrative hanno riguardato, in particolare, la mancata esibizione o la corretta tenuta dei registri di carico o scarico dei rifiuti, sui quali vanno annotate le avvenute operazioni di conferimento dei fanghi di lavaggio accumulati nelle apposite vasche di raccolta, operazioni da effettuare a cadenza periodica (almeno annuale) tramite ditte specializzate.

Il caso più grave è stato riscontrato, inoltre, in un autolavaggio self-service nel centro di Viareggio, laddove i militari hanno scoperto che, seppur in presenza di un regolare titolo autorizzativo ambientale, da oltre 15 anni non veniva effettuato il conferimento dei fanghi di lavaggio ed i pozzetti di raccolta sono risultati al limite della loro capienza massima, il che non esclude l’ipotesi di trafilamenti nel tempo nel sottosuolo circostante. Ciò ha portato al sequestro d’iniziativa dell’impianto e al deferimento all’autorità giudiziaria del gestore per deposito incontrollato di rifiuti e pericolo grave di inquinamento, così da interrompere il protrarsi dell’illecito ed il pericolo per l’ambiente. 

I controlli della guardia costiera di Viareggio si inseriscono in un già avviato programma di sensibilizzazione e monitoraggio ambientale coordinato dalla direzione Marittima della Toscana, a salvaguardia dell’ambiente marino e costiero, a garanzia della tutela dei corsi d’acqua che recapitano in mare, e, quindi, della balneabilità del nostro mare. L’attività proseguirà anche per tutelare quelle attività commerciali che, invece, operano nella legalità.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


prenota_spazio


alfrun


autotecnica


il Panda


q3


prenota_spazio


Altri articoli in Cronaca


mercoledì, 20 febbraio 2019, 14:29

Latitante finisce la benzina sull’A/12: arrestato dalla polstrada

Si tratta di un 39enne originario del Marocco. La polstrada lo ha denunciato per ubriachezza, scoprendo pure che doveva scontare due anni di reclusione per una vecchia condanna per furto e guida in stato di ebbrezza. L'uomo è stato arrestato e ora si trova presso il carcere di Pisa


mercoledì, 20 febbraio 2019, 13:43

Smantellato mercato della droga in pineta: tre marocchini indagati

Associazione finalizzata all'acquisto, trasporto, cessione, vendita e detenzione illecita di ingenti quantità di sostanze stupefacenti, concorso nel traffico e possesso di una pistola: queste le accuse per i tre marocchini pregiudicati che sono stati indagati da parte dei carabinieri di Viareggio al termine di una lunga attività investigativa


Prenota questo spazio!


martedì, 19 febbraio 2019, 16:53

Vigili di prossimità, via libera dalla giunta: ecco dove opereranno gli 80 agenti pagati dalla regione

Arriva in Toscana la sperimentazione sui ‘vigili di quartiere', ottanta in quindici comuni. E la Regione è pronta a sostenerne i costi per tre anni. Una spesa di 3 milioni ogni anno. Un modo per alzare la percezione di sicurezza nelle città, con pattuglie a piedi che, lavorando nelle strade...


martedì, 19 febbraio 2019, 11:33

Azimut-Benetti, vertice in regione sul futuro di Viareggio e Livorno

Domani, 20 febbraio, l'unità di crisi. Il segretario della Uilm Area Nord Toscana, Giacomo Saisi: "Tornare a produrre tutte le imbarcazioni in vetroresina a Viareggio. Chiarezza sul futuro del cantiere di Livorno"


martedì, 19 febbraio 2019, 11:04

Irregolarità nel cantiere edile, denunciato titolare della ditta e segnalato committente dei lavori

Il nucleo Ispettorato del lavoro, a seguito di una verifica presso un cantiere edile a Viareggio, ha denunciato all’autorità giudiziaria il titolare della ditta e segnalato il committente dei lavori presso lo stesso cantiere, per non avere verificato l’idoneità tecnica dell’impresa affidataria dei lavori


lunedì, 18 febbraio 2019, 19:24

Si presenta in ospedale dichiarando di essere stata vittima di violenza sessuale: indagano i carabinieri

Una donna, italiana, si è presentata la mattina di sabato 16 febbraio al pronto soccorso dell’ospedale Versilia dichiarando di essere stata vittima di una violenza sessuale. Nella notte tra venerdì e sabato si era recata in pineta per acquistare sostanze stupefacenti