Anno 6°

domenica, 31 maggio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Cronaca

Ospedale Versilia: chiude la rianimazione, un altro passo avanti nella lotta al Covid

venerdì, 22 maggio 2020, 15:38

Ha chiuso ieri mattina (21 maggio) alle 11.00, la rianimazione Covid dell'ospedale della Versilia, una delle zone più colpite dal virus.

La soddisfazione per il traguardo raggiunto si legge negli occhi che spuntano dalla mascherina degli operatori rimasti in reparto per sistemare le ultime cose per poi tornare alla normalità.

E' rimasto anche il primario della Terapia intensiva, Stefano Buzzigoli che in questi mesi è stato accanto ai malati e a tutto il personale medico e infermieristico. "Sono stati giorni difficili, in particoalre i primi, quando arrivavano pazienti gravissimi, alcuni sono riusciti a venirne fuori, altri putroppo non ce l'hanno fatta". "Abbiamo lavorato con determinazione e costanza, il perosnale ha fatto squadra, dimenticandosi di guardare l'orologio, di avere una famiglia e una vita privata, nessuno si è risparmiato". "Abbiamo assitito - continua Buzzigoli - anche ad una gara di solidarietà. Infatti, abbiamo ricevuto in dono, oltre alle mascherine e ai beni di consumo, attrezzature sanitarie che ci permetteranno di riaprire con nuove e moderne strumentazioni, un grazie sentito a tutti. Un'ultima raccomandazione: continuiamo a segurie le regole di igiene e distanziamento sociale, pechè il virus non è scomparso e un ritorno indietro sarebbe catastrofico".

"Il nostro ospedale ha dato prova di essere stato all'altezza dell'emergenza grazie a tutto il personale che si è comportato come una vera squadra". Chi parla è Giacomo Corsini, direttore del Versilia. "Sicuramente è stato un momento difficile al quale non eravamo preparati,  ma ora dobbiamo concentrarci sulla ripartenza per permettere all'ospedale di tornare alla normalità, pur nella consapevolezza che dobbiamo, in qualsiasi momento essere pronti ad accogliere pazienti positivi. Manterremo, infatti, percorsi separati e, anche per quanto la terapia intensiva, ci riserviamo di tenere a disposizione alcuni letto che abbiamo collocato nel blocco operatorio".

Anche Federica Franchi, l'infermiera che ha coordinato e supportato tutti i suoi colleghi dell'area critica, vuole abbraccaire virtualmente tutti, i pazienti che sono tornati a casa, i familiari con i quali è entrata in contatto, gli infermieri, gli oss, le persone che si sono occupate di tenere pulito il reparto e tutti i cittadini per la vicinanza dimostrata.   

Alcuni numeri. I posti letto di terapia intensiva da 10 sono stati portati a 12 e altri 4 sono stati ricavati nelle sale operatorie, 41 i pazienti ricoverati, co0n un'età media di 67 anni, 17 i deceduti, tutti con patologie pregresse.

Un grazie da parte della direzione aziendale a chi ha lavorato nella Terapia intensiva.

MEDICI
Direttore UOC Anestesia e Rianimazione Stefano Buzzigoli ,
Tommaso Angelini, Erik Arbeid, Maria Sole Baccelli, Elisabetta Bernardini, Fabrizio Biffoli, Elisa Burchi, Pasquale Carnevale, Matteo Casale, Carlo Jacopo Fausto, Letizia Franceschi, Matteo Franchi, Maurizio Genovesi, Alessandro Limone, Valeria Lupo, Elisabetta Macchia, Stefano Maiorano, Giuseppe Mancino, Michele Martini, Ettore Melai, Maria Cristina Nania, Massimiliano Nardini, Andrea Pagnini, Martina Pallini, Franco Peretti, Barbara Rugani, Fiorella Santoro, Arianna Tomagnini, Irene Verona, Gabriele Veschi.

INFERMIERI:
Posizione organizzativa  Area Critica Federica Franchi,
Daniela Conte, Veronica Battolla, Serena Boghetti, Sandra Montemagni, Lucia Pacella, Chiara Romagnoli, Elia Marrucci, Benedetto Salvetti, Lucia Cecilia Franchi, Daisy Ricci, Masini Nicola, Pardini Silvia, Costagli Paola, Papini Silvia, Balloni Michela, Venosa Fausto, Federica Statzu, Matteo Novelli, Guido Olivi, Alessandro Venè, Antonella Francesconi, Martina Angelini, Benedetta Bruzzi, Claudia Castelli, Ester Simoni, Veronica Rossi, Debora Mallegni, Massimiliano Gizzi, Daniela Bianchi, Antonella Bandelloni, Elena Hanganu, Caterina Martone, Giovanni Bogazzi, Rosolino Fiorella, Rita Orlandi, Francesco Miranda, Simone De Marco, Giordana Franceschi, Daniela Seravalli, Lucia Gori, Stefania Ghilarducci, Valeria Tramacere, Annalea Corazzini, Antonella Clausi, Claudia Pighini.

OSS:
Alessandra Pardini, Mila Daniela Casali, Maurizio Taormina, Elena Scavone.

SERVIZIO COOPLAT- PULIZIE STRAORDINARIE E ORDINARIE:
Alessandra Lupoli, Monica Costantinescu, Annalisa Morelli, Daniela Vezzoni, Barbara Perrone.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio

il Panda

auditerigi

prenota_spazio


Altri articoli in Cronaca


domenica, 31 maggio 2020, 17:37

Del Ghingaro su Guerrieri: "È mancato un garbato ed elegante signore lucchese"

Il ricordo del sindaco di Viareggio dell'ex presidente della Camera di Commercio, purtroppo, deceduto poche ore fa


domenica, 31 maggio 2020, 12:40

Smarrito Django

Scappato di casa nelle colline di Pieve Santo Stefano, di grossa stazza ma di carattere buono: avvisare subito se lo trovate


Prenota questo spazio!


domenica, 31 maggio 2020, 11:34

Donazione Lions alla rianimazione dell'ospedale Versilia

Da sempre i Lions sono sensibili alle esigenze delle nostre comunità. Esigenze che mai come in questo periodo di pandemia sono state di carattere sanitario. Una sensibilità che si è concretizzata nella donazione di un respiratore portatile alla rianimazione dell'ospedale Versilia


sabato, 30 maggio 2020, 17:10

Si torna al mare, ecco cosa sarà permesso

Centri estivi al via dal 15 giugno: fissate procedure e linee guida. E regole, valide in questo caso da subito, anche per le spiagge libere, che con le temperature che iniziano ad alzarsi saranno nelle prossime settimane probabilmente sempre più frequentate


sabato, 30 maggio 2020, 12:21

Parcheggi, novità in arrivo

Strisce bianche all’ex Gasometro, possibilità di recuperare i giorni di abbonamento non usufruiti durante il lockdown e sospensione della tariffa notturna: quindi parcheggio gratuito dopo le 20 in tutta la città


venerdì, 29 maggio 2020, 17:32

Fino a 500 euro di multa per chi getta a terra mascherine e guanti

Mascherine e guanti sono dispositivi di protezione entrati ormai nell’uso comune a tutela della salute pubblica ma che pongono l’attenzione anche sul tema dei rifiuti. E mentre prendono sempre più piede le mascherine riutilizzabili si assiste al fenomeno dell’abbandono a terra di quelle monouso