Anno 6°

sabato, 19 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Cronaca

Un Volto Santo per pochi eletti, una Luminara per nessuno

sabato, 12 settembre 2020, 10:30

di aldo grandi

Aneddoto che la dice tutta: ieri sera eravamo a cena seduti ad un tavolo quando, improvvisamente, ci viene  a salutare un ex imprenditore che aveva una azienda a Porcari il quale ricorda di averci conosciuto quando eravamo cronisti d'assalto, si fa per dire, al quotidiano fiorentino redazione di piazza del Giglio. La conversazione finisce, inevitabilmente, sulla inesistente emergenza sanitaria, sui giornali che fanno terrorismo mediatico mentre la Gazzetta infila le notizie della Asl sul virus nelle brevi e, infine, sulla Luminara che non sarà fatta e nessuno riesce a capire perché.

La persona in questione ci racconta di aver ricevuto una telefonata dalla segreteria personale del sindaco con cui lo si invitava, in quanto presidente di una associazione, a recarsi in cattedrale per la messa e la celebrazione del Volto Santo. Lo stesso, tuttavia, ha fatto notare che non era più presidente della medesima e che, comunque, pensava di averne diritto in quanto a capo di un altro ente. A quel punto la segreteria del sindaco Tambellini gli ha detto che lo avrebbe richiamato dopo aver controllato. Bene, più tardi la telefonata di scuse con l'aggiunta che non c'era posto e che, quindi, peccato, ci dispiace, ma niente cerimonia in Cattedrale.

Che dire? Abbiamo notato che il vescovo risponde con la lettera a Francesco Colucci che gli rimprovera la scelta di non celebrare la Luminara, ma non a noi che gli diamo dello Zombie e lo attacchiamo senza perifrasi. Ovvio. Nemmeno il caro don Lucio Malanca ci risponde al telefono, ma i comunicati continua a mandarceli. Ah, quando si dice la verità fa male...

A proposito di comunicati inviati dalla diocesi: che ne pensate di quello sulla mostra allestita alla chiesa di San Cristoforo dove saranno pubblicate le immagini delle vecchie processioni? Un surrogato per cercare di indorare la pillola della mancata processione di domani sera. Che vergogna...

Se qualcuno avesse dignità dovrebbe rassegnare le dimissioni per non dire peggio. Il 2020 passerà alla storia non per una epidemia che, ora, fa ridere dopo aver fatto, sicuramente, piangere, quanto per l'incapacità degli esseri umani e delle loro classi dirigenti di assumersi delle responsabilità. 

Niente Luminara come nel 1944, quando Lucca e l'Italia o almeno una gran parte di essa, erano immerse nella guerra e nella guerra civile, invasa da eserciti stranieri, calpestata dalla violenza nazifascista dei tedeschi che ci odiavano perché traditori e dei nuovi fascisti saloini loro servi. Vi sembrano comparabili le due situazioni? Chi fa dei paragoni dimostra di essere un imbecille a prescindere.

Quindi abbiamo capito che, come sempre accade, un posto al sole ci sarà, ma soltanto per pochi eletti scelti a discrezione del sindaco e del vescovo, i due maggiori responsabili dell'annullamento della processione. Dicono che le misure  prescritte dal Governo e adottate dalla questura sarebbero state devastanti, vero, allora perché non ribellarsi e opporsi? In fondo i servitori di dio hanno sempre avuto, quelli veri, una capacità di discernere e di agire rendendo conto al signore piuttosto che a cesare.

Che tristezza. Come può pensare la Chiesa di avere ancora un richiamo tra la gente comune se continua a essere una istituzione per pochi eletti proprio in drammatiche situazioni come questa? Monsignor Paolo Giulietti, ma lei, a Lucca, cosa ci è venuto a fare? Ma pensava davvero che Lucca fosse come Perugia? Ma con quale coraggio si presenterà nuovamente a celebrare le funzioni religiose quando l'epidemia - ma quale? - sarà finita? Facile essere in prima fila quando tutto fila liscio, difficile quando tutto rema contro. E' in questi momenti che la Chiesa, se vuole avere credibilità, deve muoversi contro, non come il suo caro papà, il Bergoglio, che non uscirà dal Vaticano nel 2021 o giù di lì per rispetto delle norme sul Covid.

Il ricordo del dolore del Signore generò dunque in Francesco una solidarietà profonda con i malati: essi rendevano ancora presente il Cristo; era Lui, infatti, che aveva assicurato: “Ero malato e mi avete visitato” (Mt 25, 36). Anche per noi dovrebbe essere così! Il contatto col mondo della sofferenza non dovrebbe avvenire unicamente sotto la spinta di una solidarietà umana; a muoverci dovrebbe essere infatti la memoria del dolore di Cristo, che per noi dette se stesso. Allora il malato diverrà egli stesso il Cristo sofferente, e il contatto con lui ci arricchirà veramente e arricchirà pure il malato.

S. Francesco visitava i lebbrosi e la lebbra, all'epoca, non ci risulta fosse meno pericolosa del Covid-19. Invece, adesso, si celebrano le messe solo su prenotazione come nei ristoranti o nei locali pubblici. E dov'è la folgorazione che spinge l'essere umano ad entrare nelle chiese luoghi di dio? Impossibile. Oggi se uno avesse improvvisamente voglia di avvicinarsi a dio dovrebbe prima trovare il numero di telefono della parrocchia, quindi chiamare, poi prendere appuntamento e firmare, magari, una autocertificazione. E nel frattempo la spinta interiore sarebbe già andata a farsi benedire... Non siamo blasfemi, siamo realisti. La Chiesa e monsignor Giorgetti tornino a fare quello per cui sono stati cresciuti. Altrimenti abbandonino il saio e si dedichino al volontariato.

P.S. A proposito. Vediamo che le manifestazioni liturgiche in tempi di Covid-19 vengono puntualmente trasmesse su Tv locali private. Domandiamo a monsignor Paolo Giulietti se la cosa avviene gratuitamente ed è frutto di una devozione sincera o se, al contrario, la Chiesa lucchese paga per queste trasmissioni. Sarebbe davvero incredibile pagare per far vedere in Tv quello che di persona è impossibile vedere. Peccato, però, che si tratta di anime che hanno bisogno non di una puntata televisiva, ma di conforto umano ravvicinato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio

il Panda

auditerigi

prenota_spazio


Altri articoli in Cronaca


sabato, 19 settembre 2020, 12:21

Sfregiato al volto con un coltello da cucina in Darsena

Una lite, avvenuta verso le 3 di notte in Darsena, ha procurato ad una persona di origine straniera uno sfregio al volto, essendo stata colpita con un coltello da cucina


venerdì, 18 settembre 2020, 18:43

Il principe del Qatar a Viareggio

In occasione del varo di alcune imbarcazioni commissionate presso il cantiere Fincantieri di Spezia, ha fatto visita in Versilia ed in particolare soggiorna presso "Hotel Principe di Piemonte" il principe del Qatar


Prenota questo spazio!


venerdì, 18 settembre 2020, 14:02

Combina il matrimonio della figlia 15enne: allontanato da casa pakistano violento

La richiesta di aiuto era pervenuta, in lingua inglese, sulla linea 113 da parte della figlia maggiore. Sul posto, gli operatori hanno potuto constatare che l’appartamento era a soqquadro, con suppellettili rotti e stoviglie disseminate sul pavimento, tra cui due grossi coltelli da cucina con tracce ematiche


venerdì, 18 settembre 2020, 10:38

Emergenza abitativa: 40 case Erp assegnate entro fine anno

Assegnazioni di 40 case ERP e contributi economici agli affitti: un nuovo importante sforzo del comune per contrastare l'emergenza abitativa


giovedì, 17 settembre 2020, 15:50

Copertura della Cittadella del Carnevale di Viareggio, concluso il lavoro di ricerca

Si è concluso il lavoro di ricerca per la copertura della Cittadella del Carnevale di Viareggio. Un progetto che coniuga leggerezza della struttura, cura dell’estetica, valore architettonico, integrato con la tecnologia fotovoltaica, con un concept modulare, adattabile a diversi contesti, indipendentemente dalle dimensioni dello spazio da coprire


giovedì, 17 settembre 2020, 15:06

Coronavirus, 20 nuovi casi in Versilia

Nell’Azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 16 settembre, sono 70. Nella sola provincia di Lucca sono 23: 3 in lucchesia e 20 in Versilia