Anno X

sabato, 18 settembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

Cronaca

E se l'hotel fosse sull'albero? Il progetto di Mugnaini per la Versilia

martedì, 27 luglio 2021, 12:52

di chiara bernardini

Una casa sull'albero, il sogno di ogni bambino. Il rifugio, reale o immaginario, che tutti - almeno una volta - hanno desiderato di avere. In vesti moderne, l'artista Angelo Mugnaini, progetta la sua "regalandola" al territorio versiliese. Un grande albero in acciaio, una piattaforma e un'abitazione in legno provvista di ogni comfort: questa sulla carta è l'ultimissima idea dell'artigiano.

Un vulcano di proposte, Mugnaini non si ferma mai: "Viaggio sempre con la mente e non solo. Questa volta ho ponderato come poter realizzare un'opera originale e al tempo stesso utile. Pensando a cosa potesse incuriosire le persone mi si è accesa una lampadina. Con il tempo il numero delle case sull'albero è aumentato in maniera esponenziale, io ho cercato di discostarmi dal classico mirando a una costrizione ecologica che non danneggiasse la natura. Questo è il motivo che mi ha spinto a ideare una pianta in acciaio dalla quale poi partirebbero veri e propri rami nutriti tramite un impianto idraulico. La casa, in legno, potrebbe essere utilizzata come hotel, attrazione turistica o quant'altro".

Versatile e geniale, il pensiero di Mugnaini fa breccia nel cuore del litorale che si dice pronto ad abbracciare eventualmente il lavoro: "Ho parlato con alcuni rappresentanti di diversi comuni che sarebbero felici di accogliere un'opera simile. Per ora è tutto ancora teorico, ma sto lavorando affinché possa trasformarsi in realtà - prosegue l'artista - Si tratterebbe di un'installazione temporanea, con la possibilità di trasportarla anche in giro per l'Italia. Lo so, sogno in grande, ma sono fatto così, pieno di idee e voglia di realizzarle".

Puntare al cielo rimanendo con i piedi per terra, questo è da sempre il carattere di Mugnaini che da vero combattente non si arrende mai. Il modello del progetto, al momento, è esposto all'hotel Logos di Forte dei Marmi in attesa di crescere e diventare l'opera che merita di essere. 


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio

il Panda

auditerigi

prenota_spazio


Altri articoli in Cronaca


venerdì, 17 settembre 2021, 16:45

Carnevale al via: apertura in diretta tv nazionale

Inizia domani alle ore 18, sui Viali a Mare di Viareggio, il Carnevale Universale con il primo dei cinque Corsi Mascherati in programma. Un’edizione particolare perché per la prima volta si svolge tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno


venerdì, 17 settembre 2021, 13:08

Spacciava cocaina e hashish, arrestato marocchino

Gli operatori alle 18 circa, in Via Ponchielli, nei pressi della Casina dei Ricordi, hanno individuato A.H., 29enne marocchino, il quale, alla loro vista, si è dato alla fuga


Prenota questo spazio!


giovedì, 16 settembre 2021, 22:01

Green pass per tutti al lavoro dal 15 ottobre

Dal 15 ottobre e fino al 31 dicembre, quando è prevista la scadenza dello stato d'emergenza, il green pass diventa obbligatorio in tutti i luoghi di lavoro e andrà ad incidere direttamente sulla vita di 23 milioni di italiani


giovedì, 16 settembre 2021, 17:35

Estate in Versilia, il bilancio della polizia stradale: 40 patenti ritirate

Settembre è il tempo dei bilanci per la polizia stradale di Lucca che vigila, con le sue donne e i suoi uomini, su una rete stradale a forte vocazione turistica, anche in quest’estate nonostante il Covid-19


giovedì, 16 settembre 2021, 16:42

Nicoletti per Piazza Cavour: “Il contratto non è stato ancora firmato, siamo in tempo!”

Niente più mercato e altissimi costi per i commercianti che potrebbero non riuscire a sostenerli: questo il futuro di Piazza Cavour, secondo il gruppo “Viareggio Libera” e il consigliere comunale Tiziano Nicoletti, se venisse firmato il contratto per il project finanziario


giovedì, 16 settembre 2021, 14:27

Smascherato sodalizio della droga capeggiato da una viareggina detta "la marocchina"

La donna si riforniva da un gruppo di tunisini e marocchini che operavano in Viareggio nella Pineta di Ponente ed incassavano dalle cessioni circa 1500 euro al giorno. Video