Anno X

sabato, 18 settembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

La donna è mobile: difatti, sparisce la Miconi

mercoledì, 20 febbraio 2013, 16:55

di Francesca Cecconi

Il celebre motivetto La donna è mobile dell’aria che il Duca di Mantova intona nel terzo atto del Rigoletto accompagna l’apertura del sipario del Politeama di Viareggio in questo martedì di febbraio. In scena va, difatti, Cercasi tenore, commedia a sfondo musicale firmata da Ken Ludwig con la regia di Giancarlo Zanetti e l’annunciata presenza nel cast di Milena Miconi.

Una lussureggiante sala dai toni dorati sovrasta l’intero palcoscenico, qua e là è posto qualche pouf  e, al centro, un divano. La struttura di fondo presenta una specie di griglia, dietro la quale si intravede in maniera nitida un ampio letto nuziale ricco di cuscini e stoffe colorate e, nella parte laterale, una serie di porte e armadi a specchio.

È interessante l’idea scenografica di Nicola Rubertelli che rende possibili ottimi giochi tra azione nella parte anteriore e nella zona retrostante alla griglia, ovvero sul letto nuziale. Degno di nota il momento in cui i due Otello consumano rapporti sessuali con le rispettive donne del momento: la luce viene soffusa ma resta presente nell’area retrostante dando calore ai colori violacei e freddi della scena, il contrario invece si ha davanti alla griglia dove i personaggi indossano vesti dai colori caldi ma la luce che li circonda è fredda.

La trama è tra le più semplici e banali: il protagonista dell’opera lirica da rappresentare, l’Otello, non sta bene e rischia di non poter cantare una delle serate più importanti della stagione teatrale. Per evitare l’annullamento della serata, inconsapevolmente sia il factotum della compagnia sia il cantante stesso somministrano a quest’ultimo una dose eccessiva di farmaci che lo condurranno allo svenimento.  Credendo morto il cantante, il manager e il galoppino della compagnia decidono che quest’ultimo debba ricoprire, o almeno tentare, il posto del cantante. Si scoprirà poi che il cantante in realtà è solamente svenuto e questo produrrà in scena la presenza di due Otello che tra imbrogli e seduzioni porteranno la piéce verso lo scioglimento finale.

Uno spettacolo piuttosto divertente, peccato per alcune scene che ne appesantiscono il naturale iter: probabilmente le troppe donne in scena e i troppi divertimenti/sollazzi con quest’ultime allungano il tutto più del dovuto.

Sfortunatamente quando si concepiscono allestimenti di questo tipo, in cui la presenza di un cantante o quantomeno di attori che si presume sappiano cantare sembra scontata, è difficile per un pubblico metabolizzare l’impiego del playback. Se ne comprende il motivo, soprattutto economico (l’assunzione di cantanti lirici eleverebbe non di poco i cachet), ma è veramente finto il canto simulato all’interno di una performance basata su di esso.

Oltre a Gianfranco Jannuzzo, che in maniera esilarante interpreta la parte del factotum/galoppino della compagnia (un po’ spento nel primo atto, si riprende nel secondo quando veste i panni dell’Otello improvvisato), altri sette attori calcano le scene : Federico Pacifici, Tiziana Bagatella, Fabrizio Apolloni, Stefania Papirio, Rodolfo Medina; grande assente è, invece, Milena Miconi a dispetto dei caratteri cubitali su cartelloni della stagione.

Il tema dei tradimenti e dei sollazzi piace comunque al pubblico versiliese che, nel momento in cui si chiude il sipario, ascolta nuovamente La donna è mobile ed esce così da teatro canticchiando.

 

CERCASI TENORE

di Ken Ludwig

con Gianfranco Jannuzzo

con la partecipazione di Milena Miconi

e con Federico Pacifici, Claudia Coli, Tiziana Bagatella, Fabrizio Apolloni, Stefania Papirio, Rodolfo Medina

regia Giancarlo Zanetti


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

toyota

prenota_spazio

prenota_spazio

auditerigi


Altri articoli in Cultura


mercoledì, 15 settembre 2021, 19:26

Gianni Capolei ed i suoi “Ricordi” alla Galleria Engel

Giovedì 16 settembre alle 18.00 alla Galleria Engel, inizia la personale di Gianni Capolei “Ricordi” presenta l’artista e la mostra Lorenzo Pacini direttore di una casa d’arte a Lucca e scrittore


venerdì, 10 settembre 2021, 16:17

Cartoline al grande tenore Enrico Caruso: invito al mondo della musica

Un invito a tutto il mondo della musica a spedire una cartolina ad Enrico Caruso. È l'iniziativa "Caro amico ti scrivo" portata avanti dall'Associazione Nazionale Case della Memoria e dalla Fondazione Festival Pucciniano per celebrare il grande tenore in una data non casuale


Prenota questo spazio!


giovedì, 9 settembre 2021, 12:40

Artisti per la sostenibilità: azioni e formazioni per la cittadinanza

L’associazione di promozione sociale RecuperARTI, promotrice di un processo e una cultura in cui gli scarti vengano portati a nuova vita attraverso un percorso creativo, artistico ed educativo con la collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, propone “Artisti per la Sostenibilità: azioni e formazioni per la cittadinanza”


giovedì, 9 settembre 2021, 11:16

Alla piccola galleria Engel “La biblioteca tra le nuvole”

Venerdì 10 settembre alle 17.30 alla p.Galleria Engel, monsignor Scarabelli presenta il libro di Giovanni Braida “La biblioteca tra le nuvole”


martedì, 7 settembre 2021, 12:42

Fuori il nuovo video di Strane Radici

Finalmente disponibile sul loro canale youtube il nuovo video di Strane Radici in collaborazione con Ill Pepa, giovane rapper della scena massese


lunedì, 6 settembre 2021, 15:37

L'inedito del versiliese Simone Rossi in anteprima al festival "A Voice for Europe"

La finale nazionale del Festival “A voice for Europe” a Riccione è stato il palcoscenico del lancio del nuovo singolo del versiliese Simone Rossi “Pezzi di memoria”. Durante le serate del festival all'Opera Beach di Riccione Rossi ha interpretato in anteprima assoluta il brano scritto e musicato da Marcello Marchetti


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!