prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

mercoledì, 12 dicembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

Viareggio mette in mostra gli artisti del secolo breve

giovedì, 8 giugno 2017, 10:54

E’ una mostra stimolante quella che la Fondazione Matteucci per l’Arte Moderna propone, nella sua sede accanto al Lungomare di Viareggio, dal 7 luglio al 5 novembre. Stimolante per la qualità delle opere, innanzitutto, ma anche per il filo conduttore individuato per presentarle da Susanna Ragionieri, che della mostra è la curatrice. 
Da sottolineare che un buon numero delle 50 opere riunite per la mostra, “emerge” da collezioni private e viene esposto al pubblico per la prima volta.
Il titolo della rassegna, “Il secolo breve” si richiama naturalmente al celebre saggio pubblicato nel 1994 da Eric Hobsbawm. 
Il sottotitolo “Tessere di ‘900” vuole invece dar conto di una esposizione che propone una serie di testimonianze di rilievo assoluto del Secolo trascorso, tessere di un mosaico che letto nella sua complessità evidenzia un periodo artistico tra i più fecondi e creativamente tumultuosi dell’arte italiana.

Nel percorso espositivo estremamente emozionale concepito da Susanna Ragionieri le nature morte di Thayat, Balla, Severini e De Pisis emergono per il sentimento di classicità di cui sono pervase, mentre le figure di Spadini e Campigli si contrappongono, pur nella comune impronta parigina, per l’evocazione di un passato colto e dal cuore antico. Il paesaggio, infine, si offre nei volti più variegati attraverso le suggestive visioni di Rosai, Lloyd, Guidi e Paresce.
Ecco che, in questo caleidoscopico panorama, ogni artista - ai già citati si aggiungono Morandi, Guttuso, Viani e De Chirico - diviene così una tessera dell’affascinante ed eclettico mosaico che prelude alla modernità.

“Il Secolo breve. Tessere di ‘900 offre - afferma Giuliano Matteucci che della Fondazione Matteucci è il fondatore e direttore - un focus a suo modo originale da cui emergono una serie di situazioni che potremmo definire “trasversali” alle fratture formali oramai canoniche. Nell’apparente autonomia e disomogeneità espressiva, queste dissonanti connotazioni confermano lo spirito inquieto che da sempre caratterizza l’arte italiana, delineando un inaspettato spaccato, quanto mai unitario nel comunicare il pensiero creativo del tempo.
Non si tratta di avventurarsi in uno spazio temporale alla ricerca di un tema, di un genere o di consonanze estetiche, ma di scoprirne l’infinita varietà di forme concepite e articolate ora sul colore, ora sulla ragione, ora sul sentimento, nelle quali l’immagine, nonostante tutto, continua a vivere prima della frantumazione”.
Eric Hobsbawm, in “Il secolo breve”, condensa il Novecento in tre periodi, non esitando ad indicare il primo, compreso tra il 1914 e il ’45, come quello della “catastrofe” per le ferite sociali e le crisi economiche sofferte dall’Europa durante i due conflitti mondiali.
Se, però, si sposta l’analisi all’ambito artistico, la visione non è di un tramonto bensì di un’aurora. Nessun altro momento è stato, infatti, altrettanto fecondo e ricco di fermenti, al punto di rivoluzionare la ricerca con un impulso analogo a quello determinato ai nostri giorni dalla rete.
Portando la lancetta del tempo al 1909, all’alba di quello che qualcuno ha definito anche “il secolo delle speranze deluse”, quando Marinetti pubblica su “Le Figaro” il Manifesto del Futurismo, ci si avvede che la pittura italiana, lasciatasi alle spalle la lezione degli Impressionisti e di Cézanne, si apre ad uno dei momenti più dirompenti e felici, cambiando radicalmente volto. A voler essere coincisi e pragmatici, verrebbe da dire che proprio nel ventennio seguente, a partire dalle ultime frange divisioniste, le tendenze e le avanguardie audacemente impostesi sul realismo ottocentesco imprimeranno tracce tanto profonde e marcate da orientare gli sviluppi del dopoguerra: dall’Informale di Vedova e Capogrossi, allo Spazialismo di Fontana. Alludiamo alla trasformazione visiva scaturita dallo stesso Futurismo e dalla Metafisica, nonché al recupero della forma operato da Novecento, movimento che, riallacciandosi alla tradizione, ha elaborato una nuova idea figurativa in grado di dialogare con il presente.

Centro Matteucci per l’Arte Moderna 
7 luglio – 5 novembre 2017
Orari: 7 luglio - 10 settembre martedì/venerdì 16.00 – 20.00
sabato/domenica 10.00 – 13.00 / 16.00 – 20.00
12 settembre – 5 novembre giovedì/venerdì 15.30 – 19.30
sabato/domenica 10.00 – 13.00 / 15.30 – 19.30
Lunedì chiuso
Martedì/mercoledì: visite per gruppi
biglietto intero 8 euro
biglietto ridotto 5 euro
via G. d’Annunzio, 28 – Viareggio
0584-430614 www.cemamo.it - info@cemamo.it 


Questo articolo è stato letto volte.




prenota_spazio


prenota_spazio


Terigi auto 2014-15


Altri articoli in Cultura


mercoledì, 12 dicembre 2018, 09:29

"Orgoglio bianconero", successo per la presentazione del libro

Il debutto di 'Orgoglio bianconero 1919-2019 Cento anni di calcio a Viareggio' è stato positivo. Ma visto che a noi più che il consenso piace il confronto, crediamo che il... campionato sia ancora lungo per raggiungere l'obiettivo: devolvere l'eventuale utile dell'iniziativa all'associazione 'Il mondo che vorrei' e al volontariato viareggino


mercoledì, 12 dicembre 2018, 09:18

Corso avanzato di fotografia a Viareggio

Ingenuità visiva ed essenzialità compositiva”, questo è il titolo del corso avanzato di fotografia che organizza l’Associazione Culturale “Factory291” di Viareggio, presso la propria sede in via V. Veneto 202


Prenota questo spazio!


martedì, 11 dicembre 2018, 22:57

"Proibire il presepe è uno dei tanti sintomi del degrado sociale e morale della società"

Da sempre il Natale è un evento caro a noi italiani, e non solo. Nel frastuono delle vie luccicanti, la domanda di molti è se la Natività riesca ancora a creare quel clima psicologico antico. Qual è oggi il senso autentico e profondo dello spirito natalizio? Ne parliamo con il...


martedì, 11 dicembre 2018, 13:01

Pino Insegno e Alessia Navarro al Teatro Jenco con "Imparare ad amarsi"

Lo spettacolo è diretto da Siddhartha Prestinari, dal testo di Pierre Palmade e Muriel Robin, in un adattamento di Claudio Insegno, sulle musiche del cantautore Bungaro


martedì, 11 dicembre 2018, 11:37

B2B Day Navigo: consegna "Premio Luigi Gianneschi" a Viareggio

Venerdì 14 dicembre (dalle 17)a Villa Tina, gioiello liberty di Viareggio, è in programma una giornata B2B Day NAVIGO nel corso della quale verrà consegnato il Premio all’Innovazione Luigi Gianneschi - fondatore dell'azienda leader mondiale Gianneschi Pumps and Blowers


martedì, 11 dicembre 2018, 11:31

Convegno “Dalla parte del mare. Tobino e la Versilia nel Novecento” alla Gamc di Viareggio

Il convegno  Dalla parte del mare. Tobino e la Versilia nel Novecento presenta i primi risultati di un’ampia e organica ricerca, ideata e programmata dalla Fondazione Mario Tobino, sulle vicende della cultura della Toscana nord-occidentale dall’Ottocento agli anni più recenti


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!