prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

lunedì, 17 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

Sala gremita per l'incontro con il giornalista Paolo Borrometi

venerdì, 11 gennaio 2019, 18:44

«Studiate, informatevi. Solo così potrete essere davvero liberi e non essere mai schiavi di nessuno!». Si è rivolto così il giornalista Paolo Borrometi al gremitissimo pubblico di giovani che lo hanno ascoltato ed applaudito dall’inizio alla fine del suo racconto. La conferenza che si è tenuta nell’aula Magna del Nautico e alla quale hanno preso parte tutti gli studenti di quinta del dell’IIS Galilei Artiglio, è stato organizzato dalla Fondazione Antonino Caponnetto. A fare gli onori di casa ci ha pensato il dirigente scolastico Nadia Lombardi che ha dichiarato: «Sono onorata e commossa di poter ospitare Paolo Borrometi, un uomo che sta impegnando la sua vita in difesa della legalità e della nostra Costituzione. Credo che sia importantissimo per i nostri studenti poter ascoltare le sue parole e scoprire da vicino che ci sono persone che ancora oggi, soprattutto oggi, vivono per contrastare la mafia». A rappresentare la fondazione Caponnetto c’era Ornella Rosolini, che, dopo aver letto un passo del nuovo libro di Borrometi “Un morto ogni tanto”, ha aggiunto: «Paolo ha fatto e sta facendo tantissimo per il nostro paese, mettendo nero su bianco, senza timore, i nomi dei mafiosi italiani e dei loro collegamenti con l’estero. Insomma – conclude – Paolo sta rendendo visibile la battaglia alla mafia fino ad oggi invisibile».  E poi in un alternarsi di domande e risposte tra il giornalista di Canale 50 Gabriele Altemura e Borrometi, è venuta fuori tutta la vita del giornalista siciliano che non teme a raccontare neanche le sue paure: «Il timore è un sentimento che abbiamo tutti, io per primo. Hanno cercato di farmene di tutti i colori: dalle minacce telefoniche a quelle sui social, hanno anche cercato di farmi fuori. Volevano piegarmi in tutti i modi, ma non ci sono riusciti. Non bisogna cedere alla paura, perché sarebbe come cedere ad un ricatto; la paura va rielaborata senza cedere – ripete – altrimenti sarebbe come morire dentro. Uno dei problemi dei giorni nostri è la rassegnazione, è il dire che tutto va male e non ci si può fare niente. Non è vero! Il mondo può essere migliorato, basta volerlo». E poi si scaglia contro gli uomini della mafia e sottolinea: «Non chiamateli uomini d’onore perché non lo sono. Al contrario sono persone che senza remore hanno ucciso uomini, donne e bambini. Quando i sindaci dichiarano che nei loro comuni non esiste la malavita è un chiaro invito per la mafia, è come se dicessero “venite pure, tanto non vi riconosciamo”! E invece queste organizzazioni sono ovunque e dobbiamo combatterle. I giornalisti devono raccontare e informare, devono essere le loro spine nel fianco. Sempre». Paolo Borrometi, classe 1983, vive ormai da anni con la scorta, non è libero di andare ad un concerto o allo stadio a vedere la sua squadra giocare, ma il suo concetto di libertà è molto più alto e a gran voce lo ribadisce ai giovani: «La libertà più importante è quella di pensiero, di parola e questa non potrà mai togliermela nessuno. Il mio sogno fin da bambino – racconta – era quello di fare il giornalista e ci sono riuscito. Imparate a seguire i sogni perché nel momento in cui lo fate, ne avete già raggiunta una parte». Eleonora Prayer


Questo articolo è stato letto volte.



prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


auditerigi


Altri articoli in Cultura


sabato, 15 giugno 2019, 13:30

Festival di musica da camera della Versilia, presentato il programma

Tutto pronto per la 52ª edizione del Festival di musica da camera della Versilia, il ciclo di concerti organizzato dal Comune di Massarosa e dall’Associazione Musicale Lucchese nella splendida chiesa romanica di Pieve a Elici


venerdì, 14 giugno 2019, 11:28

Canta Estate Summer Hits 2019: successo per la prima tappa

Sono Claudio Orlandi, Simona Simoni e Miranda Landi, tutti e tre con 26 punti, i vincitori della prima tappa del Canta Estate – Summer Hits 2019 andato in scena a La Baracchina di Vally a Torre del Lago.


Prenota questo spazio!


venerdì, 14 giugno 2019, 10:11

12 disegnatori ad "A colpi di Pennarello"

Ai cinque "Cavalieri della Magione del Tau" si uniranno gli ospiti che hanno partecipato alla performance questo inverno e tre nuovi artisti


giovedì, 13 giugno 2019, 09:00

Riparte la rassegna di teatro e arte di strada

Ripartono le rassegne estive dell'Anfiteatro Fabio Chiesa, con spettacoli, laboratori e tante novità. Martedì 18, mercoledì 19, giovedì 20 giugno tre appuntamenti artistici, con bolle di sapone, comicità e teatro di strada all'Anfiteatro Fabio Chiesa, un teatro sotto le stelle per tutta la famiglia


giovedì, 13 giugno 2019, 08:57

Alla Gamc si presenta l’ultimo libro di Alessandro Bonan

Si intitola ‘La giusta parte’. E’ l’ultimo libro scritto da Alessandro Bonan, uno dei volti di Sky Sport, (Sky Calcio Show e Calciomercato-L’originale) i suoi cavalli da battaglia. Il libro viene presentato sabato 15 giugno alle 18 alla Gamc (Galleria d’arte moderna e contemporanea) nel palazzo delle Muse in piazza...


mercoledì, 12 giugno 2019, 15:07

Sopralluogo alla Cittadella dove fervono i lavori per ultimare le scenografie del nuovo allestimento de "La Fanciulla del west"

Il presidente della Fondazione Festival Pucciniano Alberto Veronesi accompagnato dal vice presidente della Fondazione Carnevale Marco Szorenyi e dalla consigliera Monica Guidi ha fatto visita agli artisti del Carnevale di Viareggio impegnati nella realizzazione delle scenografie del nuovo allestimento di La Fanciulla del West che torna in scena a Torre del Lago, dopo nove anni di...


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!