prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

lunedì, 18 marzo 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

Sala gremita per l'incontro con il giornalista Paolo Borrometi

venerdì, 11 gennaio 2019, 18:44

«Studiate, informatevi. Solo così potrete essere davvero liberi e non essere mai schiavi di nessuno!». Si è rivolto così il giornalista Paolo Borrometi al gremitissimo pubblico di giovani che lo hanno ascoltato ed applaudito dall’inizio alla fine del suo racconto. La conferenza che si è tenuta nell’aula Magna del Nautico e alla quale hanno preso parte tutti gli studenti di quinta del dell’IIS Galilei Artiglio, è stato organizzato dalla Fondazione Antonino Caponnetto. A fare gli onori di casa ci ha pensato il dirigente scolastico Nadia Lombardi che ha dichiarato: «Sono onorata e commossa di poter ospitare Paolo Borrometi, un uomo che sta impegnando la sua vita in difesa della legalità e della nostra Costituzione. Credo che sia importantissimo per i nostri studenti poter ascoltare le sue parole e scoprire da vicino che ci sono persone che ancora oggi, soprattutto oggi, vivono per contrastare la mafia». A rappresentare la fondazione Caponnetto c’era Ornella Rosolini, che, dopo aver letto un passo del nuovo libro di Borrometi “Un morto ogni tanto”, ha aggiunto: «Paolo ha fatto e sta facendo tantissimo per il nostro paese, mettendo nero su bianco, senza timore, i nomi dei mafiosi italiani e dei loro collegamenti con l’estero. Insomma – conclude – Paolo sta rendendo visibile la battaglia alla mafia fino ad oggi invisibile».  E poi in un alternarsi di domande e risposte tra il giornalista di Canale 50 Gabriele Altemura e Borrometi, è venuta fuori tutta la vita del giornalista siciliano che non teme a raccontare neanche le sue paure: «Il timore è un sentimento che abbiamo tutti, io per primo. Hanno cercato di farmene di tutti i colori: dalle minacce telefoniche a quelle sui social, hanno anche cercato di farmi fuori. Volevano piegarmi in tutti i modi, ma non ci sono riusciti. Non bisogna cedere alla paura, perché sarebbe come cedere ad un ricatto; la paura va rielaborata senza cedere – ripete – altrimenti sarebbe come morire dentro. Uno dei problemi dei giorni nostri è la rassegnazione, è il dire che tutto va male e non ci si può fare niente. Non è vero! Il mondo può essere migliorato, basta volerlo». E poi si scaglia contro gli uomini della mafia e sottolinea: «Non chiamateli uomini d’onore perché non lo sono. Al contrario sono persone che senza remore hanno ucciso uomini, donne e bambini. Quando i sindaci dichiarano che nei loro comuni non esiste la malavita è un chiaro invito per la mafia, è come se dicessero “venite pure, tanto non vi riconosciamo”! E invece queste organizzazioni sono ovunque e dobbiamo combatterle. I giornalisti devono raccontare e informare, devono essere le loro spine nel fianco. Sempre». Paolo Borrometi, classe 1983, vive ormai da anni con la scorta, non è libero di andare ad un concerto o allo stadio a vedere la sua squadra giocare, ma il suo concetto di libertà è molto più alto e a gran voce lo ribadisce ai giovani: «La libertà più importante è quella di pensiero, di parola e questa non potrà mai togliermela nessuno. Il mio sogno fin da bambino – racconta – era quello di fare il giornalista e ci sono riuscito. Imparate a seguire i sogni perché nel momento in cui lo fate, ne avete già raggiunta una parte». Eleonora Prayer


Questo articolo è stato letto volte.



prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


q3


Altri articoli in Cultura


sabato, 16 marzo 2019, 21:12

Tanta allegria alla cerimonia di premiazione dei vincitori del Carnevale 2019

Quasi a voler ricordare la canzone ufficiale del carnevale 1938, “Sole e amore” sono stati i grandi protagonisti di questa giornata. La Cittadella, infatti, ha aperto le porte a grandi e piccini per premiare i costruttori che, due settimane fa, hanno sfilato per l’ultima volta di quest’anno insieme alle loro...


sabato, 16 marzo 2019, 16:36

Stefano Carlo Vecoli presenta le sue opere nella rassegna "Di mercoledì: scrittori e lettori a Villa Argentina"

Mercoledì 20 marzo, alle 17, nell'ambito della rassegna "Di mercoledì: scrittori e lettori a Villa Argentina" verranno presentati dell'autore Stefano Carlo Vecoli il romanzo "Crescevano Sogni", ambientato a Viareggio negli anni 1968/1974, ed il catalogo "Presenze Toscane" con le opere pittoriche


Prenota questo spazio!


sabato, 16 marzo 2019, 10:30

Una mostra alla Galleria Arte in Passerella

L'associazione Percorsi d'Arte propone per il periodo 17/31 marzo, presso la Galleria Arte in Passerella, a Viareggio, in Piazza Campioni 2, una mostra composta da opere di formato inferiore a cm 50 x cm 50 compresa cornice o listello, circa 80 opere per un totale di 40 artisti


sabato, 16 marzo 2019, 10:21

Salvatore Frega vince il premio “Akademia Music Awards” di Los Angeles

Dopo il la medaglia d’argento ai Global Music Awards nel settembre 2018, il maestro Salvatore Frega, tra i più giovani e importanti compositori internazionali, vince il prestigioso premio “Akademia Music Awards” di Los Angeles nella categoria Strumentale-Orchestrale con la sua composizione “Magic Horse” per orchestra


venerdì, 15 marzo 2019, 15:50

Alla Cittadella la Festa di premiazione dei vincitori del Carnevale di Viareggio 2019

Cerimonia di premiazione domani, sabato 16 marzo, alla Cittadella del Carnevale (ingresso libero), una vera e propria festa per i vincitori di questa edizione. Dalle ore 15 i Musei del Carnevale e gli hangar dei carri saranno aperti al pubblico, attivi anche i laboratori della cartapesta


giovedì, 14 marzo 2019, 12:47

Dalle canzoni swing alle storie di resistenza al femminile: gli appuntamenti del weekend al Teatro Jenco

In programma: venerdì 15 "La RadiOrchestra" e la Rai, una storia musicale raccontata attraverso le canzoni dell'età pionieristica della musica popolare italiana, diffusa dalla radio; sabato 16 "Una donna, la fabbrica e la guerra" spettacolo di Samanta Barontini sulle vicende di una ragazza durante la seconda guerra mondiale


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!