Anno X

mercoledì, 1 dicembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

Agli astri e al ciel, seconda serata a Villa Puccini a Torre del Lago

mercoledì, 15 luglio 2020, 20:35

di francesca vatteroni

Agli astri al ciel è arrivato a Villa Museo Puccini di Torre del Lago. Sei compositori italiani in due serate consecutive con le loro opere hanno fatto rivivere l'opera di Giacomo Puccini la Tosca. Sei diversi melologhi con la voce recitante di Stefania Sandrelli e con l'accompagnamento musicale al pianoforte di Orazio Sciortino. 

Venerdì 14 luglio, si apre la serata con la composizione di Caterina di Cecca, à rebours che  è stata una grande rivalutazione del personaggio femminile dell'opera pucciniana, uno zoom sulla figura di Tosca. L'opera è stata un flusso di coscienza che ha ripercorso a ritroso la giornata appena trascorsa dopo il trauma vissuto dalla donna: la morte del suo amato. La musica ha saputo descrivere quel momento bloccato, quell'istante in cui ci si rende conto di aver perso qualcosa, una fissità ghiacciata che si spezza dentro di noi e da cui non vi è più ritorno. Parole e pochi suoni hanno colto nel cuore e hanno dato intensità emotiva. 

Il compositore Fabio Vacchi si è avvalso della collaborazione di Michele Girardi, studioso di musica pucciniana.  L'estasi di Tosca Amor sacro, amor profano amor politico è stata una rilettura caleidoscopio dell'opera Tosca. Unico vero e proprio filo conduttore di questa storia è stata la musica che a differenza di tutte le altre composizioni non ha contenuto citazioni pucciniane . La fusione fra suoni e parole di questa storia hanno cerato un gioco artistico che ha saputo emozionare il pubblico.

Terza e ultima opera della serata Scarpià, notre prochain in cui sono state usate tecniche estese: oggetti in grado di alterare il suono dello strumento. Questo melologo di Riccardo Panfili utilizza sulle corde del pianoforte il Patafix, una sostanza gommosa in grado di bloccare la vibrazione delle corde. è Scarpia stesso a raccontarsi, si mostra a noi in tutte le sue incarnazioni; Giuda, Jago, Claudio il fratricida. Panfili evoca anche Pasolini, Giordano Bruno e l'attentato di Piazza Fontana. Le diverse situazioni raccontate in questo testo molto denso, sono state identificabili grazie alla musica che ha agito come un sismografo delle emozioni.  

L'unica compositrice presente alla serata è stata Caterina di Cecca. La voce recitante di queste tre opere è stata Stefania Sandrelli accompagnata da suo nipote d'arte Rocco Roca-Rey, che ha suonato per il pubblico un pezzo pucciniano al pianoforte. 


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio

auditerigi


Altri articoli in Cultura


mercoledì, 1 dicembre 2021, 14:41

"Un Natale da favola": il musical all'Olivo di Camaiore

Si terrà sabato 11 dicembre, con inizio alle ore 21, presso il prestigioso Teatro dell'Olivo di Camaiore, lo spettacolo dal titolo "Un Natale da favola"


mercoledì, 1 dicembre 2021, 09:34

Il nuovo libro di Franco Pulzone alla Gamc

Si intitola "Oltre l'orizzonte" il romanzo di Franco Pulzone, fresco di stampa, che sarà presentato alla Galleria comunale di arte moderna, a palazzo delle Muse a Viareggio, sabato 4 dicembre alle ore 17


Prenota questo spazio!


mercoledì, 1 dicembre 2021, 09:20

Si presenta la prima raccolta dei "Racconti dell'Officina"

E' pronto il primo Quaderno dedicato ai Racconti dell'Officina del Premio. La pubblicazione, curata da Giordano Bruno Guerri, raccoglie i sei migliori racconti di tema alberghiero prodotti dai corsisti che hanno partecipato a una delle due sessioni della nostra Scuola di scrittura creativa


martedì, 30 novembre 2021, 19:01

Cio Cio San trionfa a Belgrado

Una vera standing ovation per la rappresentazione del capolavoro pucciniano nell’allestimento del Festival Puccini promossa dall’Istituto Italiano di cultura di Belgrado diretto da Roberto Cincotta


sabato, 27 novembre 2021, 16:24

Laura Lorenzini interpreta il mito toscano della Farfalla della Fortuna

L'affascinante mito toscano della Farfalla della Fortuna, legato all'annuncio di buone notizie, prende nuova vita in un pregevole carboncino dell'artista apuo-versiliese Laura Lorenzini Nadine


venerdì, 26 novembre 2021, 14:31

Un ricco programma per il 'Mese Pucciniano'

Dal 29 novembre al 1 gennaio 2022 tanti eventi a Torre del Lago e Viareggio e la consegna del Premio Puccini. Saranno Fiorenza Cedolins e Carlo Fuortes a ricevere l’ambita statuetta. Piero Pelù e Aldo Cazzullo protagonisti dell’omaggio a Dante della Città di Viareggio a chiusura dell’anno dantesco


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!