Anno X

giovedì, 9 dicembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

Le 'Gazzette' al Salone del Libro di Torino: la magia delle cose piccole

sabato, 16 ottobre 2021, 10:10

di mara gemignani

Un fiore che sboccia è spesso metafora di una rinascita: cosa significa però se i suoi petali, oltre a essere leggeri ed eleganti, sono fatti di porcellana? Una creatura tanto fragile e raffinata all’apparenza, quanto forte e tenace se la si osserva da vicino e la si tocca. È di fiori di porcellana che si circonda uno dei tanti stand presenti in questi giorni al Salone Internazionale del Libro di Torino, la più importante manifestazione italiana dedicata all’editoria. Dopo un’edizione saltata, quella del 2020, questa è stata costretta a rimandare il suo svolgimento a causa delle norme vigenti: si presenta ora, a ottobre invece che a maggio, con una veste un po’ ridotta, un percorso più veloce e corridoi più spaziosi per garantire il distanziamento. Ma come quei fiori speciali, la festa è di nuovo sbocciata, i libri sono tornati e gli stand sono stati montati con tenacia e fragilità come i petali di porcellana che, da lontano, sembrano di carta. Mascherine e green pass, certo, ma anche tamponi con un prezzo ridotto per chi possiede il biglietto per il Salone e dispenser di gel igienizzante a ogni stand, così da toccare e sfogliare i libri, esattamente come una volta. Un Salone aperto a tutti, quest’anno dedicato simbolicamente alla Supernova, l’esplosione stellare di enorme potenza che con la sua luce può illuminare ciò che altrimenti resterebbe al buio, ma con una forza tale da essere anche distruttiva: metafora della vita, di ciò che ci sta accadendo.

Ed è su questo equilibrio precario, che al Salone si è potuta respirare per qualche ora un’aria di normalità: al Lingotto Fiere, attorno all’ormai famosissima colonna di libri divenuta il simbolo della manifestazione, è possibile conoscere e riconoscere editori di tutta Italia, fare incontri con gli autori e partecipare a eventi con ospiti famosi legati al mondo dei libri, ma anche della musica e della televisione. Stand di ogni tipo, da quelli delle case editrici più piccole, che hanno magari un solo libro in catalogo, ai grandi colossi dell’editoria italiana, che siamo abituati a incontrare nelle librerie di tutte le città. Ma la vera magia del Salone non sta nei bestseller e nemmeno nei libri degli influencer: sono le idee e i progetti i veri protagonisti, quelli che non si trovano nelle librerie, quei libri nati da esigenze particolarissime o da idee stravaganti, che cercano nel Salone una vetrina più ampia rispetto a quella che può offrire una casa editrice magari appena nata, o meno conosciuta.

C’è chi ha schematizzato sulla parete del proprio stand la trama di Harry Potter per mostrarne il processo creativo (casa editrice Sefirot), mentre altri hanno creato dei veri e propri ambienti in cui immergersi, come Ippocampo Edizioni, che riproduce un negozio di libri antico con tanto di tavolino e sedie su cui poter leggere. Dello stesso stampo anche lo stand del Premio Letterario Massarosa, che porta il territorio toscano a Torino grazie alla sedia appartenuta a Giacomo Puccini. Progetti editoriali di ogni tipo, anche dedicati a bambini o a ragazzi disabili, i quali sono spesso anche gli artefici di tali gioielli letterari. È il caso di Officine Gutenberg, che presenta dei piccoli volumi con racconti di Pirandello, Svevo e non solo, rilegati da ragazzi diversamente abili, simboleggiati da un pipistrello, animale che vede le cose al contrario (in collaborazione con Print Different). Tanta attenzione a Dante, in occasione dei 700 anni dalla sua morte, e anche a tematiche importanti, che vanno al di là del mondo editoriale, come quello dei femminicidi, a cui dedica il proprio stand la casa editrice viareggina Giovane Holden Edizioni.

Sarebbe impossibile citare tutte le idee e i progetti che vengono presentati agli stand del Salone. Difficile descrivere gli occhi entusiasti con cui editori e autori presentano le storie in cui credono e i sogni che sperano di realizzare. Un’edizione diversa, sì, ma che non può lasciare con l’amaro in bocca visto tutto ciò che regala a chi percorre i padiglioni torinesi, da cui se ne uscirà sicuramente arricchiti. È la magia delle cose piccole. Quelle che non hanno pretese, che si mostrano con trasparenza e sincerità. È quell’editoria indipendente che crede nelle sue idee, anche se sono distanti dalla richiesta del pubblico o dalle mode del momento. È l’editoria speciale, quella che rilega i libri a mano (Sartoria Utopia) o che regala libri ai bimbi di Scampia e dintorni con la formula del “libro sospeso” (Marotta e Cafiero).  

Un’edizione che, come la ginestra leopardiana, riesce a nascere, sbocciare e vivere anche su un territorio avverso o, in questo caso, un periodo che non le appartiene. Il Salone del Libro di Torino, ogni anno ma questo un po’ di più, profuma di futuro e di sogni, vissuti con consapevolezza e serietà. Storie, poesie e racconti per scappare dalla difficile realtà, ma anche per riflettere, farsi domande e cercare con la cultura le difficili risposte.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio

auditerigi


Altri articoli in Cultura


martedì, 7 dicembre 2021, 12:21

Prosegue il progetto 'Binario 10' per colorare il muro di via Ponchielli

Domenica 12 dicembre alle 10,30 sarà inaugurata un'altra opera che verrà donata alla città di Viareggio e stavolta sarà a firma di un'altra street artist di grande fama, Alice Pasquini, una delle più note al mondo e tra le 'top 5' di settore in Europa con 90mila followers sui social e migliaia di opere in...


sabato, 4 dicembre 2021, 11:53

Suggestioni fotografiche di carnevale sul lungomare di Viareggio

Forme, colori, gigantismo, maschere. Le opere allegoriche del Carnevale di Viareggio idealmente tornano sui Viali a Mare attraverso una nuova mostra fotografica di strada di grandi dimensioni


Prenota questo spazio!


giovedì, 2 dicembre 2021, 09:52

L'Ancora di Viareggio presenta la nuova collana di Natale

Grandi novità per la casa editrice L’Ancora di Viareggio: in occasione delle festività natalizie usciranno cinque nuovi libri, quattro dei quali con argomenti viareggini e versiliesi, inseriti nelle collane “Raccolta di memorie” e “Profili”


giovedì, 2 dicembre 2021, 09:22

Orgoglio Bianconero, fatte le quattro donazioni: e ora l'incontro con Vizzoni

Missione compiuta: l'associazione culturale Orgoglio Bianconero ha effettuato le quattro donazioni a realtà operanti nel mondo del volontariato


mercoledì, 1 dicembre 2021, 14:41

"Un Natale da favola": il musical all'Olivo di Camaiore

Si terrà sabato 11 dicembre, con inizio alle ore 21, presso il prestigioso Teatro dell'Olivo di Camaiore, lo spettacolo dal titolo "Un Natale da favola"


mercoledì, 1 dicembre 2021, 09:34

Il nuovo libro di Franco Pulzone alla Gamc

Si intitola "Oltre l'orizzonte" il romanzo di Franco Pulzone, fresco di stampa, che sarà presentato alla Galleria comunale di arte moderna, a palazzo delle Muse a Viareggio, sabato 4 dicembre alle ore 17


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!