Anno XI 
Martedì 9 Agosto 2022
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da Redazione
Cultura
03 Agosto 2022

Visite: 122

Per l’appuntamento di Estate Leggerissima 2022 giovedì 4 agosto Ara Malikian World il genio del violino che promette sorprese nella terra di Puccini.

Tra i più brillanti ed espressivi violinisti della scena musicale contemporanea, in grado di combinare la tradizione armena con influenze mediorientali ed europee, fonde la musica classica con il rock and roll, sferzate di punk ed accenni di elettronica.

Enfant prodige, Ara Malikian inizia a suonare il violino sin da piccolo, guidato dal padre. Il suo talento è presto riconosciuto ma la guerra civile nel suo paese d’origine, il Libano, costringe il giovane artista a lasciare la patria. A dodici anni, Malikian si esibisce nel suo primo importante concerto e due anni dopo è il più giovane studente ammesso alla prestigiosa scuola di musica ad Hannover, in Germania. I suoi studi si allargano al teatro, frequentando la Guildhall School of Music & Drama a Londra. Nel frattempo, procedono i suoi approfondimenti al violino ed inizia a comporre i primi brani, in collaborazione con compositori contemporanei del calibro di Franco Donatoni, Malcolm Lipkin, Luciano Chailly ed altri ancora. Come violino solista, si esibisce in tutto il mondo, da Tokyo a Madrid, da Mosca a Belgrado, suonando sotto la direzione di importanti nomi tra cui Mariss Janssons, Peter Maag, Jesús López Cobos, Vladimir Spivakov, Miguel Ángel Gómez Martínez, Luis Antonio García Navarro, Vassili Sinaisky, Edmond de Stoutz, Gudni Emilson, Juan José Mena, Jo Ann Falleta, pedro Halffter, Alejandro Posada, Cristóbal Halffter or Salvador Brotons. Il talento e le doti di Ara Malikian cominciano a farsi conoscere in ogni angolo del globo, grazie anche ai riconoscimenti ricevuti sin in giovane età. Tra i tanti, nel 1993 si aggiudica l’Artistic Compliance and Dedication Award e vince per ben due volte il Music Awards nella categoria New Music Best Album (2006) e Best Classical Music Performer (2007).
Negli anni Ara Malikian ha scritto ed interpreto numerosi album, componendo e rivisitando importanti ed innovativi brani e collaborando con orchestre e musicisti sia della tradizione più classica che in quella più tradizionale, da chitarristi di flamenco ad orchestre, dimostrando l’enorme talento dell’artista ed il suo impegno nella diffusione della musica, in qualsiasi forma.

Con esibizioni in oltre quaranta paesi in tutto il mondo, Ara Malikian vive da oltre due decenni in Spagna. La sua abilità nel reinterpretare la tradizione musicale armena, contaminandola con influenze gypsi, klezmer, tango e flamenco, è tale da renderla fruibile ad un vasto pubblico, esprimendo al massimo le potenzialità della musica classica. Numerose le sue collaborazioni in questa direzione, da co-produzioni a performance dal vivo. Non per ultimo, Ara Malikian ha musicato numerosi film, collaborando con compositori tra cui Alberto Iglesias e con registi del calibro di Pedro Almodóvar, Pascal Gainge e Salvador García Ruiz.

La sua passione per lo studio dei classici, affiancato a quello delle musiche tradizionali e popolari delle culture mediorientali ed europee, insieme ad una forte componente rock, fanno di Ara Malikian un’artista unico nel suo genere. Le sue esibizioni dal vivo sono delle vere e proprie performance, in grado di incantare il pubblico con la magia violino.

Tra i più brillanti ed espressivi violinisti della scena musicale contemporanea, in grado di combinare la tradizione armena con influenze mediorientali ed europee, fonde la musica classica con il rock and roll, sferzate di punk ed accenni di elettronica.

Con numerosi premi e riconoscimenti alle spalle - tra cui il prestigioso Premio Niccolò Paganini - torna in Italia per una serie di concerti-performance, accompagnato dalla sua nuova spettacolare band composta da eccellenti musicisti cubani, per presentare “Ara” il nuovo bellissimo disco inspirato a suo figlio e alla riscoperta dell’infanzia: lo stupore, la fantasia, i linguaggi, i suoni del mondo magico e libero della fanciullezza.

Sul palcoscenico di Puccini giovedì 4 agosto ore 21.30

ARA MALIKIAN violino

IVAN MELON LEWIS piano

IVAN RUIZ MACHADO basso

GEORVIS PICO MILAN batteria

DAYAN ABAD chitarra

INFO E ACQUISTO BIGLIETTI 0584359322

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Un concerto, un docufilm e un videoclip promossi e finanziati dal Consiglio regionale in ricordo di due "personalità storiche…

Attivato presso la sede della farmacia comunale di Piano di Conca il servizio di prenotazione on-line dei farmaci prescritti da…

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

La questione dei senzatetto a Viareggio sembra non trovare mai un lieto fine. Secondo “Potere al Popolo” i senza fissa…

Repubblica Viareggina commenta quanto avvenuto nei giorni scorsi: "Il bombardamento del 5 agosto a Gaza da parte dell'esercito sionista…

Tornano gli appuntamenti del lunedì sera tra cultura e spettacolo in Piazza…

Spazio disponibilie

Indossate qualcosa di comodo, perché stasera a “LidoCult” si balla. La rassegna di libri pop che…

La Fondazione Versiliana comunica che lo spettacolo "Canta e ridi con i Legnanesi" previsto per lunedì 8 agosto al…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie