prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

mercoledì, 27 marzo 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Economia

I pescatori non dovranno più pagare per i rifiuti raccolti in mare. Bugli: "Ue fa proprio nostro progetto. Governo la segua"

venerdì, 15 marzo 2019, 17:23

L'Europa fa propria l'idea toscana. "Siamo contenti che il nostro impegno sia servito da modello" commenta l'assessore alla presidenza della Toscana, Vittorio Bugli. Da oggi infatti i pescatori che portano a terra i rifiuti finiti accidentalmente nelle loro reti non ne diventano più automaticamente produttori e non sono più costretti a scegliere se ributtarli in mare per non assumersene la responsabilità e i costi di smaltimento. Lo potranno fare senza rischi, contribuendo a ripulire i mari da plastiche e scarti di ogni genere. Sta scritto nella direttiva europea sugli impianti portuali di raccolta per il conferimento dei rifiuti delle navi, che ha ricevuto oggi il via libera dal Parlamento europeo.

"La soluzione muove dal buon senso" si sofferma l'assessore. Forse era anche un po' l'uovo di Colombo, ma nessuno ci aveva posto attenzione fino ad un anno fa. L'ha fatto la Regione Toscana che a marzo del 2018 ha lanciato il progetto sperimentale "Arcipelago Pulito", il cui valore aggiunto e innovativo rispetto a esperienze per alcuni aspetti simili portate avanti in altri mari e in altre parti del mondo sta nell'aver creato una filiera completa, che va dalla raccolta del rifiuto alla sua analisi e trattamento e, quando possibile, recupero in un impianto idoneo. Il primo progetto in Italia e in Europa da questo punto di vista. Un esperimento, nel braccio di mare davanti a Livorno con il coinvolgimento di una locale cooperativa di pescatori, ma anche di Legambiente, la Guarda Costiera, l'Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno Settentrionale, Unicoop Firenze, la società Labromare che gestisce la raccolta dei ri fiuti nel porto livornese e Revet che li ricicla.

Dopo i primi quattro mesi la sperimentazione è stata prorogata per altri quattro. E nei primi sei, da aprile fino allo scorso settembre, sono stati raccolti oltre 18 quintali di rifiuti, per un volume di oltre 24 mila litri. E' la dimostrazione che la sfida di ripulire il mare da quanto altri vi hanno gettato o vi è arrivato attraverso i fiumi è possibile. Su diciotto quintali, quattordici sono plastiche non recuperabili e da avviare allo smaltimento, il 14 per cento (260 chili) plastiche riciclabili. Ci sono anche piccole percentuali di acciaio, alluminio o banda stagnata. In mare in fondo si può trovare di tutto: ad aprile, in una delle prime uscite, i pescatori di Livorno tra sanpietri e sugarelli, scampi, qualche sardina, rombi e un polpo tirarono su con le reti a strascico non solo bottiglie di plastica, fascette, sacchi e buste, ma anche il presunto sterzo di un motoscafo, una vecchia tanica e una torcia da sub. Oggetti a volte quasi n uovi, altri a pezzi, molti incrostati dal tempo e dalle conchiglie.

"Se moltiplichiamo questo dato, raggiunto con sole sei barche impegnate, per tutti i pescherecci presenti in Italia – sottolinea Bugli – ben possiamo comprendere il contributo che allargare questo progetto darebbe alla salvaguardia dell'ambiente e allo sviluppo di un'economia collaborativa". E difendere l'ambiente vuol dire anche contribuire a contrastare i cambiamenti climatici, al centro delle iniziative degli studenti oggi.

"Proprio in questi giorni – racconta ancora Bugli – siamo impegnati ad ampliare il progetto oltre i confini livornesi ". "Adesso, come avevamo richiesto da tempo, - conclude – ci aspettiamo che il Governo faccia velocemente la legge che aveva promesso e dia ancora maggiore impulso a questa pratica".

Il progetto toscano, esempio di economia collaborativa e circolare ma anche molto senso pratico, era stato presentato a fine giugno a Bruxelles al Parlamento europeo. L'iniziativa era stata organizzata assieme alla deputata Simona Bonafè, che ha poi presentato l'emendamento accolto nella direttiva che ha raccolto adesso il sì dell'assemblea dell'Unione. Adesso la parola passa agli Stati membri, che la dovranno recepire nei loro ordinamenti.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


q3


Avvocato Francesconi


prenota_spazio


essegi


Altri articoli in Economia


martedì, 26 marzo 2019, 16:28

Efficienza sistema sanitario: la Toscana prima in Italia. Rossi: "Premiata la qualità del sistema"

La Toscana emerge come la prima, e di gran lunga, dai dati diffusi dal Ministero della sanità e relativi al 2017, derivati dalle schede di dimissioni ospedaliere


martedì, 26 marzo 2019, 15:16

Elezioni del Consorzio 1 Toscana Nord, nella lista "Ambiente, sicurezza e sviluppo per Ismaele Ridolfi presidente"

Più attenzione al mondo dell'agricoltura e impegno nei progetti di educazione ambientale, per i ragazzi delle scuole: che, a tutti gli effetti, rientra tra le attività istituzionali per la sicurezza idraulica, portate avanti dal Consorzio


Prenota questo spazio!


martedì, 26 marzo 2019, 10:17

MECSPE 2019: protagoniste tre aziende della provincia di Lucca

Saranno tre le aziende della provincia di Lucca che parteciperanno a MECSPE (Fiere di Parma, dal 28 al 30 marzo 2019), luogo d’innovazione e punto di riferimento della manifattura 4.0 italiana e internazionale promossa da Senaf


lunedì, 25 marzo 2019, 14:56

Turismo, nel 2018 la Toscana sfonda i 48 milioni di presenze: +3,8 per cento rispetto al 2017

Abbattuto il muro dei 48 milioni di presenze in Toscana nel 2018, +3,8 per cento rispetto al 2017. L'Ufficio regionale di statistica ha elaborato i primi dati complessivi sulle presenze turistiche in Toscana per l'anno 2018, dati che confermano un nuovo record di presenze con un incremento, rispetto al 2017,...


venerdì, 22 marzo 2019, 12:44

Yare: aziende innovative e future generazioni nello yachting

Riconoscimento al Passerelle Pitch per Razeto & Casareto grazie alla maniglia luminosa per yacht. Consegnati anche i diploma agli studenti della Fondazione Isyl


giovedì, 21 marzo 2019, 17:33

Superyacht: al Captains forum i numeri della flotta mondiale

Una flotta in costante aumento, imbarcazioni dal metraggio sempre maggiore, un trend che non solo conferma la ripresa del mercato, ma dà forti segnali di crescita e di stabilità del mercato. Bisogna partire da questi dati per capire quali saranno, nei prossimi anni, le sfide e le opportunità che si...


Ricerca nel sito


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio