Anno XI 
Domenica 25 Settembre 2022
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da Redazione
Economia
23 Settembre 2022

Visite: 94

"L'inverno più buio per il florovivaismo della Versilia costringerà le aziende a tagliare la produzione di fiori stagionali e lavorare in rimessa pur di non rinunciare a quote di mercato faticosamente conquistate negli anni. È lo scenario che si prospetta per le 200 aziende florovivaistiche della Versilia - ma anche per tutte le aziende orticole che producono per esempio basilico, pomodori o zucchine - nelle prossime settimane quando saranno costrette ad accendere i "riscaldamenti" nelle serre. Le prospettive di bollette anche triplicate, già ad agosto, quando i bruciatori sono ancora spenti terrorizzano un settore dove l'incidenza dei costi energetici potrebbe arrivare anche fino al 50 per cento azzerando ogni possibilità di reddito". È quanto emerge dall'analisi della Coldiretti Lucca sulla base dei dati Crea secondo cui i costi per piante e sementi sono aumentati del 95 per cento con i rincari dell'energia che colpiscono l'intera filiera, dai fertilizzanti agli imballaggi, dalla plastica dei vasetti alla carta delle confezioni fino al gasolio per il riscaldamento delle serre. "Ad oggi le imprese non hanno alcuna certezza sui costi dell'energia elettrica e del gas che rappresentano la voce principale soprattutto per le produzioni in serra che sono molto preoccupate per l'aumento fuori controllo dei costi energetici innescato dall'evolversi del conflitto in Ucraina e dalla minaccia del taglio delle forniture da parte della Russia – spiega Andrea Elmi, presidente Coldiretti Toscana –. Il caro energia ha obbligato molte aziende che producono fiori tipici da sempre di questa terra come le rose, i lilium, i lisianthus e le stelle di Natale a rivedere al ribasso le superfici di coltivazione poiché si tratta di produzioni che richiedono per la crescita delle piantine serre continuamente riscaldate. Con questi rincari sono produzioni insostenibili economicamente ma abbandonarle significherebbe uscire dal mercato. Molte aziende si sono così orientale su altre coltivazioni meno energivore lasciando contestualmente spazio alle importazioni da paesi stranieri dove spesso i prodotti sono ottenuti dallo sfruttamento come nel caso delle rose dal Kenya per il lavoro sottopagato e senza diritti e i fiori dalla Colombia dove ad essere penalizzate sono le donne. Lo scenario che oggi il settore ha di fronte non è mai stato così buio".

"Le aziende florovivaistiche – evidenzia Coldiretti Lucca - stanno affrontando aumenti di costi a valanga: +250 per cento per i fertilizzanti, +110 per cento per il gasolio, +15 per cento per i fitosanitari contro i parassiti, +45 per cento per i servizi di noleggio, secondo gli ultimi dati Crea. Ma gli incrementi colpiscono anche gli imballaggi – continua Coldiretti Toscana - dalla plastica per i vasetti dei fiori (+72 per cento) al vetro (+40 per cento) fino alla carta (+31 per cento) per i quali peraltro si allungano anche i tempi di consegna, in qualche caso addirittura quintuplicati. E – sottolinea Coldiretti Toscana – sono esplose anche le spese di trasporto in un paese come l'Italia dove l'85 per cento delle merci viaggia su gomma".

"Se perdi un ciclo produttivo le possibilità di recuperarlo sono scarse e tutto va a vantaggio di competitor di altri paesi. Il rischio è di uscire dal mercato per non rientrarvi più. E così le aziende sono costrette a produrre consapevoli che potrebbero farlo in perdita tra qualche mese – spiega Cristiano Genovali, presidente AFFI - Associazione Floricoltori e Fioristi Italiani –. Un fiore su cinque arriva dall'estero. Questa crisi energetica rischia di aggravare ancora di più questo trend che ci vede fortemente deficitari non solo dal punto di vista dell'approvvigionamento ma anche delle infrastrutture. Ci aspettiamo che il Governo mantenga l'impegno del decreto Aiuti Ter, per altro richiesto da Coldiretti, che prevede un credito di imposta del 40 per cento anche per le aziende che riscaldano le serre. Questo è un sostegno fondamentale per la sopravvivenza delle nostre attività".

"Tra le proposte della Coldiretti, c'è tra l'altro, lo sblocco di 1,2 miliardi per i contratti di filiera già stanziati nel Pnrr e l'incentivazione delle operazioni di ristrutturazione e rinegoziazione del debito delle imprese agricole. Infine c'è attesa per il provvedimento, trasmesso dal ministero delle politiche agricole alla conferenza stato-regioni, in discussione il prossimo 28 settembre, che – conclude Coldiretti Lucca - prevede misure di contributo per le imprese florovivaistiche che abbiano sostenuto nel periodo marzo-agosto 2022 costi superiori di almeno il 30 per cento rispetto a quelli sostenuti nello stesso periodo dello scorso anno, per la gestione delle attività produttive, svolte essenzialmente in serra, per l'acquisto di energia elettrica, gas metano, G.P.L., gasolio e biomasse utilizzate per la combustione in azienda".

I costi nelle serre

+72 per cento vasetti per i fiori

+ 31 per cento carta

+ 250 per cento fertilizzanti

+ 110 per cento gasolio

+ 15 per cento fitosanitari contro parassiti

+ 110 per cento servizi di noleggio

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Ieri notte Anna Segre, con la sua ultima opera "La distruzione dell'amore" edita da Interno Poesia e giunta alla terza…

Si segnala che per completare l’ammodernamento della rete dell’acquedotto e del gasdotto, l’amministrazione comunale ha predisposto un’ordinanza con i temporanei…

Spazio disponibilie

È convocato per martedì 27 settembre alle ore 20.30, presso l'auditorium della scuola "Enrico Pea" di Marzocchino, la seduta…

Molte sono le persone alle quali verrà negato il diritto di votare domenica 25 settembre. ‘’Non concedere la residenza fittizia…

Spazio disponibilie

Dopo la chiusura dei termini per le domande dei buoni spesa alimentari è stata redatta dagli uffici e pubblicata all'albo…

Il Consorzio di promozione turistica della Versilia a causa dell'allerta meteo è costretta ad annullare la Festa dello Sport di…

La protezione civile regionale ha emesso allerta di tipo giallo per temporali forti e rischio idrogeologico idraulico…

"Abbiamo appreso con grande dispiacere della scomparsa della signora Antonia Tomei, moglie del Professor Marcello Pera, ex Presidente del Senato…

Spazio disponibilie

E' accaduto intorno alle ore 10.50 in un giardino privato in via del Padule a Pietrasanta. L'incidente era sembrato inizialmente…

Appuntamento con il calcio e la solidarietà sabato 24 settembre alle 18.00 nel Giardino d'Inverno di Villa Bertelli a…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie