prenota

prenota
prenota_spazio

Anno X

lunedì, 25 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Giacomo Puccini e le folaghe

Il documento originale, con timbro e firma di Giacomo Puccini

martedì, 4 settembre 2012, 12:50

di Marco Bellentani

L'apertura della stagione venatoria è alle porte. Un modo, se critico e legale, del tutto naturale e salutare di procacciarsi cibo. Arte vera e propria che sta alle radici della nostra civiltà, la caccia è compagna dell'uomo sin dalla notte dei tempi. Non è un caso se le prime divinità si ispiravano proprio alla caccia. Il lago di Massaciuccoli, poi, è sempre stato teatro, oltre che di concerti lirici, dell'antico patto venatorio tra uomo e natura. Il grande compositore Giacomo Puccini, come si sa, andò a vivere a Torre del Lago nel 1891 e oltre che di donne era appassionato di caccia e di cucina, invitando spesso amici e donzelle per festose mangiate e bevute. A quel tempo, il lago, era di proprietà dei marchesi Ginori Lisci e, ovviamente, popolato di qualsivoglia ricchezza faunistica. Le folaghe, poi, preparate alla sua maniera, entrarono particolarmente nel cuore e nell'ispirazione culinaria del maestro. La gelosia delle proprie ricette, da sempre un vezzo dei grandi cuochi del passato, colpì anche Puccini che, colto in una serie di festeggiamenti, al Magnificat presso l’Albergo Fiorenza di Pietro Malfatti nel 1903, si fece strappare la ricetta di cui, ancor oggi, possiamo godere. Fu proprio il Malfatti a indurre il maestro a svelare il segreto culinario, rendendo, come si legge nelle cronache dell'epoca "un servizio inestimabile alla scienza dei cuochi, avendo potuto tramandare ai posteri questo documento: le folaghe alla Giacomo Puccini!" Il documento (clicca foto per ingrandirlo), è dattiloscritto da Giacomo Puccini, il 9 dicembre del 1903, e rappresenta un caposaldo della cucina locale e nazionale. Come da tradizione, quindi, Puccini consiglia di spelare le folaghe e non di spennarle, lasciandole un'ora e mezza in acqua fredda (con aceto, aggiungiamo noi). Fatti i pezzi, scartando testa, collo, punte d'ali e zampe, si mettono in pentola dopo aver fatto rosolare un trito di cipolla, sedano, carota, a cui si aggiungono, se si vuole rispettare il consiglio del maestro, basilico, maggiorana e la mitica "gnebitella" (nepitella o mentuccia) con una foglia di lauro e del peperone rosso. Rispetto alla variante aggiornata, in cui si può aggiungere alloro e timo dopo la rosolatura, il maestro tradiva l'amore per i sapori forti e rotondi. Rosolati i pezzi di folaga per 15 minuti, a pentola coperta, si bagnano con vino e si fa ritirare. Salate e pepate. A questo punto, Puccini consiglia di cuocere per circa un'ora, anche tre quarti d'ora dovrebbero bastare, bagnando con acqua e vino e poi costantemente con brodo vegetale. L'accelerazione dei tempi, rispetto all'originale non deve insospettire. Permane la volontà di cuocere tutto a fuoco lento, ma dopo la rosolatura, la tempistica moderna forse rende omaggio a nozioni salutistiche al tempo non previste. Interessante il vezzo pucciniano di infarinare in cottura le folaghe, passando al setaccio la salsa da servire sui crostini. In alternativa, si può tostare del pane su cui porre i pezzi di folaga. Che dire, tanto di cappello all'Executive Chef, Giacomo Puccini!


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Enogastronomia


domenica, 24 ottobre 2021, 14:30

L'Accademia Italiana della Cucina di Viareggio festeggia al Nomade con menù ispirato ai frutti del sottobosco

Sala piena, nel rigoroso rispetto della normativa anti-Covid, per degustare le prelibatezze del noto ristorante, guidato dallo chef Martino Speciale, ed ascoltare la interessante relazione tenuta dal delegato Alberto Petracca sul ristorante e il ricco menù di carne (spettacolari gli antipasti di tartare di manzo piemontese, carpaccio di cervo e...


lunedì, 18 ottobre 2021, 11:09

Fine della stagione estiva: da Aldo si tirano le somme davanti alla sua carbonara di mare

A Viareggio, se si parla di certezze culinarie, dove mangiare bene (e, per rimanere in metafora peschereccia, dell'ottimo pesce fresco), la bussola indica un piccolo ristorantino con una grande storia, nascosto in passeggiata tra le viuzze che danno sul mare


giovedì, 14 ottobre 2021, 07:38

Apogeo: miglior pizzeria della Versilia per il Gambero Rosso

Super affermazione per il maestro 100% versiliese della pizza, degli impasti e di tutto un mondo fatto di lievitazioni e farine, Massimo Giovannini con il suo Apogeo, la pizzeria di Pietrasanta che conduce con passione e meticolosità. Il Prof. strappa ovviamente i Tre Spicchi del Gambero Rosso,


martedì, 12 ottobre 2021, 10:48

Le aziende Cia Versilia al sapore di peperoncino per la Festa Pic

Sabato 16 e domenica 17 ottobre Cia Versilia infatti sarà presente alla manifestazione dedicata al peperoncino portando sui propri banchi, come sempre, prodotti a Km zero direttamente dal produttore al consumatore, prodotti genuini e di qualità


martedì, 28 settembre 2021, 09:59

L'Accademia nazionale della cucina festeggia il carnevale

Ospite attento ed entusiasta il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro che ha avuto parole di elogio per l'attività della Accademia della Cucina e del suo delegato viareggino Alberto Petracca, nel sostenere la tradizione della buona cucina italiana


lunedì, 27 settembre 2021, 09:14

Al Principe di Piemonte cocktail che passione con Tony Micelotta

Al Grand Hotel Principe di Piemonte si inaugura una nuova area in cui la parola chiave è passione, sì, temprata da anni di meticolosa esperienza con i "classici" del cocktail


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


directo web agency


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!