prenota

prenota
prenota_spazio

Anno X

lunedì, 14 giugno 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia : Top Restaurant

Franco Mare, la perfezione tra "semplicità" e ricerca

Il maitre Massiniliano Martino e lo chef Alessandro Filomena

mercoledì, 2 maggio 2018, 19:53

di Marco Bellentani

Il ritorno al Franco Mare desta, quest'anno, più di una curiosità aggiuntiva, unite al fatto che il rinnovato impegno dei Fratelli Stefanini così come quello di un possente maestro cuciniere dal nome Alessandro Filomena scaturiscono emozioni sia per via della location sia per via della sostanza del piatto. Una nuova cantina a vista, dove è possibile scegliere le bottiglie preferite, conservate a temperatura controllata, qualche tocco di restyling al locale, tra colori e oggetti d'arte e uno studio sempre più approfondito in termini di ricerca e messa a punto del piatto. In linea generale ne gode il servizio, ispirato alla grandeur francese, impreziosito da piatti eseguiti direttamente alla lampada dal bravo maitre Massimiliano Martino. Non manca nulla, davvero, a questo punto, al Franco Mare per entrare definitivamente nel novero dei più rinomati e blasonati locali della Dreamland Michelin chiamata Versilia.

Diverse visite ci hanno concesso un panorama completo di un menu che vede Filomena e il fido Alessandro Ferrarini sugli allori, in cui la cosiddetta buccia di patata è stata tolta a favore di una più semplice edibilità del piatto di fronte ad un'estetizzazione non fine a se stessa, ma viatico ci una piacevole mangiata, tra colpi di classe, pesce fresco, storia della nostra cucina.

Se negli antipasti, il Polpo Arrostito, è ormai un cavallo di battaglia della casa è l'Insalatina di Seppie con asparagi, salsa di ricci di mare e il suo nero a registrare il primo 10 del lotto. Sgorga una semplicità che inneggia alla primavera, tra asparagi, tocchi di nero e di altri colori, portali di una seppia freschissima e una suadente salsa di ricci di mare. Ci si può far servire da un tris di assaggi dello chef (consigliatissimo), oppure dirigersi nel sontuoso crudo, ma anche l'Uovo Bio Pane e Pomodoro regala sorprese: un altro inno elegiaco alla semplicità. Pane, pomodoro in varie consistenze e una salsa che sboccia con erbe aromatiche. Siamo agli antipodi dell'auto-referenzialità e nel regno del piatto per far godere.

Sui primi, giova di un nuovo vestito il classico dello chef Canturino, il Risotto Carnaroli “Acquerello” con gambero rosso di Mazzara e burrata d’ Andria. Il gambero cambia forma e posizione, adagiandosi sotto il risotto, schiacciato a crudo. Si scalda e si amalgama benissimo con burrata e una cottura perfetta, cremosità e persistenza che da sempre ne fanno uno dei migliori risotti della Versilia. Adesso anche più godibile. Ottimo anche l'Agnolotto al brasato di Baccalà, dove ancora non si cerca la via della complessità. Come dire: “non famolo strano”. Ma gourmet si. Meno sontuose ma sfiziose le Chicche di Patate, eccezionali i Tuffoli Mancini Cacio e Pepe alla Lampada così come una puttanesca che diviene punto di incontro tra locale raffinato e succulenta trattoria della tradizione. Sui secondi si registrano meno novità, ma piacevoli conferme come il Piccione Arrosto, il Branzino pescato dalla barca del padre degli Stefanini o il pescato del giorno. A colpire, certo ricchissima e lussuosa è l'Aragosta al Vapore il suo burro, orto aromatico, asparagi di mare e sale al mandarino. Bel esemplare di sogno culinario con quel tocco del sale al mandarino che ne esalta tutti i sapori. Chapeau. Anche i dolci si muovono tra conferme (Oro e Cioccolato) e novità, tra cui si ricama il primo gradino del podio il Millefoglie con chantilly alla vanilla Burbon , per cui forse servirebbe un articolo intero per descriverne la bontà e la realizzazione perfetta. I menu degustazione sono a 70 e 90 euro. Filomena cala il pokerissimo, e lo fa seguendo la strada della semplicità, di quella che un campione dei fornelli trova con naturalezza e capacità. Sfidiamo chiunque a dire il contrario. Bravi.

Franco Mare

VIA LUNGOMARE ROMA, 41, 55045 MARINA DI PIETRASANTA (LU)

0584 20187 email: info@ristorantefrancomare.com

Photo by: La Fonderia-Una scelta di campo. Ogni diritto riservato

RISOTTO CARNAROLI ACQUERELLO

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Enogastronomia


domenica, 13 giugno 2021, 17:35

Da Vàsame cantano i posteggiatori napoletani eredi dei menestrelli

Loro sono Gerry Gennarelli, 45 anni di Napoli, Gigi Patierno, 42 anni anche lui di Napoli e Ignazio Laiola, 72 anni di Torre Annunziata: hanno cantato e suonato le canzoni della tradizione partenopea alla pizzeria Vàsame del gruppo Capri


sabato, 12 giugno 2021, 10:02

Vàsame, la pizza elevata a forma d'arte

La pizza napoletana non è una semplice pietanza. La pizza napoletana è un'esperienza sensoriale, un'avventura, un viaggio nella veracità di una città. E da oggi, a Viareggio, con un bacio si è direttamente in via Toledo. Foto di Alfredo Scorza


giovedì, 10 giugno 2021, 15:32

Dal Fast Fashion alla pizza napoletana, sulla Passeggiata apre 'Vàsame'

Vàsame è il primo concept ristorativo all'interno di un progetto di diversificazione del business del Gruppo Capri proprietario dei brand Alcott e Gutteridge. Viareggio primo test


sabato, 5 giugno 2021, 11:48

Alex, la sua storia e le novità. Riparte alla grande il ristorante di Tonfano

Da oltre un lustro, Alex – Cibi e Vini – rappresenta un punto di riferimento per gli amanti del buon cibo e del buon bere in quel di Tonfano. Un locale in stile coloniale dove è facilissimo rilassarsi per una cena intima...


venerdì, 4 giugno 2021, 09:40

Nasce un'importante collaborazione per promuovere i vini di qualità

Nei giorni scorsi Marco Wong, presidente di POPT S.R.L. e Gino Fuso Carmignani, presidente della Rete dei Vini dell'Alta Toscana hanno sottoscritto un accordo quadro per allargare i mercati di vendita (italiani ed esteri) dei vini inseriti in una apposita vetrina dei vini dell'alta Toscana, organizzata dalla Rete fra i...


lunedì, 3 maggio 2021, 21:57

"Da Aldo": sincerità viareggina nel piatto

Si chiama Vanni Olivi ma lo chiamano tutti Aldo, proprio come il ristorante, dal nome del padre che lo aprì nel lontano 1971. È uno di quei casi in cui la persona viene etichettata dall'attività di famiglia, la quale, dopo ormai 50 anni, è entrata di diritto tra quelle storiche...


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


directo web agency


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!