prenota

prenota
prenota_spazio

Anno 6°

sabato, 29 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Enoteca Marcucci, riparte la stagione all'insegna delle icone e dei miti del Novecento

martedì, 17 dicembre 2019, 00:20

di aldo grandi

Finita la pausa autunnale e terminato il consueto pellegrinaggio novembrino in terra di Champagne e Borgogna, Michele Marcucci riapre i battenti della propria enoteca di via Garibaldi, una sorta di consuetudine enogastronomica al cui fascino è difficile sfuggire. L'illuminazione natalizia di Pietrasanta è sempre un pezzo più avanti rispetto a quelle delle altre città versiliesi, con le sue atmosfere di primi Novecento e con quel calore e quell'atmosfera che solo questa città d'arte riesce a trasmettere. Imbocchiamo via Garibaldi e, dopo qualche centinaio di metri, sulla sinistra, eccoti l'Enoteca delle Meraviglie, l'Enoteca di Michele Marcucci che anche quest'anno si è aggiudicata le tre bottiglie del Gambero Rosso ed è ormai una tradizione ultradecennale.

Varcare la soglia di questo locale riporta in mente, immediatamente, l'amico e collega Corrado Benzio, scomparso da poco, lui che da queste parti era, letteralmente, di casa. Lo incontravamo spesso, seduto ai tavoli, intento a raccontare e a degustare il vino di questo paradiso per palati sopraffini. Quante volte, con Corrado, ci eravamo persi a descriverci i peccati, tanti e le virtù, poche, pochissime, di questo dannatissimo mestiere che ti prende da piccolo e finisce per prosciugarti come tu fossi una bottiglia di whisky d'annata depositata di fronte a una coppia di bevitori d'altri tempi. A Corrado va il nostro pensiero, a lui che aveva fatto il cronista di razza, il caposervizio, l'inviato, lui che aveva sempre una parola di comprensione, un sorriso e una dolcezza nello sguardo che ne rivelava, almeno a noi, una fragilità o, forse, una onestà intellettuale e una pulizia morale d'altri evi. 

Rivediamo, dopo un mese, l'amico Luca alla cassa, braccio destro e anche sinistro di Michele e l'immancabile Manu, Manutentore, colui che, dove occorre, c'è sempre, c'è stato e ci sarà. E' lui che Michele chiama quando ha bisogno di allestire la scenografia immancabile di ogni avvio di stagione. E questa volta non ha fatto eccezione.

Alziamo lo sguardo e vediamo, sopra le nostre teste, quella del sottoscritto e quella di Cip, il nostro fotografo, al secolo Ciprian Gheorghita, rumeno di nascita, italiano di adozione e, ormai, di cittadinanza, una miriade di Olivetti, macchine da scrivere che hanno disegnato e caratterizzato un'epoca, quella del giornalismo militante lontano anni luce dalle diavolerie dell'elettronica e della digitalizzazione spinta. In fondo, da qualche parte, c'è lui, il Maestro, all'anagrafe Michele Marcucci, il vero anfitrione di questo Colosseo sul quale non tramonta mai il sole, con le sue candele che emanano una luce che avvolge e addolcisce i tratti anche i più spigolosi di ciascun commensale ispirandogli parole sussurrate. Michele è sempre stato uno di poche parole e, in fondo, sempre le stesse. Attento osservatore, pignolo e vigile come un rapace in caccia nelle ore notturne, questo imprenditore della ristorazione riesce sempre a cavare il meglio da ogni situazione. E' appena rientrato dall'aver acquistato bottiglie di champagne in giro per la Francia e sentirlo raccontare le sue peregrinazioni di azienda in azienda è un piacere per le orecchie, ma, soprattutto, per l'immaginazione.

Quest'anno Michele ha dedicato la scenografia ai miti e alle icone del ventesimo secolo. Ecco, quindi, le Olivetti, ma non basta. Nella seconda sala eccoti una gigantesca moka che i fratelli Cinquini di Viareggio hanno realizzato con dovizia di particolari. Mario Lavazza, dell'omonima azienda, non ci ha pensato su due volte e ha voluto far arrivare la mitica tazzina da caffè oltre alla grande Carmencita e al suo Caballero. Eccoli là uno più grande e bello dell'altro. Ma non è tutto e a completare il mosaico manca, dice Michele, ancora qualche pezzo a cominciare da una gigantografia raffigurante la prima pagina della Settimana Enigmistica, un altro mito del Novecento, soprattutto per tutti coloro che, sulle spiagge d'estate, rimanevano sulle sdraio a dilettarsi con rebus e cruciverba piuttosto che zompare da un bagno all'altro. 

Come si fa a dimenticare che in queste stanze, su questi pavimenti, seduti a questi tavoli abbiamo trascorso gli ultimi sei anni tra inverno ed estati intervistando a destra e a manca e assaporando champagne e vini d'annata? Noi siamo dei fedelissimi? Ebbene sì, comunque vada, qualunque cosa accada, noi restiamo qui, sempre, con Michele che a volte dimentica di guardarsi intorno e, a volte, dovrebbe farlo per non perdersui qualcuno per strada ché, poi, diventa difficile, ammesso che sia ancora possibile, ritrovarlo. 

Mangiamo l'uovo di Parisi, che conosciamo da una vita - sia l'uovo sia Parisi - e che ogni volta mandiamo giù con gusto e voracità. Aggiungiamo un assaggio di formaggi e un polpo arrosto che è, per noi, un approccio obbligato. Non potevano mancare le patate arrosto che sono, come sempre, squisite e leggere. Infine il gelato al latte di capra, must che non perde mai il suo fascino. E' una serata tranquilla, la serata dell'Immacolata, 8 dicembre sul calendario, la stagione è appena agli inizi. A Natale Michele sarà aperto la vigilia, il 24 sera, ma chiuso il 25 dopodiché riaprirà la sera del 26 dicembre Santo Stefano. Sempre con menu à la carte. Quindi il 31 dicembre, cenone San Silvestro sempre alla carta a partire dalle 19 in poi. 

Foto Ciprien Gheorghita


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Altri articoli in Enogastronomia


giovedì, 27 febbraio 2020, 11:25

Il Manifesto del Baccalà: Torcigliani e Di Gregorio per una cena epica

Sono Angelo Torcigliani de Il Merlo e Manuel Di gregorio della Trattoria Peposo, gli indiscussi protagonisti di una cena che ha tutti i crismi dell'unicità. Giovedì 19 marzo, a Il Merlo (Lido di Camaiore)


domenica, 23 febbraio 2020, 19:05

Parole in... Crociate all'Enoteca Marcucci

All'enoteca di via Garibaldi a Pietrasanta la scenografia di Michele Marcucci è dedicata ad alcuni dei 'miti' del Novecento, a cominciare dalla Settimana Enigmistica per passare alla indimenticabile e indimenticata Carmencita disegnata da Zanuso nel 1979 per Lavazza


venerdì, 21 febbraio 2020, 16:09

Metti insieme Modo e Croco e Smilace: nasce Crema Diamante

Quando nasce un capolavoro. E' quello che vedrà alla luce presso Gelateria Modo - vicino al pontile di Lido Di Camaiore - da domani. Parliamo di un gelato, di un gusto


lunedì, 10 febbraio 2020, 09:19

Cristoforo Trapani vince il Festival of Italian Cousine e vola negli States!

E' lo stellato Cristoforo Trapani, executive del ristorante “La Magnolia” dell’Hotel Byron di Forte dei Marmi (LU), il vincitore della seconda edizione del “Festival of Italian Cousine” in programma questo fine febbraio negli Stati Uniti d’America...


mercoledì, 5 febbraio 2020, 08:44

L'amore a tavola: il menu di San Valentino di Alex

Difficile trovare per la vostra lei un ambiente con un'atmosfera così: gli arredi coloniali, le piante del giardino, le luci soffuse nel cuore di Tonfano e un servizio puntuale, discreto.


martedì, 28 gennaio 2020, 13:23

Il Sogno del Salumiere di essere un cuciniere, iniziano le supercene a Il Merlo

Inizia con l'appuntamento del 20 febbraio, un prezioso ciclo di cene che, il cuciniere de Il Merlo, Angelo Torcigliani ha voluto progettare in onore allo spirito epico del cuciniere, alla sua ricerca, alle materie prime "definitive",


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


directo web agency


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!