prenota

prenota
prenota_spazio

Anno 6°

domenica, 5 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia : DA MaRIANI

Degustazione Fivi Lucca e Massa: vicini, indipendenti e invincibili

martedì, 30 giugno 2020, 08:56

di Marco Bellentani

Non ce la farà, questa profonda crisi caduta sui campi arati come una sagitta divina, a distruggere il senso di territorialità, unione, voglia di fare di quel vignaiolo che fa della rappresentazione del territorio, di una qualità propria e di sudore e gioia, ogni suo singolo giorno. Lo ha dimostrato la degustazione FIVI delle province di Massa e di Lucca tenutasi ieri, con ingresso - seppur all'aperto - contingentato e scaglionato, presso tenuta Mariani. L'idea del delegato Lucca-Massa Samuele Bianchi, presente con il suo gioiello lucchese, Il Calamaio, ha subito riscontrato l'adesione degli iscritti, dei ristoratori locali e di noi scribacchini presso la tenuta dell'ospite Ido Mariani,a  due passi dal Lago di Massaciuccoli.

Spirito scanzonato, libertà, sicurezza e tanta voglia di mettere in mostra un lavoro che, giocoforza, è stato più paziente..in attesa delle espressioni massime delle anteprime che, di fatto, si sono svolte qui, da Mariani.

E proprio dal padrone di casa che vogliamo partire perché trasmette sempr epiù lavoro, passione, studio per applicare ad una zona difficile i crismi della suo viticoltura. Ne nascono arnesi medioevali, soluzioni geniali - il degorgement a la volé, e il vino di punta, il Segreto 2017 sempre più godibile e raffinato; il promettente Fut de Chene, sempre metodo classico, e una linea di vini spendibili. Colpisce davvero la passione di Ido, è contagiosa. Come lo è quella dell'altro attore innescante della degustazione, Samuele Bianchi, de il Calamaio che presenta il suo ormai splendido Poiana 2017, il Mi'ele e l'Antenato in gran forma ritagliandosi con il Soffio un luogo tutto suo per i bianchi lucchesi. Bianco che fa scintille è, di certo il Colli e Mare di Giardini Ripa di Versilia, presente alla degustazione informale con Lorenzo Svetlich, agronomo e discendente del casato: è sorprendente come Colli e Mare migliori invecchiando. Un vino che, qui presentato nel 2017, comincia ora a scaricare tutta la sua eleganza, la sua minerale luce verso una beva importante ma freschissima. La sensazione che il Colli e Mare sia il vermentino "da invecchiamento" non può che portar curiosità sulle vecchie annate degli Svetlich. Altro campione è, fatecelo dire, il Pittiere di Tenuta Mareli, probabilmente il rosé migliore della delegazione: fa tutto il suo dovere, invoglia all'aperitivo con spirito nerboruto, ma poi si apre anch'esso verso la luce, verso la beva estiva, senza ingombrare i sensi. Si susseguono in anteprima, il Palistorti 2019, di Tenuta di Valgiano, versione tra le migliori sentite dalla famosa casa lucchese e la simpatica e ruspante anima buona di Podere Sgretoli, in cui spicca Eclissi, 50% syrah - 50% merlot: neanche a dirlo siamo a montecarlo dove le bacche internazionali vengono rappresentate in maniera genuina, senza appesantire un corpo possente, di buona acidità.

Il clima è quello del relax, della festa di amici e i ristoratori guardano al futuro per i vini nostrani: da Daniele Poleschi di Miro a Riccardo Santini del Vignaccio, l'assaggio è un simbolo di ripartenza. Fedespina, intanto, cala un tris d'assi, principalmente su suo Pinot Nero e il suo Ca', vini che dicono al mondo che si può fare bene, elegante, raffinato anche da queste parti. A breve troveremo un bianco firmato da Antonio Farina? Scommetteteci. Bianco dell'Oca, Palatina bianco - rispettivamente di Bordocheo e di Tenuta Palatina menano la nostra beve tra freschezza e un tocco di aromaticità. Così come il notevole Vermignon di Lenzini.

Una prova di salute, d'amicizia e di voglia di ricominciare. Un grazie a Samuele Bianchi e Ido Mariani, ma amche a tutti i vignaioli FIVI presenti, che in modi differenti, personali e non conflittuali, rappresentato i nostri territori: tra i più belli al mondo.

Degorgetor

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Enogastronomia


giovedì, 2 luglio 2020, 08:30

Il Posto, Vetitia: cena d'incanto nel giardino del Palazzo Mediceo di Seravezza

Tartare di Fassona, Ravioli di Borraggine, Guancia di maiale con souffle di zucchine e barbabietola rossa, Tiramisù di Cantucci. E' questo il menu...


venerdì, 19 giugno 2020, 23:14

Franco Mare, il paradiso non può attendere

Per qualcuno il paradiso, ammesso che esista, corrisponde all'aldilà: noi, perdonateci, ma preferiamo accontentarci, si fa per dire, dell'aldiquà. Video


domenica, 14 giugno 2020, 18:44

Dopo tre mesi riparte l'Enoteca Marcucci: Pietrasanta torna a sorridere

Potevamo mancare, dopo tre mesi di agonia, alla ripartenza del locale dell'amico Michele Marcucci? No, non potevamo e, allora, ci abbiamo infilato anche una videointervista


mercoledì, 3 giugno 2020, 19:31

Enologia in rosa, ma non solo: il paradiso di Donatella Cinelli Colombini

Alla Fattoria del Colle di Trequanda si riapre l'accoglienza ai turisti dal 1 luglio, ma il cuore dell'azienda, così come quello del Casato Prime Donne di Montalcino, batte sempre e ancora più forte


lunedì, 1 giugno 2020, 15:44

La Griglia di Varrone apre..a Pietrasanta!

Lo scoop era nell'aria da giorni e le voci si susseguivano denotando i perché, i se e i ma di una notizia che non può che far la gioia degli amanti della buona ciccia a 360°. Massimo Minutelli,


mercoledì, 27 maggio 2020, 19:00

Manager dell’enogastronomia con Confesercenti e la Buca di S. Antonio

Manager dell’enogastronomia, della tipicità e della ristorazione: questa la figura professionale oggetto del percorso formativo gratuito MAESTRO, organizzato a Lucca da Cescot Toscana Nord


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


directo web agency


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!