prenota

prenota
prenota_spazio

Anno X

domenica, 7 marzo 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Finalmente da Chiara e Betty al ristorante La Torre di Montecarlo

domenica, 24 gennaio 2021, 10:47

di aldo grandi

Con la Toscana in zona gialla - e speriamo che continui a restarci a lungo - anche i ristoratori, sia pure a metà, sono tornati a respirare. Locali aperti, quindi, a pranzo e asporto, purtroppo, per la sera. Ma tant'è. Meglio non scendere in polemiche almeno oggi che siamo saliti, si fa per dire, al ristorante La Torre a Montecarlo, all'interno dell'agriturismo omonimo. Ad attenderci, avevamo prenotato, Chiara Gambacorti ed Elisabetta Gemignani, figlie d'arte all'insegna della gastronomia più genuina.

Avevamo, in realtà, già chiamato una settimana fa, ma ci era stato spiegato che la scelta, dovuta anche alla necessità di organizzare la riapertura, era slittata di una settimana, così avevamo prenotato per sabato 23 gennaio a pranzo. Dopo un paio di giorni di rovesci costanti e intensi - e poi qualcuno venga a parlarci di siccità questa estate - uno squarcio di sole ci ha accolto all'ingresso del ristorante sulla salita che conduce al borgo di Montecarlo.

Restiamo fuori, si sta bene, farà fresco, ma non ci spaventa assolutamente. Sarà un caso, ma ogni qualvolta mettiamo piede - e stomaco - da queste parti, sarà per l'ambiente circostante sarà per la gentilezza e l'accoglienza delle nostre chef, puntualmente riceviamo un beneficio robusto sia per il corpo sia, soprattutto, per l'anima. Consigliamo vivamente il posto a chi ha voglia di evadere, per qualche ora, dalle ansie delle nostre esistenze quotidiane.

Ovviamente non c'è bisogno, o quasi, di dare una occhiata al menu. Quando veniamo qui, abbiamo ben chiaro cosa vogliamo e, in cima alla lista, ci sono gli immancabili, fantastici, appetitosi, roba da strapazzo delle papille gustative, spaghetti alla Beppe, una ricetta semplice, ma originale che il papà di Elisabetta, Gian Piero, il proprietario del ristorante Solferino a San Macario in Piano. L'unico problema è che i classici 120 grammi non ci bastano così chiediamo a Betty il raddoppio e la risposta non può che essere affermativa. Aggiungiamo un pecorino al forno con radicchio, zucchine e altre verdure al forno. E attendiamo.

Inganniamo l'attesa degustando una fetta di pane bagnata con l'olio bio della Fattoria La Torre, dal gusto amarognolo, squisito. Anche la focaccia della casa, morbida, ci spinge al... peccato.

Quando arrivano gli spaghetti alla Beppe confrontiamo, inevitabilmente, la nostra porzione, maggiorata, con quella ordinata da chi ci sta accanto. Effettivamente la differenza c'è. Anche la sua è sicuramente superiore alla portata normale.

C'è poco da dire. Da divoratori quali siamo, mangiamo con gusto e il sugo nel quale sono immersi, quasi affogati, gli spaghetti, è divino. Provare per credere, una goduria della quale non ringrazieremo mai abbastanza la Thelma e Louise della gastronomia lucchese e non solo. Ci vengono in mente, se proprio vogliamo equiparare il piatto ad altri simili, le fettuccine di Alfredo in via della Scrofa a Roma o i tagliolini gratinati dell'Harry's Bar a Firenze sul lungotevere Vespucci e, perché no, per restare a queste latitudini, anche le tagliatelle che l'amico Samuele Cosentino condisce direttamente nella forma di parmigiano reggiano svuotata ad hoc.

250 grammi di pasta sono abbastanza, ma ricordando le nostre scorribande culinarie dall'amico Mario Mazzero titolare del ristorante St. Bartholomeo in via Anfiteatro - a proposito, presto arriveremo a mangiarci un po' di primi piatti alla romana - quando divoravamo 500 grammi di spaghetti cacio e pepe o alla carbonara adagiati su tanto di fiamminga ellittica, non ci meravigliamo e proviamo anche un po' di nostalgia.Ma l'età incorre ed avanza, quindi restiamo parchi.

Giunge il pecorino con le verdure ed è una delizia che lasciamo, dopo breve assaggio, a chi ci segue in queste scampagnate gastronomiche. Il sole si fa largo tra le nuvole e, finalmente, si prende tutto lo spazio necessario a riscaldarci i cuori e i volti. Che favola. 

Poi dicono per quale ragione difendiamo a spada tratta i ristoratori: semplice, essi ci rendono la vita più leggera e permettono quella socializzazione all'insegna di una riscoperta di ciò che appartiene al profondo di ognuno di noi. Il convivio, tanto per citare Platone che raccontava di Socrate. Evitiamo le polemiche, ma possibile che questa classe digerente buona, soprattutto se non soltanto, a digerire i lauti stipendi che percepisce, non si rende conto che la nostra identità storica, culturale, geografica, passa e si fonda anche su questa eccellenza nazionale che sono, appunto, i ristoratori made in Italy? 

Grazie Chiara e grazie Betty. Stiamo andando via, ma è come se già stessimo tornando.

 

Ristorante enoteca La Torre

Via Provinciale, 7 

Montecarlo

Telefono: 0583 229495

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Enogastronomia


lunedì, 22 febbraio 2021, 21:39

"IoApro", nuova marcia su Roma: "Siamo al collasso, aiutateci a non morire"

Una giornata di fuoco per i sostenitori di "IoApro". Proprio in questo momento sono di ritorno da Roma dove ieri sono scesi ancora una volta in piazza per far sentire la loro voce. Chiedono risposte, chiedono di poter lavorare


lunedì, 15 febbraio 2021, 12:23

La passione di Momi: 'massacrato' anche il giorno di San Valentino

Tre video della giornata di ieri a pranzo che immortalano la passione di Mohamed El Hawi, il ristoratore che, musulmano tra i cattolici e gli atei, combatte la propria battaglia per sé e i propri dipendenti


giovedì, 11 febbraio 2021, 09:44

San Valentino...il Pozzo di Bugia a casa vostra

Gaio in moto, pronto alla consegna con tutto il suo staff: missione amore. San Valentino, ricorrenza più che mai fondamentale in questi periodi, dove come dice Gaio "c'è bisogno di tanto Love"!


giovedì, 4 febbraio 2021, 22:03

I ristoratori 'ribelli' piantano la tenda davanti al Transatlantico

"C'è un gran casino, sia a livello governativo che nelle risposte alla nostra categoria". Questo il resoconto delle due giornate a Roma che hanno visto protagonisti gli imprenditori nel settore della ristorazione


mercoledì, 27 gennaio 2021, 14:44

Michele Bertellotti e la sua storia di arte, cucina e resilienza

Michele Bertellotti è un esempio di resilienza, di positività, di incoraggiamento ed entrare nel suo mondo, significa ritrovare un pò se stessi. Accoglie la Gazzetta in un'oasi verde e tranquilla


domenica, 17 gennaio 2021, 22:42

Addio ad Alessandro Filomena, lo chef gentile

Lutto nel mondo della ristorazione versiliese: è morto stasera Alessandro Filomena, 52 anni. Una malattia che già inficiò la sua ultima avventura, quella al Coquus, ultima tappa di tante battaglie, di tante soddisfazioni e di tanti sacrifici ai fornelli.


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


directo web agency


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!