Anno XI 
Lunedì 8 Agosto 2022
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da aldo grandi
Enogastronomia
18 Luglio 2022

Visite: 247

Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar... Chi, come noi, ha varcato la soglia del mezzo secolo e anche da un pezzo, non può non ricordare questa sorta di canzoncina la cui melodia sfociava, a volte, nella tristezza di un lontano passato dove i contadini si imbarcavano in cerca di lavoro e fortuna sulle navi che li avrebbero trasportati nell'America meridionale ancor prima e ancor più di quella settentrionale. 

Ieri sera, una domenica con una temperatura oscillante tra i 35 e i 37 gradi, non avevamo le cento lire con noi né la mamma che avrebbe dovuto darcele. Avevamo, però, una grande voglia di vedere poca gente e stare in compagnia di poche persone a mangiare bene e bere altrettanto. Così, abbiamo pensato che sia pure senza le storiche e mitiche cento lire bensì con gli euro, un salto in Versilia avremmo potuto farlo e abbiamo scelto di andare dove, ormai, andiamo spesso e dove ci condusse l'amico Massimiliano Simoni un anno fa dopo la presentazione, alla Versiliana, della biografia di Giorgio Almirante in compagnia della figlia Giuliana.

Al Bagno Biondetti-ViennaLuce si sta da Dio con la d maiuscola. Quiete, colori tenui, piante e fiori da sembrare un'oasi ancor più che un giardino, gentilezza dei proprietari, accoglienza piacevole e sincera, simpatia da vendere e, diciamolo pure, un vero e proprio barman in grado di preparare bevande analcoliche e alcoliche da far girare la testa. Si chiama Francesco Zuccarelli, modesto, discreto, riservato, mai invadente, ma professionale e con una grande passione. Appena giunti al bagno, sul lungomare di Focette, insieme ai colleghi e collaboratori delle Gazzette Marco Materassi e Loreno Bertolacci, più un livornese doc che ci ha seguito per tanti anni, Maurizio Grandi, ad attenderci un cocktail analcolico alla frutta che aveva il grande e non facile pregio di non essere assolutamente stucchevole e dolcificato.

Provate ad andare, almeno una volta, durante la settimana o anche nel week-end se avete voglia di musica e divertimento, al ViennaLuce, il lounge bar che precede il Bagno Biondetti e che gli è attaccato. Arredi stile Miami anni Trenta, ricordate il Grande Gatsby?, tanto gusto e il piacere di stare seduti comodi a scambiare quattro chiacchiere degustando qualcosa in attesa di sedersi a tavola per la cena. Questo volevano i fratelli Menici da Prato, Giacomo, Isacco e Monica con il figlio di quest'ultima Naghy, un luogo dove stare bene è sinonimo di stare insieme e viceversa, dove le eccellenze gastronomiche la fanno da padrone grazie ad una invenzione della capostipite mamma che si inventò queste miracolose-meravigliose focaccine atelier, una sfoglia di pasta leggera e digeribilissima con, in mezzo, tutto quello che la gola può immaginare di mandare giù per l'esofago ad uno stomaco che aspetta solo di potersene occupare. 

La Versilia è diversa da ogni altro luogo. Non è caciarona, non è la riviera romagnola e, per fortuna, non lo sarà mai. Qui la gente cerca altro che il caos o il brulichio di gente nemmeno fossero acciughe in scatola o formiche che si muovono all'impazzata. La Versilia e, in particolare, Marina di Pietrasanta e Forte dei Marmi, sono una eccellenza che non conosce confini e che sa essere di tutti, ma mai completamente di nessuno se non di se stessa.

Ci sono, è vero, locali stellati , ma a noi le stelle piace guardarle nel cielo mentre a tavola amiamo i gusti della tradizione e, sul mare, il pesce cucinato senza dover per forza passare dalle ricette della nuovelle cuisine francese o che, comunque, le assomiglia. Per questo ci siamo innamorati di Biondetti, perché quando siamo sbarcati a queste latitudini abbiamo scoperto che qui è la sostanza che conta, ancor più della forma, dove si mangia italiano anche se ai fornelli c'è un gentleman e chef egiziano di nascita, ma che vive da noi e ha sposato, appunto, una italiana 40 anni orsono. 

Non è la prima volta che Dani Kemal ci sorprende e ci spiazza con la sua cucina dai molti colori e altrettanti sapori, inventata sul momento per deliziare non solo le nostre papille gustative, ma, anche, le pupille e se osservate il vassoio che è arrivato ieri sera sulla tavola, beh, che meraviglia per i nostri occhi che hanno immediatamente trasmesso il segnale alle nostre papille che non se lo sono fatto ripetere due volte per mettersi in movimento. Pasta Rummo, una azienda italiana fondata alla metà dell'Ottocento a Benevento da Antonio Rummo, una società, tanto per dire, che nel 2019 ha fatturato poco meno di 100 milioni di euro. Una eccellenza italiana che il mondo ci invidia.

Il loro slogan è «Pe' fa' 'e cose bone ce vo tiemp» e hanno ragione. Giacomino Menici vorrebbe portarci focaccine Atelier per tutta la sera, ma noi chiediamo un primo come lo sa fare solo Dani Kamal, suo cognato. E allora lasciamo carta libera e aspettiamo fiduciosi. Poco dopo eccolo, il vassoio con uno spaghettone che resta a galla, ma per poco, immerso in una vellutata di zucchine con pomodorini e battuta di gambero fresco, cozze e vongole veraci. Maestosi solo a guardarli, figuriamoci, poi, dopo averli assaggiati. E così, infatti, è. C'è chi, davanti a noi, se ne approfitta e in barba alle regole della buona tavola e della buona compagnia, si appropria di almeno la metà del contenuto della fiamminga. Salvo, poi, di fronte alle rimostranze di un Materassi mitico in tutti i sensi, ex dirigente di banca quando le banche avevano ancora un senso e un ruolo, giornalista sportivo dotato di memoria prodigiosa - meglio di lui solo Luca Tronchetti ed è tutto dire - restituire il maltolto ossia una buona porzione di spaghetti intonsi.

Il vino è un esperimento: la fattoria Buonamico di Montecarlo che ci ha deliziato a volte con il suo rosé Particolare molto conosciuto e venduto, ha messo in commercio un vermentino che a nostro avviso e dopo averlo bevuto, va degustato a temperatura molto, ma molto fredda, soprattutto se, fuori, fa caldo come in questi giorni. Non male, in quattro ce ne sciroppiamo due bottiglie. 

Chiudiamo con un déssert alla crema chantilly con fragole, una bella e buona bomba calorica, ma chissenefrega. Arriva anche un po' di venticello, leggero invero, ma si comincia a stare meglio e sono quasi le 23. Serata rilassante, di quelle che non finiscono mai o che, se finite, dovrebbero ripetersi e ricominciare al più presto. Potreste pensare che siamo esagerati o che spariamo boutade per chissà quale ragione. E allora provate a trascorrere una serata anche voi qui, al Biondetti, località Focette Marina di Pietrasanta. Accettiamo sfide ed eventuali smentite, ma solo se con nome, cognome e anche tutto il resto menu compreso. E non pensate che vi portino via cifre impossibili. Il giusto per il giusto. Se, poi, volete lo champagne, beh, tenetelo presente.

A mezzanotte si spengono le luci cantava o qualcosa del genere un certo Domenico Modugno in una delle più belle canzoni melodiche italiane, L'uomo in frac. E a mezzanotte o poco prima abbandoniamo la nave, sicuri che, fra qualche giorno anzi, qualche sera, saremo di nuovo qua. E se partire è sempre un po' morire - Partir, c'est mourir en peu - come recitava l'incipit della poesia di Edmond Haraucourt La canzone dell'addio, tornare è sempre un po' come rivivere.

E noi torneremo.

Pin It
  • Galleria:
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Tornano gli appuntamenti del lunedì sera tra cultura e spettacolo in Piazza…

Indossate qualcosa di comodo, perché stasera a “LidoCult” si balla. La rassegna di libri pop che…

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

La Fondazione Versiliana comunica che lo spettacolo "Canta e ridi con i Legnanesi" previsto per lunedì 8 agosto al…

Mario Biondi in concerto lunedì 8 agosto a partire dalle 20,45 in piazza Maria Luisa lato…

Spazio disponibilie

Finalmente - forse - la richiesta di accesso agli atti relativamente il comitato di gestione di Villa Borbone, presentato…

"The Show Must Go On” per ridere e ricordare la nostra storia. Fuori programma, LidoCult presenta questa sera alle 21.30…

Ecco le proposte per il mese di agosto ell'associazione culturale Ville Borbone e Dimore storiche della Versilia APS: Viareggio: sabato 6…

Tornano le domeniche da ridere allo Spazio Agorà di Marina di Pietrasanta. In programma per domani sera domenica 7 agosto, lo spettacolo…

Spazio disponibilie

In occasione della mostra di pittura Pino Biggi. Disciplina del silenzio (dal 16 luglio al 15 agosto) curata da Michele Bonuomo, sabato…

L'Azienda Multiservizi Forte dei Marmi unipersonale ha indetto una selezione per la formazione di una graduatoria volta all' assunzione, a…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie