Anno 6°

martedì, 19 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

L'evento

Caro colonnello le scrivo, così mi distraggo un po'...

martedì, 16 gennaio 2018, 10:08

di aldo grandi

Ci sono momenti, nella vita di ognuno di noi, in cui le montagne non soltanto non sono russe nel senso che salgono e scendono, ma sono a senso unico e tutte, sistematicamente, in salita. Ci sono periodi, nelle nostre misere ed effimere esistenze, in cui anche una parola può essere, come scriveva e titolava Carlo Levi, una pietra, pesante e destinata a rimanere. Lo sappiamo bene noi che, giornalisti più o meno pretenziosi, con questo lavoro abbiamo a che fare da sempre.

Forse il colonnello dei carabinieri attuale comandante provinciale dell'Arma a Lucca non lo sa, ma quando l'Italia dichiarò guerra alla Francia, il 10 giugno 1940, l'ambasciatore Francois Poncet, al momento di essere ricevuto dal ministro degli Esteri dell'Italia fascista Galeazzo Ciano, appresa la notizia, amareggiato e sbalordito, rispose: «E' un colpo di pugnale inferto a un uomo per terra. Vi ringrazio, conte, di usare un guanto di velluto».

Ecco, il 22 dicembre 2017, alla vigilia di un Natale che, per chi scrive, non è né mai potrà essere un giorno di letizia, il colonnello Giuseppe Arcidiacono non ha usato nemmeno un guanto di velluto per avvisarci, almeno prima di farlo, che saremmo stati denunciati, noi e la Gazzetta di Lucca, per l'articolo 290 del codice penale, ossia vilipendio delle forze armate. Un provvedimento di sequestro preventivo immediato ci è stato notificato dai carabinieri della compagnia di Castelnuovo Garfagnana che, con la loro straordinaria gentilezza e umanità, ci hanno accolto, il sottoscritto e la sua meraviglia, febbricitanti con 39.2, per consegnarci il provvedimento firmato dal pubblico ministero su richiesta del comando provinciale di Lucca.

Aldo Grandi, ossia l'autore di queste righe, ha avuto un suocero, Giuseppe Ricci, appuntato dei carabinieri, fratello di Domenico, l'autista di Aldo Moro, trucidato da Raffaele Fiore, brigatista rosso, a via Fani il 16 marzo 1978. Quando chi scrive ha letto il provvedimento di sequestro della sua pagina denominata "Coglioni in divisa" e destinata a raccogliere articoli e testimonianze a favore di carabinieri e poliziotti vilipesi, dileggiati, umiliati, massacrati dai mass media del Pensiero Unico dominante, è rimasto di sasso. Per anni, in casa, abbiamo respirato la tragedia di quel marzo 1978, per anni, il sottoscritto ha lavorato come cronista di nera a stretto contatto con le forze di polizia e senza alcuna forma di sciocco o anche intelligente servilismo si è guadagnato rispetto e fiducia.

Ebbene, ci voleva un comandante dell'Arma inviato a Lucca e presentato al sottoscritto previa telefonata del generale Salvatore Maiorana, per mandarlo sotto processo per una pagina manifestamente a favore delle forze dell'ordine e tutt'altro che offensiva nei loro confronti. Anzi. Certo, era una pagina che difendeva una divisa e quel coglioni non stava certo lì per ridicolizzarla o vilipenderla, ma per rafforzarne la provocazione derivante dalla coscienza e dalla consapevolezza che agenti e militari hanno, spesso, di veder sottovalutato e vanificato il loro lavoro.

E' vero, caro colonnello Arcidiacono, lei mi aveva amichevolmente chiesto tre volte di togliere quel nome e altrettante io le avevo spiegato che si trattava di una provocazione che non aveva niente di offensivo e lei aveva anche convenuto su questo. Poi, improvvisamente, ecco arrivare la denuncia e il sequestro, senza nemmeno, ci perdoni, il granchio pardon il guanto di velluto che Galeazzo Ciano usò in quel lontano giugno di tragedia.

In questi giorni in cui la sofferenza, il dolore, l'amarezza, la sfiducia hanno assalito questo scribacchino di provincia fin quasi a fargli maledire il giorno in cui ha cominciato a scrivere, non sono venuti meno l'affetto, la stima, la vicinanza e l'amicizia di carabinieri, ufficiali e non solo, e poliziotti, dirigenti e non solo, che si sono offerti di venire a testimoniare al processo che sarà intentato contro Aldo Grandi per vilipendio delle forze armate.

Aldo Grandi, giornalista professionista dal 1992, collaboratore di varie testate tra cui La Nazione e Il Corriere della Sera, autore di libri e biografie per Einaudi, Baldini&Castoldi, Sperling&Kupfer, Rizzoli, Mursia e altri ancora, sarà al banco degli imputati con, in mano, per prima cosa, la pagina di quel 17 marzo 1978 in cui fu annunciata e descritta la strage di via Fani. Questo per un atto di onestà intellettuale che chi scrive credo sia lecito riconoscergli sia pure davanti al cadavere di un suocero che,. ormai non c'è più e che ha perso un fratello trucidato dai terroristi che volevano cambiare il mondo e non sono nemmeno riusciti a cambiare se stessi.

Vede caro colonnello, lei ha preso non un guanto, ma un granchio di velluto e ha denunciato per vilipendio dell'Arma uno dei pochi giornalisti che per i carabinieri ha un rispetto che va oltre la divisa e che raggiunge l'essenza stessa di un corpo che non ha bisogno di credere, di obbedire e di combattere, né che è solito all' "usi, obbedir tacendo, e tacendo morir" ma che è stato capace di conservare dentro di sé la sua straordinaria umanità nel corso dei secoli.

Lei passa alla storia di Lucca per aver denunciato un giornalista sostenitore del lavoro delle forze di polizia, per vilipendio delle stesse quando lei sapeva benissimo che il nome della pagina era una provocazione all'inverso. Ma non importa. Sapremo difenderci dalle accuse e continueremo a difendere l'onore di Domenico Ricci e di tutti coloro che indossano la divisa dell'Arma che ha visto al suo vertice un uomo dello spessore del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, consapevoli e fieri di essere dalla parte giusta anche se non capiti da qualcuno.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


directo web agency


Prenota questo spazio!


Altri articoli in L'evento


lunedì, 18 febbraio 2019, 14:06

Pioggia di fiori tricolore sui corsi mascherati, ranuncoli e tulipani “local”

Pioggia di fiori tricolore sul Carnevale di Viareggio. Si rinnova la collaborazione tra Coldiretti e la Fondazione Carnevale di Viareggio che offrirà a tutti gli ospiti dei corsi mascherati bouquet realizzati esclusivamente con fiori coltivati dalle aziende florovivaistiche della Versilia come ranuncoli e tulipani


domenica, 17 febbraio 2019, 18:10

Anche The Pozzolis Family con Kinder al Carnevale

The Pozzolis Family, la famiglia più divertente del web, oggi al completo a Viareggio per il secondo corso mascherato: "Viareggio è una città che abbiamo sempre sfiorato ma in cui è la prima volta che veniamo"


Prenota questo spazio!


domenica, 17 febbraio 2019, 18:00

Benedetta Parodi e Massimiliano Rosolino con Kinder al Carnevale

Al via la seconda giornata di Corso Mascherato, all’insegna del divertimento in famiglia grazie a Kinder e alla Pentolaccia! Presenti anche Benedetta Parodi, celebre conduttrice televisiva e scrittrice, e il nuotatore ed ex campione olimpico Massimiliano Rosolino


giovedì, 14 febbraio 2019, 14:42

AISM presente a "Intriganti intrecci d'arte"

Intriganti Intrecci d'Arte, nutrito programma di performance artistiche tutte al femminile, omaggio alla creatività che non poteva mancare nel Carnevale dedicato alla Donna, ospiterà la Sezione Provinciale di AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla)


mercoledì, 13 febbraio 2019, 16:52

Ospedale Versilia: l'associazione "Piccole stelle" dona un moderno respiratore neonatale

Questo gesto d’amore dell’associazione Piccole Stelle contribuisce quindi a migliorare i percorsi di cura per i piccoli pazienti. La nuova apparecchiatura aumenterà infatti la potenzialità di intervento della Neonatologia versiliese, che avrà a disposizione una postazione aggiuntiva all’avanguardia nella gestione dei neonati con insufficienza respiratoria


mercoledì, 13 febbraio 2019, 14:38

Polizia a scuola per prevenire l'utilizzo di droghe e il bullismo

Nell’ambito del protocollo di educazione alla cittadinanza responsabile, questa mattina la psicologa Teresa Cortopassi e il dottor Gerardo Magliulo della Polizia di Stato, hanno tenuto un incontro nell’aula Magna del Nautico Artiglio per tutte le classi terze.