prenota

prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

venerdì, 18 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'interSvista

'Compagno' Vittorio, bastian contrario: un Fantozzi candidato alle regionali

giovedì, 10 settembre 2020, 15:17

di aldo grandi

Vittorio Fantozzi, 42 anni, ex sindaco di Montecarlo per dieci anni e figura di spicco della destra lucchese. Candidato per Fratelli d'Italia alla carica di consigliere regionale.

Fantozzi perché, dopo dieci anni di politica amministrativa attiva come sindaco e, adesso, come assessore comunale, la scelta di tentare l'assalto al... palazzo d'Inverno a Firenze?

Da un lato per l'opportunità offertami dalla presidente Giorgia Meloni alla quale mi lega un rapporto ventennale trascorso nel movimento giovanile di Alleanza Nazionale, dove ho ricoperto la carica di presidente provinciale di Lucca. Dall'altro la necessità di mettere a disposizione la mia esperienza per contribuire a scrivere una nuova storia per la regione Toscana. 

Lei è noto per essere un rompicoglioni ossia uno che non le manda a dire. Vero?

Sì, non ho al mio attivo, in oltre 28 anni di militanza politica, alcun incarico che non sia stato elettivo. Mai vivendo, quindi, di politica, ne sono totalmente libero.

Però la politica le piace.

E' la passione che mi ha cresciuto fin da ragazzo nell'esempio umano ancor prima che politico, di mio padre Ivaldo Fantozzi il quale, a sua volta cresciuto alla scuola dell'onorevole Beppe Niccolai, mi ha ripetuto infinite volte la mia massima preferita per cui "un uomo è in politica quello che è nella vita".

All'interno del suo partito non è che andate tutti d'accordo.

Ovvio. Non può essere diversamente. Ogni partito su piazza si compone di anime diverse spesso in contrasto tra loro non solo per i programmi e i contenuti di ordine politico, quanto sul modo di concepire l'impegno politico. Per me l'impegno politico è sostanzialmente il porsi al servizio della propria comunità per accrescerne, in ogni settore, il benessere. Tutto il resto è noia.

Certo che con quel cognome riuscire a trovare consensi non deve essere stato facile...

Fa parte del gioco, ma non solo è un bel cognome, ma il personaggio creato da Paolo Villaggio è tra i più straordinari e resta un capolavoro della lettura cinematografica italiana della seconda parte del Novecento.

Qualcuno che non le vuol bene ha detto che lei ha sempre avuto nostalgie del Ventennio...

Balle. Io sono un grande studioso di tutta la storia italiana, quella del Ventennio è una delle parti fondamentali da conoscere per capire tutta la successiva, ma anche precedente storia del nostro paese. Chi mi giudica sommariamente ha soltanto pochezza dei propri argomenti.

Che cosa c'è nella Sinistra attuale che, a lei, non piace in particolare?

Il distacco quasi completo, per certi aspetti irrecuperabile, della sua attività politica dal mondo del quale si faceva interprete. L'assenza di una Sinistra capace di parlare al proprio mondo di riferimento è una mancanza che sento nell'agone della vita politica nazionale e locale.

Perché gli elettori simpatizzanti di Fratelli d'Italia e del centrodestra dovrebbero barrare la casella con il suo nome?

Credo possono trovare nel sottoscritto quelle componenti autentiche che si richiedono ad un politico di destra. Ossia l'esperienza amministrativa dal basso con il voto degli elettori, il disinteresse per la politica intesa come incetta di incarichi e prebende, la coerenza e la militanza compiuta pubblicamente fin da ragazzo e i risultati amministrativi ottenuti, in particolare nel comune di Montecarlo.

Lei di cosa vive?

Del lavoro di famiglia come imprenditore agricolo dapprima consumatore e poi produttore di vino e olio a Montecarlo.

Molti la ricordano alla guida del suo Maggiolone cabrio con, seduto accanto, il suo cane Ventuno. Bei tempi...

Davvero. Belli. Tempi che non ritornano e che restano impressi. Il Volkswagen macina ancora chilometri, inarrestabile, Ventuno, il mio pastore tedesco, non c'è più. Rimango io con i ricordi che sono la ricchezza, ultima, di ciascuno di noi.

Tre punti del suo programma elettorale.

Tutto si concentra in una unica direzione, per l'occasione diventata slogan per cui occorre avere più Lucca in Regione. Ciò significa fare in modo che il peso specifico espresso dal nostro territorio in campo economico, turistico e culturale abbia quel riconoscimento a carattere amministrativo che, oggi, non ha e non riceve e non gli viene riconosciuto. In quest'ordine, le priorità sono chiare: risolvere le problematiche di ordine economico legate al Covid-19, le ultradecennali questioni infrastrutturali, la qualità dell'ambiente lucchese che si lega alla nostra qualità della vita. 

Cosa cambierebbe nella sua vita qualora dovesse venire eletto consigliere regionale?

Organizzarmi ancor meglio tra lavoro e politica per rispondere alle esigenze dell'intera comunità provinciale che ho avuto il privilegio di incontrare e riconoscere in questo stretto mese di campagna elettorale in Versilia, Mediavalle, Garfagnana e nella nostra magnifica Lucca.

A proposito, le facciamo una domanda su Lucca: Mario Pardini si è dimesso da presidente di Lucca Crea e si è candidato a sindaco di Lucca per il centrodestra, con la benedizione, per ora, di Marcello Pera, Matteo Salvini e Susanna Ceccardi. Lei cosa ne pensa?

Conosco Mario Pardini e, come molti altri lucchesi, ha un profilo idoneo all'impegno politico che richiede la città. Il candidato a sindaco, al di là delle legittime accelerazioni, specie in clima elettorale, non potrà non tenere conto di un percorso di condivisione, avviato per tempo e basato sul confronto più schietto, allargato a tutte le forze politiche del centrodestra nonché ai movimenti civici per evitare tutti gli errori del passato. 


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

prenota_spazio

prenota_spazio

auditerigi

prenota_spazio


Altri articoli in L'interSvista


mercoledì, 5 agosto 2020, 11:30

Massimiliano Simoni scende in pista: "La Versiliana? Da rifondare"

Per 14 edizioni è stato il direttore artistico della manifestazione più importante della Versilia. Oggi, al momento di candidarsi alle Regionali di settembre, Simoni affronta e affonda senza esitazioni


lunedì, 20 luglio 2020, 12:28

Barbara Paci, la... Barbie con un cuore e, soprattutto, un cervello grande così

Per demonizzarla l'opposizione le ha già affibbiato il soprannome di Barbie bionda e stupida: ma della bambola più famosa al mondo ha soltanto la bellezza, oggettiva, oltre a un'eleganza innata e a una intelligenza e simpatia immediate


Prenota questo spazio!


venerdì, 3 luglio 2020, 10:19

Cristiana Francesconi senza peli sulla lingua: "Se avesse ucciso e arrostito il mio gatto, mi sarei fatta giustizia da sola"

Lei è conosciuta, nel foro, come una pantera non può, certo, tollerare quello che è accaduto a Campiglia Marittima: "Chi non rispetta ci rispetta, torni a casa propria, non ne abbiamo bisogno"


lunedì, 27 aprile 2020, 16:05

Del Ghingaro 'riapre' Passeggiata, marine, pinete e viale dei Tigli: "Conte? Mi ha fatto cascare le braccia"

Il sindaco di Viareggio annuncia che non firmerà mai più provvedimenti restrittivi e che dal prossimo week-end saranno riaperte le spiagge, la Passeggiata, il viale dei Tigli, il Belvedere Puccini e le pinete


giovedì, 2 aprile 2020, 11:23

Giovanni Barco: "Coronavirus, così curo e guarisco i miei pazienti"

Medico chirurgo, professore di cure palliative e terapie ossidative con ossigeno poliatomico liquido, specializzato in farmacologia, biochimica e biochimica clinica, consulente esperto Aifa (agenzia italiana del farmaco), il professor Barco prende di petto l'infezione e spiega qual è la sua terapia


mercoledì, 1 aprile 2020, 15:38

Coronavirus, Lord George non cede nemmeno di fronte al Viminale: "Tutti a casa punto e basta"

Il sindaco Giorgio Del Ghingaro ribadisce la 'linea dura' e conferma controlli a destra e a manca. In più sottolinea nuovamente le misure anti emergenza a favore dell'economia locale: "La passeggiata genitore-figlio? C'è sempre stata"