prenota

prenota_spazio

Anno 6°

sabato, 25 maggio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Massarosa

L'ultimo saluto ad Elio Del Corto dall'Anpi e dal Pd di Massarosa

mercoledì, 13 marzo 2019, 23:09

Questa mattina si è spento Elio Del Corto. Nato a Capezzano nel 1922, ma la sua terra, la sua casa, la sua famiglia insomma la sua vita l'ha passata tutta a Piano di Conca. Iscritto all'ANPI con la tessera ad honorem, medaglia della Resistenza rilasciata dal Ministero della Difesa.

Durante la II^ guerra mondiale era un alpino della divisione Cuneense, prese parte alla campagna di Russia nel 1943 fu un punto nero nella neve che camminava per non morire durante la ritirata, dal Don fino a Gomel in Polonia. Dalle sue memorie che l'ANPI di Massarosa ha raccolto nel 2016: "La disfatta fu totale, ci avevano mandato là sapendo fin dall'inizio che non saremmo tornati. I tedeschi ce l'avevano con noi italiani e ci pestavano le mani con il calcio del fucile quando tentavamo di montare sui loro camion".

La mattina del 9 settembre del 1943, nelle primissime ore dopo l'armistizio, fu fatto prigioniero dai tedeschi a Ora in provincia di Bolzano e portato in Germania a Meppen. Era un I.M.I. Internato Militare Italiano, non un prigioniero militare come aveva deciso Mussolini in comune accordo con Hitler in quanto per convenzione non avrebbero potuto lavorare in un paese ormai nemico.

Ad Elio come a tutti gli altri I.M.I. i nazisti chiesero più volte di aderire alla repubblica di Salò, sarebbero tornati in Italia a combattere a fianco dei tedeschi, contro gli americani ma di fatto anche contro gli italiani. Poi Norimberga a riparare la ferrovia, poi nei boschi a tagliare alberi, poi altre tre destinazioni, fabbriche miniere... Indicibili sofferenze nei vari campi di concentramento compagni che morivano dalle botte ricevute, di malattia o di fame e stenti. Elio non firmò mai, non aderì alla Repubblica di Salò su invito del duce e dei nazisti che con le loro scelte si stavano prendendo la sua gioventù ma non i suoi principi di uguaglianza e libertà nei quali aveva sempre creduto.

Sempre di fronte la foto di Hitler, doveva sapere chi era che comandava lì. Finalmente la fine della guerra. Elio torna a casa a Capezzano con mezzi di fortuna e a piedi nel luglio del 1945, qui da noi in Versilia la guerra era finita nel settembre del 1944. Elio tornò 11 mesi dopo nel suo frutteto "Quando le pere cosce erano mature". 

Elio Del Corto si è impegnato molto per molti anni nella nostra associazione, ha raccontato continuando a testimoniare un profondo rispetto per la democrazia, l'uguaglianza fra gli esseri umani, la pace e l'antifascismo. E' venuto con noi nelle scuole affascinando gli studenti con la sua semplicità, la battuta facile, circa venti giorni fa era con le classi quarte del Liceo Barsanti e Matteucci di Viareggio come testimone invitando i giovani a vivere una "cittadinanza attiva" nella nostra società senza mai perdere la speranza sempre nella ricerca e nell'attuazione dei Principi della nostra Costituzione. Elio resistette per tre lunghi anni, che gli segnarono per sempre la vita, ma non tradì mai i suoi principi per un mondo più giusto, quello in cui lui voleva continuare a vivere. 

Ciao Elio non sarai dimenticato! 

Le esequie per un ultimo saluto ci saranno venerdi 15 marzo alle ore 10 nella chiesa di Piano di Conca.

Il partito democratico di Massarosa si unisce al generale cordoglio per la scomparsa di Elio Del Corto, reduce della campagna di Russia, poi deportato in Germania, e infaticabile testimone degli orrori della guerra e del nazifascismo. Elio Del Corto era uno degli ultimi testimoni di giorni che videro orrori indicibili e il riscatto della Nazione attraverso l'epopea della Resistenza. Con la sua schietta e accorata testimonianza ci ricordava come le vicende della dittatura e della seconda guerra mondiale non fossero fatti lontani, ma drammatiche vicende che avevano coinvolto e colpito la nostra gente: le migliaia di ragazzi che, richiamati alle armi, avevano visto la propria gioventù e la propria vita sacrificata sull'altare dei disegni criminali della dittatura, i civili che conobbero i drammatici giorni del passaggio del fronte nella nostra terra, fra stragi, lutti, privazioni.
Elio Del Corto di tutto questo è stato infaticabile testimone. Lo ricordiamo commossi in prima fila a tutte le manifestazioni dell'amministrazione, a partire dalle celebrazioni della Liberazione di Massarosa. Vogliamo anche ricordarlo alla nostra festa, appena un anno e mezzo fa, a cui intervenne da testimone e militante. Elio Del Corto con la propria vita ha testimoniato i valori più alti e sacri su cui si fonda la Repubblica e i fondamenti di ciò in cui crediamo

 


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda


alfrun


prenota_spazio


auditerigi


Altri articoli in Massarosa


venerdì, 24 maggio 2019, 15:21

A fuoco il capannone della Marine Service in via del Brentino

Un vasto incendio è scoppiato poco prima delle 15 in un capannone della Marine Service dove si producono stampi in vetroresina delle imbarcazioni. Sul posto i vigili del fuoco di Massa e Carrara, Lucca e Pisa


venerdì, 24 maggio 2019, 00:24

Fruzzetti (CasaPound): "Il nostro appello al voto per sfatare i luoghi comuni"

Alea iacta est. Il dado è tratto e la chiusura della campagna elettorale a Massarosa è oramai imminente. Una campagna che quest'anno ha visto tra i suoi principali attori CasaPound Italia, il movimento della tartaruga frecciata capeggiato dalla giovane candidata a sindaco Denise Fruzzetti, la quale si appresta a concludere...


corsica


giovedì, 23 maggio 2019, 15:30

Il sottosegretario alle infrastrutture Edoardo Rixi a Massarosa

Variante Sarzanese per dare uno sbocco alla viabilità locale. E reintroduzione della gratuità sul tratto autostradale Viareggio-Massarosa almeno fino a che questa importante opera viaria non sarà terminata. Sono questi i due grandi progetti che il candidato sindaco Alberto Coluccini ha avuto modo di spiegare stamani direttamente al sottosegretario alla infrastrutture Edoardo...


giovedì, 23 maggio 2019, 11:54

Baroni: "Rispetto per tutti i candidati è atto dovuto"

Ad intervenire, con una nota rilasciata dal coordinamento comunale di Forza Italia - Massarosa, è Stefano Baroni


giovedì, 23 maggio 2019, 11:12

Merciadri (M5S): "Il grafico del buonsenso"

“Il livello di spesa annuale dell’amministrazione di Massarosa? Ha più volte superato la linea del buonsenso”. Così Vasco Merciadri, capogruppo 5 stelle e candidato a primo cittadino, commenta il bilancio di mandato 2009-2019 della giunta uscente


giovedì, 23 maggio 2019, 10:40

Coluccini: "Via delibera su passi carrabili nei primi 100 giorni"

Abolizione delle delibere che hanno imposto i passi carrabili e pescato ingiustamente delle tasche dei cittadini. E' il primo impegno che Alberto Coluccini prende per i primi 100 giorni di mandato amministrativo se sarà eletto sindaco a Massarosa


Ricerca nel sito


directo web agency


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!