prenota

Anno X

sabato, 31 luglio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Massarosa

La rivolta dei revisori dei conti contro l'opposizione in consiglio: "Ora basta con le offese e le critiche senza senso"

martedì, 1 giugno 2021, 20:15

di diego venturini

Da quando a Massarosa si è insediata la giunta Coluccini, il clima politico del comune ha raggiunto temperature altissime. Forse perché la sinistra pensava di riuscire a vincere dopo dieci anni di governo, anche se si presentavano frammentati e non vi era una vera e propria coalizione, o forse perché, molto semplicemente, a Pd e compagni vari non è andata giù la sconfitta o, per dirla meglio, la vittoria del centrodestra. Perché se è vero che il dibattito, da due anni a questa parte, si è fatto sempre più acceso, è altrettanto vero che ad accendere la miccia e a buttare sempre più benzina sul fuoco sono stati proprio loro, "quelli di prima". 

Tutto ha raggiunto l'apice con la dichiarazione di dissesto, quando Coluccini ha dimostrato pubblicamente che qualcosa non andava e che aveva per le mani una patata bollente non indifferente, figlia di una cattiva gestione della cosa pubblica da parte del suo predecessore Mungai. E con questa patata bollente, l'attuale sindaco si è bruciato le mani, addossandosi tutte le responsabilità: pochi onori, tanti oneri. Ma le colpe no. 

Le colpe, e Coluccini lo ha ribadito con costanza e determinazione, sono da ricercare nel decennio di amministrazione a trazione Pd e centrosinistra. Anche perché sarebbe stato assurdo e paradossale pensare che in qualche mese la nuova giunta fosse riuscita a gettare il comune in dissesto. Ci dovevano essere radici ben più profonde. 

Da lì è cominciato il pubblico linciaggio. Anziché fare mea culpa, stare zitti ed offrire collaborazione, i consiglieri di centrosinistra hanno cominciato a definire il dissesto come una grande montatura orchestrata dalla neo-insediata amministrazione, accusata di aver messo su un teatrino ad hoc solo per il gusto di sputare merda addosso a "quelli di prima". 

La storia non sta in piedi e l'opposizione, che da quasi due anni martella incessantemente l'opinione pubblica, professando la propria purezza e chiedendo a gran voce le dimissioni di Coluccini a costo di diventare un disco rotto, è arrivato ad accusare il Collegio dei Revisori, ovvero l'organo super partes che si occupa del dissesto comunale da quando il sindaco ne ha firmato la dichiarazione.

Lo ha fatto nel consiglio comunale del 10 aprile scorso, con pesanti attacchi e gravi accuse, e il Collegio ha risposto a tono. In una nota ufficiale, i Revisori hanno rispedito al mittente ogni parola dell'opposizione, sottolineando la propria e sempre dimostrata disponibilità, nei confronti di ogni parte politica, per chiarimenti o confronti sul questo delicatissimo tema. Ma non solo. 

"Negli atti emanati da questi collegio, prima della dichiarazione di dissesto – si legge nella nota –, si sono evidenziate le gravi criticità che già caratterizzavano il comune (già precedentemente emerse) e che hanno poi portato alla dichiarazione di dissesto. Criticità che già il precedente Collegio riferiva sia al lato finanziario-contabile sia al lato organizzativo, a sottolineare la contraddizione, questa sì, nella quale incorrono i nostri detrattori". 

Una stangata senza precedenti al centrosinistra, che da mesi e mesi va avanti con la stessa cantilena del dissesto inventato e della bontà della giunta Mungai e che ora si ritrova con le spalle al muro (per non essere volgari). E a chi si è permesso di dubitare della professionalità dei Revisori, lo stesso Collegio non tarda a rispondere. "Al di là di fantasiose ricostruzioni giuridico-contabili, la correttezza del nostro operato è stata confermata del Ministero dell'interno e dal Tar Toscana. Le presunte contraddizioni che, a detta dei nostri detrattori, sarebbero contenute negli atti di controllo, sono sirene adatte al più becero scontro politico". 

Una minoranza ormai vittima della propria boriosità (forse anche malafede?) e che, come riportano i Revisori, sarebbe pure... codarda. "Annunciano con cadenza regolare azioni legali delle quali presto si perde traccia". La sinistra ormai non sa più cosa fare. Non solo non ammettono i loro errori, ma per di più attaccano ad occhi chiusi chiunque provi a puntare il dito contro di loro. Tirano il sasso e nascondono la mano, ma questo giochino può rompersi presto e fare molto male. "I membri di questo Collegio hanno subito attacchi sul piano personale e professionale ritenuti totalmente inaccettabili e da respingere fermamente. Non saranno tollerate ulteriori diffamazioni". Punto e basta.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

prenota_spazio

auditerigi


Altri articoli in Massarosa


venerdì, 30 luglio 2021, 19:59

Stagione venatoria, inizia la consegna dei tesserini

Per appuntamento contattare l'ufficio ai seguenti numeri 0584/979358 – 979365 dalle 12:00 alle 13:30 nei giorni lunedì, martedì, giovedì e venerdì


giovedì, 29 luglio 2021, 16:16

Una villa per la ricerca medico-scientifica

Il grande gesto di generosità ed attenzione verso il prossimo giunto a compimento in questi giorni con la donazione di una Villa in via Roma a Massarosa all'Istituto Nazionale Tumori di Milano arriva in realtà da lontano, dalla volontà dei proprietari Amelio Andreazzi ed Angelina Lomi scomparsi nel 2013


corsica


giovedì, 29 luglio 2021, 10:46

Carlo Carli incontra il pubblico e presenta in anteprima alcune delle sue opere più recenti

Carlo Carli apre al pubblico il suo studio di Bargecchia e presenta in anteprima alcune delle opere che esporrà a San Gimignano nel mese di settembre


mercoledì, 28 luglio 2021, 13:46

Al PalaBarsacchi il memorial 'Eduardo D'Onofrio'

Una importante manifestazione sportiva è in programma per sabato 31 luglio al Palazzetto dello sport di Viareggio, l'evento è dedicato alla memoria di Eduardo D'Onofrio personaggio legato all'ambiente degli sport da combattimento e molto conosciuto in città


martedì, 27 luglio 2021, 11:31

Il tour del 'Premio Letterario Massarosa' inizia da Villa Bertelli

In attesa di conoscere la cinquina finalista della XXXV edizione ed entrare nel vivo della manifestazione, il Premio Letterario Massarosa va in tour e lo fa partendo da Forte dei Marmi. Primo appuntamento giovedì 29 luglio alle 18.00 a Villa Bertelli


sabato, 24 luglio 2021, 08:44

Brillante scioglie le riserve: “Al fianco di una nuova coalizione che sappia proiettare la sinistra nel futuro”

In vista delle nuove elezioni per il comune di Massarosa, Sinistra Civica e Ecologista rende nota la propria posizione in merito al suo ruolo nella nuova coalizione di sinistra


Ricerca nel sito


directo web agency


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!