Anno 6°

mercoledì, 8 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

prenota

Pietrasanta

La sorte di Games: così viene distrutto il bello

sabato, 28 dicembre 2013, 13:15

di Marco Bellentani

E' durata davvero poco l'avventura di Games, la statua del bambino che gioca aspettando l'autobus, iperealistico esame della nostra società, ma soprattutto opera di riqualificazione di aree urbane in degrato firmata da Giovanni Monreale. Il nostro articolo del 23 dicembre  Un bambino che gioca: il quotidiano di Giovanni Monreale pe rla sua città aveva smosso l'interesse per questo dono d'artista a Pietrasanta. La domanda che ci  è venuta in mente, ieri notte, dopo che la statua era stata già dannegiata con l'asporto dello smartphone su cui il ragazzino giocava, è stata: perché?

Si perché non ci sono commenti che negativi e pensieri di tristezza a vedere la statua completamente distrutta, vittima di un nuovo raid vandalico, menomata nelle gambe e spaccata in tre parti. Giunti sul posto con l'artista, la rabbia ha subito fatto posto alla consapevolezza che Pietrasanta poteva farne quello che voleva, perché era sua. Il fatto che sia stata distrutta forse ripiomba la zona del parcheggio nel degrado, tra sterco di cane e bottiglie di vino frantumate, ma soprattutto ci dice in che stato di maleducazione e inciviltà naviga il Belpaese. Tuttavia, in una breve intervista sul posto, l'artista non perde il senso del suo gesto.

Giovanni, come ci sei rimasto?

"Io non sono rimasto stupito dagli atti di vandalismo, li avevo ipotizzati. Mi dispiace per tutta quella gente che si è arrabbiata per l'accaduto, dai giovani agli anziani, in fondo il regalo l'ho fatto a tutti i cittadini che gravitano a pietrasanta."

Il tuo progetto è quello di riqualificare le zone urbane degradate, guarda come è andata a finire...

"Il progetto recupero periferie urbane va oltre questo: se la zona di Porta a Lucca non fosse stata così trasandata, non avrebbe avuto senso il progetto. Grazie al mio omaggio alla città, è saltata fuori la notizia di un degrado agli occhi di tutti. Se ognuno di noi contribuisse al belloo della città, certi luoghi potrebbero avere un'altra energia."

Perché la statua del bambino?

"Nasconde un tema sociale. I bambini sono il nostro futuro e oggi tanti bambini hanno davanti uno schermo. Se ho eseguito Games è perché ho voglia che se ne parli e che se ne prenda atto. Le mani e il video di Games erano stati danneggiati in almeno due momenti different,i tra il 23 e il 24 dicembre, e dopo che altri personaggi avevano dichiarato pubblicamente di volerla distruggere, ecco il risultato. Dico a loro che sono una minoranza e il gesto violento va contro il buon senso della maggior parte delle persone della citttadina. I vandali a Pietrasanta sono una piccolissima minoranza."

Qui la colpa è del singolo, non si può certo parlare dell'amministrazione, ma perché accanirsi sulla statua?

"Bella domanda, bisognerebbe chiederlo ai colpevoli, cercando una strada di sensibilizzazione in modo che questi atti avvengano sempre meno. L'amministrazione deve solo lavorare sul tessuto sociale."

Che farai, la lascerai qui in questo stato?

"Certo. Da qualche giorno ho dimostrato che la scultura può avere un impatto mediatico impressionante: si parla di tessuto sociale, di tessuto urbano e ovviamente di estetica. Questa statua non è mia, è di Pietrasanta, e se è questo il suo magro destino, deciso dal degrado, così essa finirà. Io guardo oltre...la seconda tappa del progetto sarà Torino."

 


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

Prenota questo spazio!

gesamgaseluce

auditerigi

prenota_spazio


Altri articoli in Pietrasanta


mercoledì, 8 luglio 2020, 08:33

Proiezione documentario Canova al MuSA

Proseguono gli appuntamenti del calendario 2020 al MuSA, con convegni, documentari sull'arte, mostre e incontri con gli artisti. Venerdì 10 luglio alle ore 18:30, nuovo appuntamento con la proiezione dei documentari d'arte, protagonista Canova. Regia Francesco Invernizzi, 2018, 96 min


mercoledì, 8 luglio 2020, 08:30

L’omaggio a Fred Bongusto inaugura “Musica e Parole 2020” al Teatro della Versiliana

La manifestazione “Musica e Parole” ideata, prodotta e organizzata da Franca Dini, per la stagione 2020 andrà in scena al teatro grande della Versiliana sotto i meravigliosi pini dannunziani. Una location da sogno vedrà aprire la rassegna musicale venerdì 17 luglio


Prenota questo spazio!


martedì, 7 luglio 2020, 16:24

Shooting Night a Pietrasanta, la moda incontra l'arte di Fabio Viale

La moda incontra l'arte nel centro storico di Pietrasanta (Lu). La capitale internazionale della scultura e della lavorazione del marmo e del bronzo ospita venerdì 10 luglio, dal tardo pomeriggio fino alla prima serata, il contest "Miss Blumare 2020", il celebre concorso nazionale che ogni anno coinvolge decine di migliaia...


martedì, 7 luglio 2020, 16:23

Vittorio Sgarbi a Pietrasanta per "vedere" Viale

Vittorio Sgarbi a Pietrasanta per vedere la mostra di Fabio Viale. Il famoso critico d'arte ed opinionista televisivo ha visitato nella tarda serata di lunedì 6 luglio la mostra dell'artista piemontese inaugurata lo scorso 27 giugno capace di raccogliere già oltre 4 mila presenze


martedì, 7 luglio 2020, 16:15

Pietrasanta, nuovo tentativo di truffa dei falsi addetti Gaia

Arriva da Pietrasanta la segnalazione di un ennesimo tentativo di truffa in un'abitazione. In questo caso un malintenzionato si è presentato alla porta di casa di una signora e, qualificandosi come operatore GAIA, ha chiesto di poter entrare per verificare la presenza di rame nell'acqua che sgorga dalle condutture domestiche


martedì, 7 luglio 2020, 14:20

La Versiliana dedica al Maestro Ennio Morricone il concerto inaugurale del 41° Festival

Domenica 12 luglio alle 21.30 le più belle pagine musicali composte dal più amato e geniale compositore che ha segnato la storia del cinema, risuoneranno nel grande Teatro della Versiliana per il primo grande evento con cui il celebre e storico Festival darà ufficialmente il via alla sua 41° stagione di spettacoli,...