Anno 6°

venerdì, 14 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

prenota

prenota

Pietrasanta

La campionessa italiana Eva Prayer Galletti nuova allenatrice di judo alla palestra Fujiyama

domenica, 22 settembre 2019, 22:17

di diego venturini

Un'importante novità sportiva nel nostro territorio. Eva Prayer Galletti, judoka professionista classe 1982, ricoprirà il ruolo di allenatrice alla palestra Fujiyama di Pietrasanta, presso i plessi dell'istituto Don Lazzeri. Una carriera, la sua, ricca di successi e di soddisfazioni. Cominciò a praticare judo all'età di nove anni, nei centri ginnici di Massa, per poi venir notata poco più che tredicenne da alcuni tecnici del settore in occasione delle sue prime gare ai campionati ragionali. Da lì l'ascesa: gli allenamenti a Cecina (avendo come compagna di pratica Giulia Quintavalle, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Pechino del 2008), i successi ai campionati italiani a soli 17 anni (ne vincerà sei, due in singolo e quattro a squadre) e la partecipazione ai campionati europei, mondiali e alle qualificazioni di Londra 2012. Nel 2004 entrò poi a far parte del Centro Sportivo dell'Esercito, dove l'attività sportiva diventò un vero e proprio lavoro e le permise di arrivare terza ai mondiali militari di San Pietroburgo. Trasferita nel reggimento logistico della Folgore, cominciò a dedicarsi all'insegnamento: prima a Massa e, d'ora in poi, a Pietrasanta.

"La palestra è attiva da ormai più di 50 anni ed era rimasta senza un allenatore stabile", ha spiegato la Prayer. "La struttura ha tanti iscritti per la pratica dell'aikido, ma la mia volontà è quella di aumentare l'attività agonistica del mio sport, il judo. Mi occuperò dei bambini dai 4 ai 14 anni, una fascia di età che permette loro di assimilare degli insegnamenti molto importanti per la vita quotidiana. Il judo, infatti, insegna a rispettare gli altri, favorisce la socializzazione, sviluppa capacità motorie e cognitive e aumenta la velocità di scelta e azione: tutte sfumature caratteriali che in una persona possono fare la differenza, soprattutto in ambito scolastico".

I corsi sono programmati alla palestra Fujiyama di Pietrasanta, il martedì e il giovedì, dalle 18 alle 19.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

Prenota questo spazio!

gesamgaseluce

auditerigi

prenota_spazio


Altri articoli in Pietrasanta


giovedì, 13 agosto 2020, 16:44

Covid in discoteca, negativi gli 11 contatti stretti

Le prenotazioni per l’effettuazione del tampone orofaringeo sono salite a 726. Perché tutto proceda in modo scorrevole, senza creare code, in queste gli il personale sta organizzando il lavoro e preparando  le liste per i diversi territori


giovedì, 13 agosto 2020, 14:40

Presentati al MuSa i due spot video prodotti dall'Ambito Turistico Versilia

Unanime entusiasmo nella platea che ha assistito stamani mattina al MuSa di Pietrasanta alla presentazione dei primi materiali prodotti dall'Ambito Turistico Versilia. Presenti i rappresentanti dei comuni, delle categorie economiche, la società affidataria della realizzazione del sito e dei video


Prenota questo spazio!


giovedì, 13 agosto 2020, 14:27

Asl: "Seven Apples, nessun ritardo nella messa in atto di tutte le azioni necessarie ad arginare il contagio"

 La direzione aziendale interviene dopo che sulla stampa locale sono apparsi diversi articoli a sostegno della tesi del ritardo


giovedì, 13 agosto 2020, 12:50

Covid, Giovannetti: "Non si può militarizzare l'estate, ma inasprimento su discoteche tardivo"

Così il sindaco di Pietrasanta, Alberto Stefano Giovannetti tornando a parlare del caso della ragazza pisana risultata positiva dopo una vacanza in Grecia 


giovedì, 13 agosto 2020, 12:45

Stefano Massini in scena per il 41° Festival La Versiliana con il suo “Alfabeto delle emozioni”

La Versiliana prosegue successo dopo successo il suo lungo percorso tra grandi nomi del teatro e spettacoli di alto livello artistico


giovedì, 13 agosto 2020, 11:20

Al Caffè de la Versiliana uno speciale appuntamento dedicato all'arte e alla passione del gelato

Nell’immaginario globale il gelato rappresenta libertà, felicità e aggregazione. Ma il gelato artigianale è molto di più: un fatto di cultura, un’arte tipicamente italiana e nello specifico toscana, un ritorno all’infanzia sempre più sdoganato da sensi di colpa, un alimento interessante dal punto di vista nutrizionale