prenota

prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

martedì, 18 dicembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Politica

Bella Ciao e l' Internazionale Comunista per l'ultimo saluto a Miliziade Caprili

mercoledì, 12 giugno 2013, 20:00

di Letizia Tassinari

CIAO SENATORE, NON TI DIMENTICHERO' MAI

Addio compagno...

Migliaia di persone, tutta la città ha voluto salutare, per l'ultima volta, Milziade Caprili. Le note dell'Internazionale Comunista hanno accompagnato la bara durante il corteo, che partito dalla Croce Verde, di cui il senatore comunista era presidente, ha sfilato fino a sotto al comune. 

Lacrime a applausi, cantando Bella Ciao per l'uomo che ha segnato la vita politica di Viareggio, come vice sindaco, assessore e capo gruppo consiliare, e che non ha mai dimenticato la sua città quando sedeva al Senato.

Due ore di commozione, che ha visto uniti, in questo triste momento,  tutti i i volontari delle Anpas, delle Misericordie e della Croce Rossa, i sette sindaci della Versilia, i politici locali, provinciali regionali e nazionali, venuti a rendere omaggio alla salma di un politico dal cuore d'oro, corretto e stimato, che in tutta la sua carriera si è fatto apprezzare anche dagli avversari.  

"Questa volta, purtroppo, so che a fine discorso non mi gratificherai con il tuo solito hai fatto bene". Non poteva mancare Fausto Bertinotti, amico e compagno da sempre di Miliziade Caprili, anche da prima che diventassero il primo il presidente della Camera e il secondo il vice presidente del Senato: "Sono qui con la tua Amalia, che ti ha accompagnato per tutta la vita - ha aggiunto tenendo per mano la vedova del senatore, colei che gli ha dato tre figli, Manuel, Dario e Nilo.

Parla di getto, Fausto Bertinotti, e nemmeno lui riesce a trattenere la lacrime: "Le parole sono state i "ferri" del tuo e del mio mestiere per una vita intera - aggiunge -: "Alcune parole sono pesanti come pietre, come quelle ricordate dai tuoi compagni di scuola che pronunciasti per proclamare l’occupazione del liceo, altre parole sono leggere e non possono esserle quelle di oggi, una giornata segnata dal lutto che ha privato Viareggio e la politica di una figura così significativa. Milziade era l’amico, il compagno, era un fratello più giovane. Ci dividevano molti anni, eppure ci sentivamo figli della stessa storia e della stessa epoca, quella in cui la politica è stata il rifiuto di considerare il capitalismo il destino dell’uomo. Milziade è stato un comunista, ma prima di tutto è stato un uomo libero ed è stato un padre importante di Viareggio. Non è un caso che oggi gli rendano omaggio il Carnevale, il Cgc, la Croce Verde e tutte quelle associazioni che lo hanno avuto come padrino. Milziade era anche un uomo lieve, leggero, ma nel senso calviniano del termine. Non era un peso sull’interlocutore e sulla comunità. Abbiamo ammirato la sua ironia, che spesso ci ha fatto ridere. Milziade si definiva un comunista di destra, ma ha fatto sempre scelte di sinistra, anche quando uscì dal Pci. Ha portato il meglio della tradizione comunista e rappresentava quello che avremmo potuto essere se non avessimo scelto il peggio, e dimenticato il meglio. Oggi è solo rabbia, mi sento in rivolta col destino, questo destino che ci ha privato di te: un amico, un fratello, un grande compagno, un uomo di pace, di giustizia e di libertà, che questa volta ha perso la sua ultima battaglia, quella della vita contro la morte, ma non la fede".

"Ciao presidente - il saluto della Croce Verde è affidato a un volontario -: "Ci mancherai nel vissuto quotidiano, quando ti battevi perche' nonostante la crisi, e i tagli alla Sanità, la nostra associazione, ambulanze e ambulatori, fossero in grado di servire i cittadini. Ricordo una tua frase: " Non trasportiamo sacchi di patate, assistiamo persone". Ci mancherai anche durante le feste, quando ci chiedevi "quanto avete guadagnato?", per devolvere i soldi a chi ne aveva bisogno".

Mancherai a tutti Milziade. Sarà impossibile sostituirtii.

Mi perdonerai se oggi questo mio articolo non sarà all'altezza di tanti altri che, invece, ti sono piaciuti. Ma non riesco a smettere di piangere.  Sono tante le immagini, belle, e i ricordi che si accavallano nella mia mente, tutti legati a te in questo mio quasi quarto di secolo a Viareggio. Come ben sai non scrivo di politica, ma per te ho sempre fatto un'eccezione e ho scritto fiumi di parole per il "mio" senatore. Fausto Bertinotti, nel 2008, sfilo' al tuo fianco, durante la tua campagna elettorale a sindaco. E io ero li, con taccuino e penna.  Fausto Bertinotti sarebbe dovuto venire qui, i primi di maggio, per presentare il tuo libro, "Cronache di un'opposizione", ma ti sei ammalato. La mattina, era il 3 aprile scorso, che mori il mio babbo ti telefonai subito, disperata. Cercavo il tuo conforto, quello di un amico speciale, quale eri per me, di un fratello maggiore, quale ti consideravo, nella mia disperazione.  Il tuo cellulare, però, era spento, e sepppi dopo poco che eri appena stato ricoverato in ospedale. Un calvario, anche il tuo, durato poco. Non ho potuto salutarti da vivo. Darti un abbraccio, un bacio, e dirti che che ti ho sempre stimato, e voluto moltissimo bene. Dopo mio padre te ne sei andato anche te. Dopo lui, oggi, ho perso un'altra persona importante della mia vita.

Ciao compagno, buon viaggio, e come ha detto Fausto..."verrà il tuo tempo". Io non ti dimenticherò mai.

(Foto Fiorenzo Sernacchioli)


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


ughi


Terigi auto 2014-15


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


Altri articoli in Politica


sabato, 15 dicembre 2018, 21:17

Assoluzione per chi contestò Salvini, esultano i centri sociali e la Sinistra

Gioiscono e prendono ulteriore slancio da questa sentenza l'Unione Inquilini, Potere al Popolo, Repubblica Viareggina e Cantiere Sociale Versiliese. Quando hanno sentenze a favore, sono i primi a difendere i giudici, quando vengono condannati accusano la magistratura di essere al servizio dello stato


giovedì, 13 dicembre 2018, 14:03

Torre del Lago, da Marchetti (FI): "Chiedo alla regione manutenzione e sicurezza, sale museo e posto di polizia"

Mozione del Capogruppo regionale di Forza Italia Maurizio Marchetti: "La Regione può e deve attivarsi presso tutte le autorità e istituzioni del caso"


Prenota questo spazio!


mercoledì, 12 dicembre 2018, 16:31

Baldini, Pacchini e Pacilio al muraglione ed alla casa famiglia per un sopralluogo

Danila Aloisi - la mamma di Pietro, diversamente abile autistico - questa mattina ha chiesto a Massimiliano Baldini, Maria Domenica Pacchini ed Annamaria Pacilio, Capigruppo di Movimento Cittadini, Lega e M5S ma anche membri eletti del Gruppo Disabilità della Commissione Pari Opportunità, di accompagnarla proprio al Muraglione, dove questa estate...


mercoledì, 12 dicembre 2018, 12:49

"In Versilia la risonanza magnetica non s'ha da fare": lo sfogo di Marchetti (FI)

La ricostruzione è del capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Maurizio Marchetti che stamani ha iniziato a sfogliare il report messo in rete dalla Asl Toscana Nord Ovest sul monitoraggio dei tempi d'attesa nei vari ambiti di garanzia, zona ed ex Asl, aggiornato al 30 novembre 


lunedì, 10 dicembre 2018, 10:43

Sanità in Versilia, Marchetti aderisce alla manifestazione di sabato: “FI al fianco di cittadini e lavoratori”

Lo annuncia il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Maurizio Marchetti, storico detrattore delle condotte con cui Regione e Asl vanno intervenendo sul sistema salute in Versilia nel suo complesso, e a livello ospedaliero in particolare


venerdì, 7 dicembre 2018, 09:47

Versilia tra le peggiori di Toscana per depuratori fuori norma: la denuncia di Marchetti (FI)

A parlare il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Maurizio Marchetti, autore di un’interrogazione a risposta scritta in cui chiede alla giunta toscana dati, luoghi e stato procedurale in particolare degli iter autorizzativi per gli impianti