prenota

Anno 6°

venerdì, 23 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Politica

Cremazione, pratica in costante crescita: le modifiche per adeguare la legge regionale

martedì, 9 luglio 2013, 11:00

Alcune modifiche alla legge regionale sulla cremazione, per rendere le pratiche meno disagevoli per i cittadini, e l’introduzione di un piano regionale di coordinamento per la realizzazione e la gestione dei crematori sul territorio regionale. La proposta di modifica è stata approvata dalla giunta regionale nel corso della seduta di ieri, e vuole colmare alcune lacune presenti nella legge regionale 29 del 2004, in particolare per quanto riguarda l’individuazione del Comune competente all’affidamento e alla dispersione delle ceneri e agli obblighi di custodia degli affidatari dell’urna.

La cremazione è regolamentata da una legge nazionale molto vecchia, e, in Toscana, dalla legge regionale del 2004, che però necessita appunto di modifiche e adeguamenti, per rispondere effettivamente alle esigenze di una pratica che negli ultimi anni, in Toscana come nel resto d’Italia, si è andata diffondendo molto. In Toscana le cremazioni sono cresciute dalle 5.616 del 2007 (il 13,7% del totale dei morti in Toscana, e il 9,6% del totale delle cremazioni in Italia), alle 7.810 del 2010 (il 18,8% del totale dei morti in Toscana e il 10,2% del totale delle cremazioni in Italia). E nel 2011 si è registrato un ulteriore, consistente aumento: 10.328 cremazioni.

Le proposte di modifica della giunta intendono colmare i vuoti lasciati dalla legge e andare così incontro ai cittadini per rendere loro più semplici tutte le pratiche relative alla cremazione e risolvere i problemi che spesso rendono difficile sia l’affidamento che la dispersione delle ceneri: per esempio, chiarendo le competenze dei Comuni. L’autorizzazione alla cremazione e all’affidamento delle ceneri è rilasciata dal Comune in cui è avvenuto il decesso. Le novità contenute nella proposta di modifica riguardano il sistema di controlli sulle modalità di conservazione dell’urna (che deve essere correttamente conservata in luoghi protetti da profanazione) e anche sulle finalità dell’affidamento (i Comuni devono vigilare per evitare che l’affidamento a soggetti diversi dai familiari possa costituire oggetto di attività lucrativa). Inoltre, viene riconosciuta ai familiari la facoltà di chiedere la cremazione di salme inumate da almeno dieci anni o tumulate da almeno venti.

Ma la novità più rilevante è l’introduzione del Piano regionale di coordinamento per la realizzazione dei crematori sul territorio regionale. In Toscana attualmente gli impianti crematori sono 7: ad Arezzo, Firenze, Livorno, Massa, Pisa, Pistoia, Siena. Ma in alcuni casi, l’attesa per una cremazione si prolunga fino a due mesi. E’ urgente quindi, se non la realizzazione di nuovi impianti, quantomeno una loro più corretta e razionale gestione a livello regionale. Il Piano deve essere approvato dal Consiglio regionale, su proposta della giunta, sulla base della popolazione residente, dell’indice di mortalità e dei dati statistici relativi alla scelta crematoria da parte dei cittadini di ciascun comune. Il primo Piano dovrà essere presentato al Consiglio entro un anno dall’entrata in vigore della legge.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

toyota

auditerigi

Prenota questo spazio!

prenota_spazio


Altri articoli in Politica


mercoledì, 21 ottobre 2020, 19:22

Vittorio Fantozzi vice capogruppo di Fratelli d'Italia in Regione

Nella seduta del Consiglio Regionale di oggi si è costituito formalmente il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia, forte di cinque consigliere risultati eletti con le elezioni dello scorso 20 e 21 settembre, con la nomina a capogruppo del fiorentino Francesco Torselli, già coordinatore regionale del partito di Giorgia Meloni, e...


mercoledì, 21 ottobre 2020, 18:47

Covid-19: 'coprifuoco' in piazza Shelley, Del Ghingaro firma l'ordinanza

Il sindaco Giorgio Del Ghingaro ha firmato questa mattina l’ordinanza che vieta l’accesso alla piazza e alle strade attigue, a nord e a monti della piazza stessa, dalle 21 fino alle 5 del mattino


Prenota questo spazio!


lunedì, 19 ottobre 2020, 22:02

Un monitoraggio delle linee degli studenti per raddoppiare le corse dove sia necessario in collaborazione con Regione e Ctt Nord

Menesini: 'Importante la collaborazione della Regione a concedere ulteriori bus e delle scuole ad aiutarci nel rendere il servizio sempre più puntuale'


sabato, 17 ottobre 2020, 10:31

Cgil e Uil: "Mancano tecnici, Asl richiama pensionati. Che fine farà il laboratorio farmaceutico?"

La denuncia è firmata dalle segreterie provinciali delle funzioni pubbliche di Cgil e Uil che mettono nel mirino i vertici Asl per denunciare le difficoltà e le carenze organiche nei presidi ospedalieri, nei laboratori e nel centro trasfusionale


venerdì, 16 ottobre 2020, 17:18

Troppa inciviltà nel centro di Viareggio, Cub Trasporti: "Ci serve aiuto"

Inarrestabile il degrado di piazza d'Azeglio. Questa mattina, la goccia che ha fatto traboccare il vaso: un uomo, di origini marocchine - secondo la testimonianza di un addetto ai lavori lì presente - intento a liberarsi dei propri bisogni fisiologici in mezzo alla gente e proprio davanti all'entrata del punto...


giovedì, 15 ottobre 2020, 12:58

Menesini scrive a Giani: "Abbassare percentuale riempimento bus"

Questo è quanto ha chiesto il presidente della Provincia, Luca Menesini, nella lettera al presidente della Regione, Eugenio Giani, scritta proprio per illustrare la situazione del trasporto pubblico in provincia di Lucca