prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

domenica, 18 novembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : I love book

L'uomo come un fiore di vetro. Intervista allo scrittore toscano Stefano Massetani

domenica, 13 gennaio 2013, 13:30

di Claudia Aliperto

La parola poetica racconta spesso dell'amore e delle sue sfaccettature. Passione, tormento e desiderio sono da sempre fonte di ispirazione per il poeta che li trasforma in versi. Non è, invece, così scontato che al centro del turbinio dell'amore vi sia l'uomo rappresentato nelle proprie fragilità. Stefano Massetani, scrittore  pisano (ndr, farmacista nella vita), ci offre uno sguardo altro del sentimento per eccellenza con “Fiore di vetro”, una raccolta di liriche in cui l’amore è scelta sofferta ed è l'uomo ad avere “la peggio”. L'indifferenza della donna fa scempio del “fiore di vetro” del poeta, ma questa raccolta ci insegna che l’uomo non può fare a meno di amare, prendendo a poco a poco coscienza della propria indole e della possibilità di rinascita.

La raccolta riscatta l'uomo e anche il lettore che, come spiega l'autore a La Gazzetta, “troverà tra le sue pagine un buon motivo per leggerla. Ognuno, infatti, ha la sua esperienza di vita che offre una chiave di lettura personalissima da quella di chi ha alle spalle un vissuto diverso. Chi ama la poesia d'amore potrà trovare In Fiore di vetro, una poetica a lui molto congeniale, ma anche chi preferisce differenti generi di poesia, potrà scoprire nel libro una dimensione diversa della poesia d'amore”.

Superata la soglia dei cinquantanni, aspirando alla parola di Pascoli, Carducci e Alda Merini, Massetani ha trovato nella poesia la sua espressione migliore,  “l'ispirazione arriva in maniera del tutto inaspettata e si condensa in poesia”. Pubblicata di recente con Giovane Holden Edizioni, la raccolta potrebbe avere un seguito, “credo non esista scrittore o poeta che si ritenga veramente appagato da quello che ha scritto. Questo porta a produrre in continuazione nuove opere nel tentativo di appagare la propria sete di scrittura”. La poesia sarà, dunque, ancora al centro delle prossime pubblicazioni, probabilmente con una silloge “sperimentale” che affronterà ulteriori tematiche in una chiave stilistica nuova.

E se il poeta potesse fuggire, magari su un'isola deserta?  “Esistono due tipi di scrittori: quelli che si isolano per mantenersi puri, e quelli che si lasciano “contaminare” dal mondo in cui vivono in modo da poter comprenderlo appieno – commenta Massetani – cercando di essere essi stessi parte della gente che intendono raggiungere con la loro poesia. Credo di essere uno scrittore di questo tipo, quindi non fuggirei, e poi, passata la prima settimana ad ammirare le bellezze della natura, che noia il deserto di un'isola senza poter confrontarsi con qualcuno”. Nessuna fuga dalla realtà, dunque, al resto ci pensa la poesia.

Stefano Massetani, “Fiore di vetro”, p. 72, euro 12, Giovane Holden Edizioni.


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


sabato, 17 novembre 2018, 20:33

Pacchini (Lega): "Spaccio in piazza, l'amministrazione lo sa?"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa denuncia-segnalazione inviataci da una lettrice a proposito dello spaccio di droga in piazza Dante senza che qualcuno faccia qualcosa per impedirlo


venerdì, 16 novembre 2018, 23:03

Acquisti online: agli italiani piacciono i prodotti di Poste italiane

Gli acquisti e i pagamenti in rete sono da sempre un terreno minato per gli italiani. Sono infatti molti coloro che ad oggi non possiedono una vera e propria carta di credito o che, pur avendola, non la usano per gli acquisti online.


Prenota questo spazio!


giovedì, 8 novembre 2018, 12:47

Luigi Chiatti, il tempo non cancella i suoi omicidi

Il mostro di Foligno, autore di due omicidi, cercò di farsi gioco degli investigatori scrivendo loro un messaggio in cui annunciava che avrebbe colpito ancora. E così fu. Luigi Chiatti è stato condannato a 30 anni


sabato, 3 novembre 2018, 08:58

"Vasco Zappelli, simbolo dell'incuria cittadina"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Paolo Veronesi in cui si segnala il degrado totale dell'area sportiva "Vasco Zappelli" nel cuore del Varignano


martedì, 30 ottobre 2018, 13:12

Luigi Chiatti chiede scusa: «Quel mostro non esiste più»

Fa discutere la lettera inviata da Chiatti al direttore dell'Unione Sarda. Dichiara di essere conoscenza della difficoltà di essere perdonato per l'omicidio, nel 1992, di Simone Allegretti – 4 anni – e per quello, nel 1993, di Lorenzo Paolucci – 13 anni– ma rivolge ugualmente le proprie scuse alle famiglie dei...


domenica, 28 ottobre 2018, 12:57

Giovanni Barco l’ultimo alchimista e la pietra filosofale della conoscenza

Con questo racconto, il professor Giovanni Barco vive la mitologia greca, la pietra filosofale e il sogno di perfezione dell’umano che non si rassegna alla sua imperfezione. Prefazione di Barbara Alberti


Ricerca nel sito


outlet-sport


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!