prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

mercoledì, 20 giugno 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : verso le elezioni: -22

La legge elettorale di cui non si è capito nulla

domenica, 11 febbraio 2018, 11:23

di barbara pavarotti

Siccome nessuno o quasi ha capito nulla di questa legge elettorale, proviamo a spiegarla nel modo più semplice possibile. Si chiama “Rosatellum”, dal nome del capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato. L’hanno votata tutti i partiti, tranne i 5 Stelle, Art. 1-Mdp e Sinistra italiana-Possibile (confluiti successivamente questi ultimi due in Liberi e Uguali sotto la leadership di Pietro Grasso).

Come funziona?

L’Italia è stata divisa in collegi: uninominali e plurinominali.

Un terzo dei seggi sarà assegnato tramite i collegi uninominali: ovvero quelli dove c’è lo scontro diretto fra i candidati. Vince chi prende anche un solo voto in più degli altri. E’ il cosiddetto sistema maggioritario: va in Parlamento chi ottiene la maggioranza. Gli altri sono fuori, a meno che, come spieghiamo dopo, non siano candidati anche nei collegi plurinominali.

I due terzi dei seggi, infatti, verranno assegnati col metodo proporzionale nei collegi plurinominali, i cui confini geografici non sono identici a quelli uninominali, ma più vasti. Ogni partito o coalizione ha la sua lista di candidati e otterrà un numero di parlamentari in proporzione ai voti ottenuti su base nazionale. Il sistema è uguale sia per la Camera che per il Senato.

Perché molti candidati sono presenti sia nei collegi uninominali che in quelli plurinominali?

Perché la legge prevede la possibilità di essere candidati in entrambi i collegi. Ma se lo stesso candidato non può stare in due diversi collegi uninominali, nella quota proporzionale sono ammesse le pluricandidature: ogni candidato può presentarsi in cinque collegi plurinominali differenti. Quindi ci si può candidare, per esempio, nel collegio uninominale di Lucca e contemporaneamente nei collegi plurinominali di Vattelapesca fino a un massimo di cinque. E questo è il modo più sicuro per entrare in Parlamento: se perdi nell’uninominale, puoi sempre contare sull’elezione in uno dei collegi plurinominali dove sei candidato. Ma, attenzione, vale l’ordine di presentazione dei candidati nelle varie liste. Se il capolista ha praticamente già in tasca il biglietto per i palazzi romani, non è così per i successivi in graduatoria. Tutto dipende, per chi è secondo, terzo o quarto, dai voti che prenderà il partito o la coalizione di riferimento e quindi quanti seggi gli verranno assegnati in Parlamento.

Non è possibile il voto disgiunto.

Non si può votare per un candidato e contemporaneamente per una lista che sostiene un altro candidato. Quindi scordatevi di dare il voto al vostro amico perché gli volete bene e contemporaneamente votare un altro partito. Le schede verrebbero annullate. Due segni sulla scheda elettorale si possono fare, ma all’interno del partito o coalizione scelti: per barrare il nome del candidato al collegio uninominale e per scegliere una delle liste che lo appoggiano.

Nel proporzionale non sono ammesse le preferenze.

Le liste dei candidati del proporzionale sono bloccate. Sulla scheda elettorale troverete, nello spazio apposito, da due a quattro nomi. Non si può indicare una preferenza. Sarà eletto, come detto, in automatico il capolista e, a seconda dei voti ricevuti dal partito e quindi dei seggi disponibili, anche i successivi.

Ecco la scheda elettorale

Per capire meglio come si voterà, guardate in foto il facsimile della scheda che troverete nelle urne. Il candidato del collegio uninominale è scritto bene in grande in alto. Se lo volete, barrate sul suo nome. E potete mettere una X anche su una delle liste che lo sostengono. O nel caso di partito unico, sul simbolo del suo partito. Oppure potete limitarvi a barrare il simbolo del suo partito o, nel caso di coalizioni, di uno dei partiti alleati.

L’importante, pena annullamento del voto, è non mettere mai più di due segni sulla scheda ed entrambi devono essere all’interno della stessa area della scheda elettorale.

Sotto ai nomi scritti in grande dei candidati troverete, accanto ai simboli del partito, una lista da due a quattro nomi scritti in formato più piccolo. Mai barrare su questi nomi perché sono i listini bloccati del proporzionale (i collegi plurinominali), altrimenti il voto viene annullato. Dovete barrare, come detto, in queste caselle solo il simbolo del partito che intendete votare.

Per il Senato si vota solo se si ha 25 anni.

Ormai è talmente paradossale che forse non lo ricordate. Per il Senato può votare solo chi ha già compiuto 25 anni. Lo dice la Costituzione, articolo 58, e questo sbarramento, seppur giustificato 70 anni fa, è, ormai, un’incredibile discriminazione di cui nessuno si occupa. I pieni diritti elettorali sono negati in Italia a quattro milioni e mezzo di cittadini. Siamo l’unico paese al mondo in cui è così. Cerchiamo il voto dei giovani e poi glielo neghiamo.



 


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda


Prenota questo spazio!



prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


giovedì, 7 giugno 2018, 09:24

"Giornate Rosse del 1920, lettera aperta alla città"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta di Andrea Genovali in si chiede ai cittadini di Viareggio di inviargli notizie e testimonianze relative alle Giornate Rosse del 1920


martedì, 29 maggio 2018, 18:34

"Quanto si dovrà aspettare per vedere una strada intitolata a mio nonno Corrado Ciompi?"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa breve riflessione di Corrado Broli, nipote di Corrado Ciompi primo sindaco di Viareggio dopo la Liberazione, in merito alla mancata intitolazione di una strada


Prenota questo spazio!


domenica, 20 maggio 2018, 17:11

Tigna nella scuola primaria Lambruschini di Viareggio

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa denuncia-segnalazione inviataci da una lettrice preoccupata per i casi di tigna appurati e verificatisi all'interno della scuola materna e primaria Lambruschini di Viareggio


lunedì, 7 maggio 2018, 14:43

"Emergenza zanzare a Torre del Lago: occorre un intervento urgente"

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera di  Alfredo Trinchese (Lega) e Alberto Pardini (Fratelli d’Italia) indirizzata al Comune di Viareggio al presidente del consiglio comunale Gifuni Avv. Paola, al Sindaco Del Ghingaro Giorgio e al dirigente dell’ufficio ambiente Giovanni Arch.


lunedì, 30 aprile 2018, 14:48

"Ecco che cosa è accaduto in discoteca"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di precisazione inviataci dagli avvocati Riccardo Carloni e Chiara Romanini per conto dei propri assistiti Enrico Botta e Daniele Tinagli


sabato, 28 aprile 2018, 16:32

"L'asse di penetrazione è un progetto vecchio di 40 anni che andrebbe rivisitato"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento degli Amici della Terra Versilia in risposta al sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro 


Ricerca nel sito


outlet-sport


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!