Anno 6°

mercoledì, 8 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : sulla scena del crimine

Don Pilade Niccoletti, un mistero ancora tutto da scoprire

lunedì, 20 agosto 2018, 15:19

di anna vagli

Don Pilade Niccoletti nacque a Forte dei Marmi, nella parrocchia di Querceta, il 15 novembre 1921. Entrato in seminario a ventotto anni dopo aver combattuto la seconda guerra mondiale, fu ordinato sacerdote, nel giugno del 1953.

Dopo diversi anni di sacerdozio lontano da casa chiese ed ottenne per motivi familiari il trasferimento presso la Parrocchia di San Bartolomeo.

L'incontro del nuovo parroco col suo popolo – avvenuto il 1 maggio 1964 – fu alquanto toccante ed è rimasto lungamente scolpito nelle menti e nel cuore di tutti.

La stima nei confronti del novello pastore venne confermata dalle feste e dagli attestati di rispetto e simpatia che, negli anni, tutto il popolo di San Bartolomeo ha voluto manifestare e tributare al suo nuove rettore.

Don Pilade era un prete poliedrico quanto basta per occuparsi davvero di tutto: dalla parrocchia, ai beni culturali; dai giovani, agli anziani; dalla cura spirituale delle persone alla ristrutturazione della chiesa.

Molti erano i ragazzi affezionati al parroco fortemarmino. Ragazzi che giornalmente affollavano la canonica trovando in lui un punto di riferimento. In particolare, dopo la scomparsa dell'amatissima madre, non lo lasciavano mai solo.

Ma torniamo all'ottobre 1985. E´ stato proprio lì, nella sua canonica, che sono entrati i suoi assassini. Assassini che forse conosceva e che forse avevano un volto ed un sorriso a lui familiare.

Erano periodi burrascosi per il buon Pilade. I diari riportano le continue incursioni ladresche che era costretto a subire e il suo ripetuto appellarsi al Signore, interrogandosi sui motivi di una società che più non conosceva "il timor di Dio".

Non è facile ripercorrere le tappe di un delitto di cui poco si è parlato e poco si è voluto parlare. Tra rapidi procedimenti di archiviazione e tentativi maldestri di insabbiamento, sappiamo che Don Pilade non era solo quel 17 ottobre di quasi trentatré anni fa. Dopo la scomparsa della madre, il giovane M. trascorreva molto tempo con lui. Un rapporto padre figlio quello instauratosi, almeno così lo definiva il parroco di Ponterosso.

Non abbiamo certezze su che cosa sia successo quella sera, ma sappiamo che quando la morte è entrata in San Bartolomeo ha incrociato anche lo sguardo dell'amato "figlioccio", come soleva chiamarlo Pilade.


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


lunedì, 6 luglio 2020, 17:39

Controlli e sanzioni sulla spiaggia della Lecciona

Riceviamo e volentieri pubblichiamo dal presidente di Legambiente Versilia la notizia di controlli e sanzioni sulla spiaggia della Lecciona nello scorso week-end: "Vogliamo far passare il messaggio che la Lecciona non è solo una "semplice" spiaggia libera, ma fa parte di una riserva naturale e come tale va usufruita"


venerdì, 3 luglio 2020, 21:03

"No a soste a pagamento ai piedi delle Apuane"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera in cui il consiglio direttivo della Sezione CAI R. Nobili di Castelnuovo di Garfagnana esprime il proprio disappunto per la decisione presa dal comune di Stazzema circa la creazione di aree di sosta a pagamento ai piedi delle Apuane


Prenota questo spazio!


giovedì, 2 luglio 2020, 15:36

"Grazie ai volontari e ai dipendenti della Croce Verde di Viareggio"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di ringraziamento ai volontari e ai dipendenti della Croce Verde di Viareggio della presidente Carla Vivoli


martedì, 30 giugno 2020, 16:14

"Incivili abbandonano rifiuti alla Versiliana"

Riceviamo e pubblichiamo questa segnalazione proveniente dall'associazione Colonia Cristiana riguardo l'abbandono di rifiuti all'interno della Versiliana


giovedì, 25 giugno 2020, 19:23

Abbandonare i propri sogni per colpa dello studio? Da oggi non più

Nel corso della vita capita di fare delle scelte dettate da esigenze diverse, come il sopraggiungere di un’occupazione stabile, il formarsi una famiglia o la necessità di far fronte a spese e problematiche varie


mercoledì, 24 giugno 2020, 15:21

"Casa della Salute a Massarosa, ripartiamo dagli atti"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera dell'ex sindaco di Massarosa Franco Mungai in merito alla notizia che il comune cercherebbe un immobile per il nuovo distretto sanitario


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!