Anno 6°

mercoledì, 8 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : sulla scena del crimine

Chico Forti, e lo Stato sta a guardare

mercoledì, 24 ottobre 2018, 12:05

di anna vagli

Chico forti veniva accusato di frode e circonvenzione di incapace nonché di concorso in omicidio per la morte di Dale Pike. L'accusa infatti sosteneva che l'italiano avrebbe voluto acquistare sottocosto il Pike's hotel e, dato che il figlio sbarcato a Miami poteva rappresentare un ostacolo, ne avrebbe pianificato l'omicidio.

In prima battuta l'arresto di Forti era stato motivato da truffa, accusa però presto smontata dai suoi legali. Questi misero in luce come, di fatto, Tony Pike possedesse solo il 5 per cento di quello che negli anni '80 era uno dei più sfarzosi hotel della Isla.

Chico riusciva così ad uscire dal carcere verso cospicua cauzione pendendo sulla sua testa ancora l'accusa di concorso in omicidio.

L'unica "prova" contro l'italiano sarebbero stati dei granelli di sabbia trovati sul gancio di traino dell'auto dopo 45 giorni dal sequestro della stessa. Secondo l'accusa infatti quei granelli provenivano da Sewer Beach. La stessa spiaggia in cui è stato consumato l'omicidio.

Grazie ad un ulteriore perizia effettuata su richiesta della difesa veniva accertato come il materiale repertato potesse provenire da una qualsiasi altra spiaggia della zona.

L'arma del delitto? Mai ritrovata. Quella che però ha sparato è stata ritenuta compatibile con una calibro 22 acquistata unitamente ad una carabina da Thomas Knott. Ironia della sorte però – sebbene la relativa ricevuta di acquisto era stata firmata dal tedesco – il pagamento era stato effettuato con la carta di credito di Chico. Knott era infatti al verde. Il commesso del negozio, sentito come testimone, avrebbe confermato di aver rilasciato la pistola al tedesco. L'esame del DNA sul guanto ritrovato accanto al cadavere di Dale Pike aveva dato esito negativo. Pur tuttavia, il 15 giugno 2000, 12 giudici popolari della Contea di Miami Bay sentenziavano la colpevolezza del Forti, così condannato per omicidio. 

A sostegno di Chico Forti sono nati numerosi gruppi facebook che chiedono a gran voce la revisione del processo per dimostrarne l'innocenza. In questo scenario, però, dopo 18 anni lo Stato resta a guardare e il nostro connazionale è dimenticato in un carcere di sicurezza di Miami...

(3 - Fine)


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


lunedì, 6 luglio 2020, 17:39

Controlli e sanzioni sulla spiaggia della Lecciona

Riceviamo e volentieri pubblichiamo dal presidente di Legambiente Versilia la notizia di controlli e sanzioni sulla spiaggia della Lecciona nello scorso week-end: "Vogliamo far passare il messaggio che la Lecciona non è solo una "semplice" spiaggia libera, ma fa parte di una riserva naturale e come tale va usufruita"


venerdì, 3 luglio 2020, 21:03

"No a soste a pagamento ai piedi delle Apuane"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera in cui il consiglio direttivo della Sezione CAI R. Nobili di Castelnuovo di Garfagnana esprime il proprio disappunto per la decisione presa dal comune di Stazzema circa la creazione di aree di sosta a pagamento ai piedi delle Apuane


Prenota questo spazio!


giovedì, 2 luglio 2020, 15:36

"Grazie ai volontari e ai dipendenti della Croce Verde di Viareggio"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di ringraziamento ai volontari e ai dipendenti della Croce Verde di Viareggio della presidente Carla Vivoli


martedì, 30 giugno 2020, 16:14

"Incivili abbandonano rifiuti alla Versiliana"

Riceviamo e pubblichiamo questa segnalazione proveniente dall'associazione Colonia Cristiana riguardo l'abbandono di rifiuti all'interno della Versiliana


giovedì, 25 giugno 2020, 19:23

Abbandonare i propri sogni per colpa dello studio? Da oggi non più

Nel corso della vita capita di fare delle scelte dettate da esigenze diverse, come il sopraggiungere di un’occupazione stabile, il formarsi una famiglia o la necessità di far fronte a spese e problematiche varie


mercoledì, 24 giugno 2020, 15:21

"Casa della Salute a Massarosa, ripartiamo dagli atti"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera dell'ex sindaco di Massarosa Franco Mungai in merito alla notizia che il comune cercherebbe un immobile per il nuovo distretto sanitario


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!