prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

venerdì, 23 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : sulla scena del crimine

Luigi Chiatti, il tempo non cancella i suoi omicidi

giovedì, 8 novembre 2018, 12:47

di anna vagli

Dopo essersi diplomato come geometra, nel 1989 Luigi Chiatti parte per il servizio militare e sperimenta le sue prime esperienze omosessuali senza avere rapporti. In quello stesso anno inizia a pensare ad una fuga con un bambino di 4 o 5 anni che aveva in progetto di rapire. Inizia così ad acquistare gli abiti necessari per il rapimento. Gli abiti vengono però trovati dai genitori in soffitta. Il Chiatti si giustifica dicendo che si era occupato di una raccolta per un'organizzazione umanitaria.

Due anni dopo – seppur assistito da supporto psicologico – pensa concretamente di rapire uno o più bambini e di crescerli fino agli otto anni. Il 4 ottobre 1992 Chiatti incontra casualmente, nel paese di Casale, la sua prima vittima: Simone Allegretti. Senza compiere alcuna violenza, Luigi fa salire il bambino in auto e lo porta nella sua casa di Foligno.

«Gli presi il pisellino in bocca, mi stavo eccitando ma il bambino si mise a piangere, voleva tornare a casa». Nel racconto Chiatti prosegue «Il suo pianto mi blocco l'eccitazione, temevo che i vicini udissero il pianto. Avrei voluto riportarlo a casa sua, ma temevo che la polizia mi avrebbe scoperto e poi il bambino piangeva, soffriva e così gli misi una mano sul collo, strinsi il più possibile senza pensare che lo stavo uccidendo. Avevo voglia di troncare tutto come se non fosse accaduto niente».

Atteso il buio, Chiatti ripone il piccolo Simone in un sacchetto di plastica e lo carica nel bagagliaio dell'auto. Convinto che non fosse del tutto morto e sentendolo muovere durante il tragitto, accosta la macchina sul ciglio della strada e lo colpisce al volto con due colpi di coltello. Dopodiché lo fa rotolare in una discarica e sparge intorno i vestiti. Rientra così a casa, ripulisce l'auto e asciuga la pipì emessa dal bambino durante lo strangolamento.

Le ricerche del piccolo Simone vanno avanti senza esito. Così, dopo qualche giorno, si costituisce Stefano Spilotros, agente immobiliare di Milano. Dopo diverse contraddizioni, Spilotros ammette di non aver niente a che fare con il rapimento, ma di voler esclusivamente attirare l'attenzione della fidanzata che lo aveva lasciato.

Al contempo Chiatti – preoccupato che qualcun'altro potesse prendersi i meriti dell'omicidio – invia un messaggio anonimo: «Aiuto! Non riesco a fermarmi! L'omicidio di Simone è stato un omicidio perfetto! Io sono ancora libero e consiglio di sbrigarvi!! Perchè ho detto di sbrigarvi? Perché ho deciso di colpire nuovamente la prossima settimana. Volete saperne di più? Vi ho già detto troppo, tocca a Voi evitare che succeda. IL MOSTRO». 

Il 7 agosto 1993 scompare di casa Lorenzo Paolucci, 13 anni. È Marcella Sebastiani, nonna dell'adolescente, a dare l'allarme.

Chiatti aveva conosciuto Lorenzo in un fine settimana trascorso nella casa di campagna dei suoi genitori, lo aveva invitato a giocare a carte e, indispettitosi dalle confessioni del ragazzo sulla cotta che aveva per una coetanea, decide di colpirlo mortalmente con un coltello durante una banale partita a carte. In preda al panico lo trascina sul ciglio di una strada consapevole che in questa occasione non sarebbe riuscito a ripulire tutto. I segni del trascinamento e del sangue fresco riconducevano alla sua abitazione.

L'8 agosto 1993 Chiatti viene arrestato e confessa di essere lui l'autore di entrambi gli omicidi.

Il mostro di Foligno è stato condannato a 30 anni di carcere dopo il riconoscimento della semi infermità mentale. Dal settembre del 2015 sconta la sua pena nella Residenza per l'esecuzione delle Misure di Sicurezza di Capoterra in Sardegna.


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 21 agosto 2019, 15:22

Oltre il circo mediatico, vi spiego perché Bossetti ha ucciso Yara Gambirasio

Ogni volta che si prova a ricordare la piccola Yara, i suoi sogni nel cassetto, la ginnastica ritmica e le modalità con le quali è stata strappata alla vita, schiere di commentatori da tastiera animano spietatamente il Bossetti Party


sabato, 17 agosto 2019, 10:16

Din Don Dan: l'omicidio di Don Pilade Niccoletti

Esattamente un anno fa, il 17 agosto 2018, iniziava la mia collaborazione con le Gazzette. Inauguravo la mia rubrica, Sulla Scena del Crimine, parlando di un cold case che ha coinvolto il nostro territorio e che è rimasto nell'ombra per oltre un trentennio: l'omicidio di Don Pilade Niccoletti


Prenota questo spazio!


giovedì, 15 agosto 2019, 06:49

Miss Grand Prix e Mister in arrivo a Marina di Pietrasanta

Da sempre la Toscana è ammirata per la sua ricchezza artistica e culturale, i paesaggi mozzafiato che ospitano molte star di Hollywood e fanno da sfondo a pellicole di livello internazionale. Ma anche per il saper vivere, la movida adatta ad ogni borsellino e per essere una fucina di femminile...


mercoledì, 14 agosto 2019, 13:17

A che gioco stai giocando Amanda Knox?

Ce lo siamo chiesti tutti o quasi. Insomma, si dice sempre l'importante è che se ne parli, e Foxy Knoxy sembra aver fatto propria questa filosofia di vita. Dopo essere diventata multimilionaria grazie al faraonico contratto firmato per scrivere un libro di memorie, la ragazza di Seattle non perde mai...


martedì, 13 agosto 2019, 16:52

Baldino Stagi: "Notizie inattendibili sulla TV di stato"

Riceviamo e pubblichiamo lettera di Baldino Stagi registrata al protocollo indirizzata al sindaco ed agli amministratori del comune di Stazzema in merito al 75° anniversario della strage di Sant'Anna di Stazzema


sabato, 10 agosto 2019, 09:32

L'omicidio di Yara Gambirasio e l'ennesimo colpo di scena: dopo anni ho deciso di dire la mia

Solitamente quando scrivo un articolo cerco di rimanere il più distaccata possibile, utilizzando il sarcasmo giusto, al momento giusto e soprattutto quando voglio far arrivare un messaggio che, apertis verbis, potrebbe essere di per sé pericoloso


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!